Conte al Tnas d’urgenza, intanto si dimette l’avvocato Briamonte | JMania

Conte al Tnas d’urgenza, intanto si dimette l’avvocato Briamonte

Conte al Tnas d’urgenza, intanto si dimette l’avvocato Briamonte

Il Tnas (Tribunale nazionale di arbitrato per lo sport del Coni) ha respinto la richiesta di istanza cautelare presentata da Antonio Conte, con cui l’allenatore della Juventus chiedeva la sospensiva della squalifica di 10 mesi inflittagli dalla Corte d’Appello federale, in attesa del giudizio di terzo grado. Il tribunale, invece, ha accolto la richiesta di …

Il Tnas (Tribunale nazionale di arbitrato per lo sport del Coni) ha respinto la richiesta di istanza cautelare presentata da Antonio Conte, con cui l’allenatore della Juventus chiedeva la sospensiva della squalifica di 10 mesi inflittagli dalla Corte d’Appello federale, in attesa del giudizio di terzo grado. Il tribunale, invece, ha accolto la richiesta di abbreviazione dei termini in seguito all’istanza di urgenza del ricorso presentata dai legali di Conte. Secondo quanto scrive oggi la ‘Gazzetta dello Sport’, la Federcalcio ha tempo fino al 5 settembre per le sue controdeduzioni. Ecco la nota ufficiale pubblicata dal Tnas:

Il Presidente del Tribunale nazionale di arbitrato per lo sport – si legge nella nota – con proprio provvedimento: ravvisata, con riferimento all’istanza ex art. 25, comma 4, del Codice, la sussistenza di ragioni d’urgenza per la definizione della controversia; ritenuto, con riguardo all’istanza ex art. 23 del Codice, insussistente, anche per l’ormai prossima costituzione del Collegio arbitrale, la situazione di particolare gravità e urgenza, richiesta per l’adozione del provvedimento cautelare; – ha accolto l’istanza ex art. 25, comma 4, del Codice e, per l’effetto: ha ridotto a un terzo il termine di pronuncia del lodo; ha ridotto a un terzo il termine a disposizione della Federazione Italiana Giuoco Calcio per il deposito di quanto previsto dall’art. 12 del Codice, fissando termine fino al 5 settembre 2012 per l’adempimento; – ha respinto l’istanza cautelare presentata, ai sensi dell’art. 23 del Codice, da Antonio Conte, con salvezza, ovviamente, della competenza a pronunciare sulla misura cautelare del Collegio arbitrale, giudice naturale della controversia proposta.

Intanto, nella serata di ieri, l’avvocato Briamonte si è dimesso dal cda della Juventus. Il suo nome è stato al centro di un vero e proprio giallo dopo il primo grado di giudizio nei confronti di Antonio Conte, tanto che nel secondo grado è stata ingaggiata Giulia Bongiorno. Una piccola scossa tellurica in società, che potrebbe essere seguita da ben più importanti movimenti?

Un commento

  1. Speriamo si strighi anche quell’incapace di marotta

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi