Comunicato Drughi: "La Juventus è morta" | JMania

Comunicato Drughi: “La Juventus è morta”

CANTO FUNEBRE PER LA JUVENTUS\r\n\r\nAPPELLO AI TIFOSI BIANCONERI\r\n\r\nDopo più di 100 anni di storia del calcio, la Juventus è morta.\r\n\r\nAldilà di quello che viene propagandato e strombazzato dai media, degni di un paese del terzo mondo, questa è ormai l’opinione più diffusa nel popolo bianconero.\r\n\r\nNon è solo una questione di risultati, è una questione molto …

CANTO FUNEBRE PER LA JUVENTUS\r\n\r\nAPPELLO AI TIFOSI BIANCONERI\r\n\r\nDopo più di 100 anni di storia del calcio, la Juventus è morta.\r\n\r\nAldilà di quello che viene propagandato e strombazzato dai media, degni di un paese del terzo mondo, questa è ormai l’opinione più diffusa nel popolo bianconero.\r\n\r\nNon è solo una questione di risultati, è una questione molto più complessa.\r\n\r\nNon esiste più una proprietà che ha davvero a cuore le sorti del club.\r\n\r\nNon esiste più uno stile mentalmente vincente.\r\n\r\nNon esiste più l’onorabilità dei tifosi, i quali vengono derisi, insultati e aggrediti verbalmente negli stadi di tutta Italia, nello stadio di Torino, nelle televisioni e sui giornali.\r\n\r\nLo stesso trattamento viene riservato in tutti gli stadi anche a 39 tifosi morti, ad ex-dirigenti, ad ex-giocatori e ad attuali giocatori della Vecchia Signora.\r\n\r\nIl tutto è condito da un imbarazzante e assordante silenzio della proprietà e della dirigenza del club.\r\n\r\nNon esiste più una società organizzata che si difenda in tutte le sedi opportune (sportive, civili e penali) e che difenda in primis l’onorabilità delle persone che hanno nel cuore il bianco e il nero.\r\n\r\nNessuno ci ha avvertiti che la Juve sarebbe morta, l’hanno ammazzata e basta.\r\n\r\nLentamente, tramando nell’ombra, con sufficienza, arroganza e snobismo.\r\n\r\nI risultati fallimentari a cui stiamo assistendo sono solo le ultime grida di dolore di una lunga storia straordinaria interrotta nel 2006.\r\n\r\nNessuno ai piani alti ha davvero voglia che la Juve torni ad essere vincente e temuta su tutti i campi.\r\n\r\nE comunque non per ora.\r\n\r\nSe anche tu la pensi come la penso io…\r\n\r\nSe anche tu soffri per lo stato attuale delle cose…\r\n\r\nSe anche tu credi che la Juventus sia una cosa molto diversa dallo spettacolo triste e allucinante a cui stiamo assistendo…\r\n\r\nSe anche tu pensi che qualcuno si sia venduto la tua dignità senza neanche chiederti il permesso.\r\n\r\nSe anche tu credi che sia necessario far capire ai piani alti della proprietà e della dirigenza che siamo stufi e che si è passato ogni limite…\r\n\r\nSe anche tu pensi che la nostra Vecchia Signora sia defunta…\r\n\r\nSe anche tu credi che sia opportuno celebrare il funerale di qualcosa a cui hai sempre voluto bene…\r\n\r\nSe anche tu pensi che sia necessario, ancora una volta, segnalare il proprio dissenso a questa dirigenza e a questa proprietà un po’ troppo amica di Tronchetti Provera…\r\n\r\nSe anche tu pensi che sia necessario e doveroso cacciare i mercanti dal tempio…\r\n\r\nAllora vieni davanti alla sede della Juventus, corso Galileo Ferraris 32, Torino, il giorno 12 Febbraio 2010 ore 19.\r\n\r\ndrughiPorta con te un piccolo cero rosso, quello con la griglia di metallo sopra (a protezione della fiamma), puoi trovarlo in qualunque supermercato per pochi centesimi.\r\n\r\nLo accenderemo insieme per celebrare la morte attuale della Juventus, in modo sicuramente sarcastico e provocatorio, ma civile.\r\n\r\nVieni vestito/a di nero, come ad un funerale, ma ricordati che anche il buio più pesto si può illuminare.\r\n\r\nProviamo NOI a far brillare una piccola luce.\r\n\r\nHanno ammazzato una squadra e una società, ma noi siamo vivi e non ci arrenderemo.\r\n\r\nNon abbiamo più voglia di farci prendere in giro da nessuno.\r\n\r\nLa Juve siamo noi, tutti insieme, e la sua storia meravigliosa ce la portiamo dentro.\r\n\r\nE quella gloriosa storia, è arrivato il momento di andarcela a riprendere.\r\n\r\nE’ arrivato il momento di far risorgere e di ricostruire un sogno chiamato “Juventus”.\r\n\r\nLA JUVENTUS E’ UN MODO DI ESSERE, DI ESPRIMERSI E DI EMOZIONARSI!!!!!\r\n\r\nLA JUVE SIAMO NOI!!!!!!\r\n\r\nFonte: Sito ufficiale Drughi

LEGGI ANCHE  Donnarumma come Bonucci: "perché non lo hanno ammonito?" [VIDEO]

7 commenti

  1. Non lo so perke ma (anzi forse lo so e come) ma dopo un anno mi spiegate cose e cambiato(tutto e nnt) nel senso ke parekkia gente nn ce piu’ ma la squadra,le figuraccie,i tonfi,le parole gettate al vento,i falsi proclami\r\nle scellerate scelte di mercato,gli arbitri ke ci trattano come la scafatese,le cagate di melo,un allenatore mediocre o cmq normale,la speranza mai doma di riavere moggi con noi e potrei continuare per ore quello almeno dal canto mio ma penso di rispekkiare parekki di voi quelle cose,quei trattamenti,quelle scelte,quelle speranze,ci sono ancora !!!!!

  2. x me sarebbe giusto fare un funerale x la JUVENTUS E CAMBIARE IL NOME DELL’ATTUALE JUVE IN EX JUVENTUS

  3. si la yuve e morta ma ve la ricordate la grande squadra di lippi delgi scudetti della cappoa campioni della coppa intercontinentale la ricordo l anno 96/97 come se fosse ieri la piu bella stagione con lippi scudetto supercoppa italiana coppa intercontinentale e finale di champions xi pensando a quello anno la yuve e morta

  4. Sono con i Drughi.\r\nPurtroppo la Juve è morta.\r\nMeglio celebrarne il funerale e toglierci dai piedi questo ingombrante cadavere.\r\nNon avrei mai creduto la famiglia Agnelli capace di tanto.\r\nQuello colpito al cuore è più che altro l’onore della società e dei suoi tifosi.

  5. D’accordo con Enrico, basta ciarlatani in società, ma non strumentaliazziamo

  6. E’ una coincidenza che Blanc abbia deciso che dal 2011 – nel nuovo stadio – ci sarà lo stop al tifo organizzato in curva?

  7. E’ proprio vero…ci hanno ammazzato la Juve..\r\n\r\nRIP

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi