Come giocherà la Juventus con Hernanes (e Lemina) | JMania

Come giocherà la Juventus con Hernanes (e Lemina)

Come giocherà la Juventus con Hernanes (e Lemina)

Gli arrivi di Hernanes e Lamina cambieranno la Juventus? Lo scopriremo nelle prossime settimane, anche se l’ex dg bianconero Luciano Moggi, ha già sentenziato: “Roma superiore alla Juventus anche senza assenti, ormai i bianconeri sono solo un gruppo di buoni giocatori”. Insomma, dopo quattro anni la Juve non è più una squadra bensì un collettivo …

Gli arrivi di Hernanes e Lamina cambieranno la Juventus? Lo scopriremo nelle prossime settimane, anche se l’ex dg bianconero Luciano Moggi, ha già sentenziato: “Roma superiore alla Juventus anche senza assenti, ormai i bianconeri sono solo un gruppo di buoni giocatori”. Insomma, dopo quattro anni la Juve non è più una squadra bensì un collettivo composto da solisti? È probabilmente quello che si è visto nelle prime due giornate, dove pare che l’eredità di quattro anni di bel gioco si sia dissolta nel nulla: tanti palloni sparacchiati in avanti nella speranza che qualcuno faccia qualcosa. Troppo brutto per essere vero, ecco perché a Massimiliano Allegri, che non è stato accontentato con il “10 top” che chiedeva, sta ora l’arduo compito di ridare un gioco alla Juve.

Nelle prime tre uscite ufficiali il tecnico toscano ha optato per un 3-5-2 interpretato soprattutto contro la Roma in versione rinunciataria. A meno che non voglia continuare con questo modulo e provare il ‘Profeta’ proprio come regista ‘alla Pirlo’ in attesa che rientri Marchisio, già contro il Chievo Verona, al rientro dalla sosta per le nazionali, Allegri dovrebbe tornare al 4-3-1-2 che molto bene ha detto lo scorso anno soprattutto in Champions. In questo modulo, Hernanes agirebbe da trequartista dietro le punte, con Morata, Dybala, Mandzukic e Zaza a giocarsi le due maglie disponibili.

Hernanes, comunque, non disdegna il ruolo di mezzala e potrebbe eventualmente essere uno dei tre di centrocampo in un 4-3-3, con l’eventuale inserimento di Cuadrado nel trio offensivo. Complicato, invece, trovare un posto all’ex interista in un eventuale 4-4-2 o 4-2-4. Moduli più consoni probabilmente all’altro nuovo acquisto, Mario Lemina, in grado comunque di adattarsi a qualunque situazione tattica. Al Marsiglia, infatti, il classe 93 francese ha ricoperto diversi ruoli: oltre che come mezzala, è stato impiegato da difensore centrale in un 3-5-2, da terzino destro, esterno destro alto e addirittura in un paio di occasioni da terzino sinistro. La duttilità di Lemina, che pare quindi essere un “Padoin” più tecnico e forte fisicamente, potrebbe essere molto utile ad Allegri e alla Juventus.

2 commenti

  1. Lemina è un giocatore da farlo giocare spesso , perché da sempre l’anima e si inserisce bene nelle trame calcistiche.
    Mi ricorda il PittBull.

    • anch’io, per quello che ho visto di lui, sono contento che sia con noi; non come quantità di goal, ma come interno potrebbe non farci rimpiangere troppo vidal.
      secondo me con un pò di fortuna sarà un’autentica sorpresa

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi