Claudio Ranieri: "alla Juve qualcuno si sarà ricreduto..." | JMania

Claudio Ranieri: “alla Juve qualcuno si sarà ricreduto…”

Da ripudiato, quando mancavano due giri dalla fine, Claudio Ranieri s’è trasformato in un rimpianto, o comunque in un tecnico da ammirare, almeno per una fetta di gente bianconera: «Mi arrivano molte lettere e messaggi di tifosi juventini, altri mi fermano per ringraziarmi, e non può che farmi piacere». Prodigio per aver portato la Roma …

RanierInConferenza_asromaitDa ripudiato, quando mancavano due giri dalla fine, Claudio Ranieri s’è trasformato in un rimpianto, o comunque in un tecnico da ammirare, almeno per una fetta di gente bianconera: «Mi arrivano molte lettere e messaggi di tifosi juventini, altri mi fermano per ringraziarmi, e non può che farmi piacere». Prodigio per aver portato la Roma lassù, subito dietro l’Inter («di un altro pianeta»), con la Juve laggiù. Sei mesi pazzeschi, passando dai petardi dentro Trigoria a venti partite senza sconfitte, come Fabio Capello. Del record, dice che non gli importa, piuttosto vuol camminare in Europa League, domani sera, ad Atene.\r\n\r\nClaudio Ranieri, più bravo lei o i giocatori?\r\n«I giocatori, senza dubbio, sono loro il pezzo importante».\r\n\r\nNon esageriamo: qualcosina conterà pure il tecnico.\r\n«Conta il feeling che hai con la squadra, e la fiducia che ottieni. E poi, come sempre, un pizzico di fortuna».\r\n\r\nStriscia da imbattuto come Capello: ci pensa al record?\r\n«Mai, davvero. Penso a domani sera, ad Atene. Per andare avanti in Europa League».\r\n\r\nNon era una coppetta?\r\n«Chiamarla così sarebbe un errore. E gli italiani dovrebbero imparare ad essere un po’ meno snob. Basta dare un’occhiata alla lista delle squadre: è una Coppa Uefa? E poi dobbiamo andare avanti, noi italiane, per il bene del nostro calcio».\r\n\r\nSe la giocherà senza Totti.\r\n«Ha un virus che sta girando: stavolta è toccato a Francesco».\r\n\r\nA Firenze il virus fu lei, e a volte lo fu per Del Piero: come si fa a tenere fuori il capitano?\r\n«Prima di tutto viene la squadra, e lo dico sempre nello spogliatoio. So che i giocatori non si leverebbero mai, ma per questo esiste l’allenatore».\r\n\r\nDomenica sera è andato a cena fuori come aveva promesso?\r\n(sorride) «Sì. Avevo già preso un impegno».\r\n\r\nMourinho se l’è presa con la Juve.\r\n«C’è un Mourinho mediatico e uno da spogliatoio: e dev’essere bravo, perché non ho mai sentito un giocatore parlar male di lui».\r\n\r\nMourinho o Bettega?\r\n«Per carità, non ci entro».\r\n\r\nA lei Mou diede del settantenne.\r\n(sorriso). «Deve stare attento, perché stanno venendo i capelli bianchi anche a lui».\r\n\r\nQuanti favori arbitrali arrivano stando sulla panchina della Juve?\r\n«Non cambia nulla. Gli arbitri fanno errori, come tutti gli uomini, in un senso o nell’altro».\r\n\r\nDel Piero sleale, dice Preziosi.\r\n«E sbaglia: lo conosco e l’ho allenato. Forse, però, quella caduta l’ha un po’ accentuata».\r\n\r\nLa Juve è ancora un’avversaria per la Champions?\r\n«Certo. Si riprenderà».\r\n\r\nTocca a Zaccheroni.\r\n«Ha fatto la gavetta, come me. Non capisco perché uno così bravo fosse fuori da tanto».\r\n\r\nJuve più forte delle sue?\r\n«Decide il feeling che si crea: e forse quest’anno non s’era formato. Ma non vorrei parlare di cose che non conosco».\r\n\r\nJuve-Roma 1-2: ha dimostrato il suo valore?\r\n«Mi arrivano lettere e messaggi di tifosi juventini, c’è chi mi ferma per la strada: magari si sono ricreduti anche altri».\r\n\r\nRibery, Diego, Xabi Alonso, Poulsen: dove iniziò il divorzio?\r\n«Non voglio fare polemiche, davvero. E vorrei fosse scritto chiaro. Tutti i giocatori che sono arrivati o che andarono via dalla Juve lo fecero con l’unanimità di consensi. Se poi alcuni giornali se la presero con me perché ero l’unico uomo di calcio, va benissimo».\r\n\r\nUna foto che s’è tenuto di quei due anni?\r\n«Tante. La prima stagione, sorprendente, e la seconda, quando trovammo la compattezza in mezzo alla tempesta. E le vittorie contro il Real Madrid, a Torino e al Bernabeu».\r\n\r\nUn giocatore da portarsi ovunque?\r\n«Lasciando stare Gigi (Buffon, ndr), che è un fenomeno, dico Chiellini: anche per il carattere».\r\n\r\nUna delusione?\r\n«Da Chiellini. Pensavo mi telefonasse, dopo l’esonero: lo fecero tanti suoi compagni, non lui. Forse era troppo deluso, lui è uno che ci tiene».\r\n\r\nScudetto è una parola messa al bando?\r\n«Sì, non ne parliamo mai, neppure nello spogliatoio».\r\n\r\nDisse che per vincere alla lotteria bisogna comunque comprare il biglietto.\r\n«Vero. Però l’Inter è di un altro pianeta. Noi non dobbiamo sbagliare nulla, loro quasi tutto».\r\n\r\nInter prima, Roma seconda: dica le altre due.\r\n«Mi basta così».\r\n\r\nCredits: La Repubblica\r\nFracassi Enrico – Juvemania.it

LEGGI ANCHE  Juventus 2016-2017: i nuovi record di Allegri

Un commento

  1. Ha detto tutto nella prima parte dell’intervista…non c’era molto feeling nemmeno con la squadra.Si era capito dopo l’eliminazione in coppa italia.L’unico errore che si puo’ imputare alla nostra dirigenza è stato il modo in cui è stato esonerato.Contro Siena e Lazio anche senza allenatore si sarebbe vinto.\r\nQuel cambio ha fatto diventare Ferrara il nuovo Guardiola e Ranieri il male principale.Bastava ragionare una domenica in piu’ e guardare il calendario,la Juve sarebbe arrivata terza o seconda senza problemi.\r\nMagari senza il nome di Ferrara in giro,oggi sulla nostra panchina c’era Giampaolo o Conte.\r\nDue allenatori con una lunga gavetta alle spalle.Niente contro Ciro,ma doveva fare alemno un paio d’anni in provincia o primavera.

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi