Clamoroso, capo degli zingari ammette: "Mi offrirono soldi per fare nome di Conte in TV" | JMania

Clamoroso, capo degli zingari ammette: “Mi offrirono soldi per fare nome di Conte in TV”

Clamoroso, capo degli zingari ammette: “Mi offrirono soldi per fare nome di Conte in TV”

Ci hanno dato dei sovversivi, ci hanno detto che non sappiamo accettare le sentenze, che siamo imbroglioni a prescindere, che il nostro allenatore è un poco di buono… Noi semplicemente abbiamo sempre letto le carte, la verità ce la siamo sempre andata a cercare e non ce la siamo fatta raccontare da chi inventa dossier …

Ci hanno dato dei sovversivi, ci hanno detto che non sappiamo accettare le sentenze, che siamo imbroglioni a prescindere, che il nostro allenatore è un poco di buono… Noi semplicemente abbiamo sempre letto le carte, la verità ce la siamo sempre andata a cercare e non ce la siamo fatta raccontare da chi inventa dossier ad arte per rovinare la vita alle persone. Ecco perché accogliamo con soddisfazione le parole di uno dei capi degli zingari, Gegic, costituitosi in Italia perché coinvolto in maniera importante nella vicenda Calcioscommesse. Che Antonio Conte dovesse pagare per qualcosa mai commesso, lo avevamo capito sin da subito, ma quanto fosse articolato e da chi fosse ordito il disegno messo su per farlo fuori lo scopriamo solo vivendo giorno dopo giorno. Fatto sta che dopo le parole di Locatelli e Bertani, a cui non sono stati fatti sconti dalla giustizia “perché non hanno fatto nomi” (più fai nomi, meglio se grossi, più ti salvi), arrivano le parole di Gegic alla ‘Gazzetta dello Sport’ a svelare retroscena inquietanti:

Carobbio ci ha detto che nello spogliatoio del Siena scommettevano quasi tutti Una tv mi ha persino offerto 5 mila euro per un’intervista se parlavo anche di Conte. Come se le conoscessi. Ho rifiutato. Non ho nulla da dire su di lui: mai visto, mai sentito, mai provato a contattarlo, ma soprattutto non ho bisogno di soldi per parlare di quello che so.

Lasciamo a voi qualsiasi ulteriore commento.

10 commenti

  1. se fosse vero, ( e credo di si )chi risarcirebbe Antonio Conte dalla squalifica ? Ma tanto penso che questa sia un utopia ,guardate l’ammenda che hanno dato al Milan per lo striscione contro Pessotto, solo 4000,00 euro mentre al Bologna l’anno scorso per lo stesso striscione hanno dato 25.000,00, è uno schifo e poi vengono a parlare di complotti !!!!

  2. ..la penso come Roberto..

  3. Per me e’ piu probabile fosse la rai nella persona di variale!

  4. Nel puntare una caramella sul nome della Televisione,se per caso uscisse Med….t,la riprendiamo almeno la cartina della caramella?

  5. dai dicci la TV Gegic come c….. ti chiami… dicci questa maledetta TV che arriverebbe una pioggia di disdette…. a meno che non sia la RAI… li tutti figli di …. qualcuno… li sono intoccabili

  6. capitan sparrow

    Cosa volete che sia esultare al gol del Chelsea……

  7. rogerilmigliore

    spero che gegic finisca di raccontare e sveli chi pagava per rovinare una persona per bene come il mister.La cattiveria non ha limiti davvero.Intanto se fosse vero che molti giocatori del siena scommettevano Pippo avra’ molte cose da spiegare alla procura di cremona,perche’ questo piccolo particolare non l’ha mai rivelato. Certo puo’ anche dire di aver millantato con gegic riguardo agli ex colleghi,ma se fosse vero e il tintinnio delle manette costringerlo a vuotare un altro sacco di fango si tornera’ alle vecchie immagini:le logorroiche conferenze stampa del pm Di Martino al posto dei risultati di calcio.

  8. Chissà quale televisione?

  9. ѕσυтн-ραяк

    RACCAPRICCIANTE!!!!

  10. eppoi parlano male degli zingari…

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi