Ci tenevo a precisare (piccolo bilancio sul Presidente Andrea Agnelli) | JMania

Ci tenevo a precisare (piccolo bilancio sul Presidente Andrea Agnelli)

Ci tenevo a precisare (piccolo bilancio sul Presidente Andrea Agnelli)

(Di Alessandro Magno) E’ da qualche tempo che nonostante la questione del rinnovo a Del Piero sia stata superata continuo a leggere cose fra Juventini che sinceramente mi lasciano basito. Mi riferisco al fatto della divisione in fazioni, particolarità negativa che ha sempre contraddistinto il popolo Juventino e che sinceramente dopo il 2006 consideravo (evidentemente …

(Di Alessandro Magno) E’ da qualche tempo che nonostante la questione del rinnovo a Del Piero sia stata superata continuo a leggere cose fra Juventini che sinceramente mi lasciano basito. Mi riferisco al fatto della divisione in fazioni, particolarità negativa che ha sempre contraddistinto il popolo Juventino e che sinceramente dopo il 2006 consideravo (evidentemente a torto) superata. Ancora oggi, per l’ennesima volta, ci sono due fazioni, una assolutamente schierata con il Presidente Agnelli e l’altra invece fermamente contraria o comunque molto critica. Così pare che qualsiasi analisi o opinione si scriva si debba sempre esser tacciati di qualcosa e collocati da una parte o dall’altra. Infatti è da un po’ che io stesso vengo definito ”non Agnelliano” oppure ”contrario al Presidente”, oppure anche, come mi ha recentemente scritto un amico in privato: ”Non troppo allineato alla Fc Juventus”. Per quanto riguarda l’allineamento ho spiegato all’amico mio, che non sono allineato a niente se non al mio cervello, non mi sento in ”missione” per conto di nessuno, né della Juventus e né tantomeno di nessun altro, compreso Alex Del Piero. Che il mio esser tifoso non mi esime dall’avere un approccio critico che io ritengo sempre costruttivo e non fine a se stesso, sulle vicende della Juventus. Infondo si loda quando c’è da lodare e si critica dove si pensa che si può fare meglio. Per quanto riguarda invece il non esser mai d’accordo con il Presidente non c’è nulla di più falso in quanto spesso ne ho fatto l’elogio (e ci sono i miei articoli a testimonianza di ciò che dico).

Per chi invece avesse poca memoria faccio un piccolo bilancio delle ”azioni” intraprese da Andrea Agnelli da quando è in carica e dei miei giudizi dati a riguardo. Giudizi che ancora oggi non sono cambiati e sottoscrivo.

1 – Ho sostenuto, difeso e poi lodato, fin da subito la scelta di Agnelli di prendere Conte, quando Marotta voleva, ricordiamo, prender Mazzarri. Posizione che ho difeso anche da alcuni Juventini che sostenevano che Conte non era più Juventino o peggio si era addirittura spogliato della propria Juventinità.

2 – Ho lodato sperticatamente Agnelli quando liquidò Cobolli, Secco e soprattutto Blanc, individuando da subito una fortissima volontà di positivo cambiamento.

3 – Ho lodato Agnelli quando ci ascoltò nella nostra battaglia (soprattutto dei siti web) di togliere la stella a Boniek per darla a Edgar Davids. In quel caso ho scritto una lettera di personali ringraziamenti per averci ascoltato e ricevuto da Lui medesimo risposta di congratulazioni.

4 – Ho difeso (quasi unico fra gli Juventini) la scelta del Presidente di sedersi al famoso “tavolo della pace” quando tutti dicevano che Agnelli con Moratti non dovrebbe neppure parlare. Io dicevo: “Aspettiamo di vedere cosa ne esce fuori prima di giudicare”.

Queste sono le cose diciamo che mi vengono in mente, ma ce ne sono state anche tante altre come le varie conferenze stampa in difesa della Juve. L’essersi presentato più volte, mettendoci la faccia, a riunioni di tifosi o di giornali o di siti. Mi piace sicuramente molto ad esempio questo suo modo di cercare di essere fra i tifosi, come in questi giorni nel ritiro, certo poco ”Agnelliano” rispetto a suo Zio e a suo Padre , ma pur sempre molto bello.

Altresì

5 – Ho criticato recentemente Agnelli per aver scelto di non sedersi a un tavolo con Del Piero e per non avergli concesso un altro anno di contratto come il Capitano e moltissimi tifosi desideravano. O comunque per non aver concordato insieme al Capitano un uscita di scena maggiormente senza polemiche.

6 – Ho criticato Agnelli per averci fatto prima credere che mettevamo le 3 stelle sulla maglia e poi aver trovato questa soluzione che mi pare assai stramba nonostante le sue recenti spiegazioni alla presentazione delle nuove maglie. A questo proposito preciso che chi dice che la società non aveva promesso nulla di tutto ciò o mente sapendo di mentire oppure ha la memoria assai corta, perché ci sono le interviste di Nedved e Marotta che parlano chiaramente di metter la terza stella e i due rappresentano in modo molto forte la società Juventus, essendone due cardini fondamentali.

Tutto queste mie ”posizione” sono ampiamente dimostrabili andando a leggersi gli articoli che ho scritto durante l’anno.

Io a differenza di molti, non mi schiero né con, né contro qualcuno. Non divido il mondo in buoni o cattivi, né mi metto da una parte o dall’altra a prescindere. Semplicemente di volta in volta giudico con la mia testa se una cosa mi piace e mi convince, oppure no. Ho voluto fare questa precisazione perché spero che finisca una buona volta questa storia delle fazioni e che le idee di tutti vengano giudicate solo in quanto tali.

Il bilancio del Presidente come nei punti che ho elencato sicuramente oggi è più positivo che negativo. Direi che ha fatto tanto e (visto il mercato) sta facendo ancora tanto per portare la Juventus in alto. Tuttavia perdonatemi se lo dico, ma neppure lui è perfetto. Non ogni cosa che fa o dice il Presidente mi piace. E questo lo dico e lo scrivo. Come d’altronde non è che ho la presunzione di dire che tutti i miei pensieri siano giusti e dovete condividerli. Finiamola una buona volta con questa storia delle fazioni.

Ci tenevo a precisarlo.

8 commenti

  1. Alessandro Magno

    grazie a tutti per i complimenti ho letto tutti i commenti come sempre. 😉

  2. io voglio dire che Andrea Agnelli ci tiene alla Juventus e ai suoi tifosi lui è il primo tifoso della Juventus non ci dimentichiamo che e stato l’unico della famiglia Agnelli a scendere dalla tribuna presidenziale del Delle Alpi nel 2006 a stringere la mano a Moggi e Giraudo…. John pensava alla fiat e chiamare Blanc…. ho detto tutto

    Andrea Agnelli è l’unico degno erede come Presidente della Juventus FC Spa

    ora è sceso lui in campo a difendere Conte,Bonucci,Pepe,Quaglia e l’immagine della Juventus

  3. non penso ci siano fazioni…ognuno, come hai scritto tu, pensa con il suo cervello criticando o lodando di conseguenza!

  4. Al secondo anno ha risollevato le sorti spotive, grazie anche ai suoi collaboratori. Ma la tempra del capitano (d’industria) l’ha ereditata e la esercita in modalità moderizzata, ferma e intelligente. A cosa sarebbe servito un muro contro muro se non a sottolineare quello che lui ha detto allorchè ha giustificato la cancellazione delle stelle: “non sono d’accordo sul modo di calcolare …”! Oltretutto è più elegante e intelligente e ha sempre il sapore della lotta per la lotta.

  5. Esibisce uno stile diverso rispetto a quello di suo padre e suo zio. E’ solo una questione dei tempi! Non ha avuto cme tata quella di suo padre e suo zio: “ricordate che siete AGNELLI”.

  6. D’accordissimo: libertà di critica, ma basta fazioni. Ci sono già abbastanza antijuventini “fuori” da sopportare, evitiamo pure divisioni “dentro”…

  7. Sono quasi sempre stato d’acccordo con le tue tesi.
    Per Del Piero si sarebbe potuta scegliere una strada diversa se lui avesse deciso di smettere. O magari ha deciso di non smettere proprio perche’ gli avevano fatto capire che per lui spazi nella dirigenza non c’era. Ma chi lo sa.

    Per le 3 stelle invece sono combattuto. Da tifoso le 3 stelle le avrei messe anche in fronte ai giocatori che entrano in campo. Ma a volte la “politica” porta a dover accettare mediazioni e a dover tornare su i propri passi (la promessa fatta a fine campionato). Personalmente ritengo che la Juve stia guarendo da quello che gli hanno fatto in questi anni. Ma non e’ ancora abbastanza forte (finanziariamente e non) da poter sostenere la guerra totale che le 3 stelle avrebbero scatenato. Non possiamo ancora permetterci un anno buco (niente champion o europa magari per qualche punto di penalizzazione per le maglie)perche’ vorrebbe dire un ridimensionamento finanziario pericoloso. E per questa ragione, pur con tristezza, capisco la necessita’ di una mediazione.

  8. A. Agnelli e Conte sono 2 miti, finché ci saranno loro siamo in ottime mani…

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi