Chiudete il mercato prima che facciano altri danni... | JMania

Chiudete il mercato prima che facciano altri danni…

Quando a fine Novembre decidemmo di invitare Mister Maifredi a “Tutti pazzi per la Juve” mai avremmo pensato di poter scatenare un simile putiferio mediatico. L’ex tecnico della Juventus, inventore del calcio “champagne”, in quell’occasione fu guascone, esilarante ma anche sborone. “Al posto di Ferrara vincerei lo scudetto, mi siederei in panchina, fumerei un sigaro …

Stefano DiscretiQuando a fine Novembre decidemmo di invitare Mister Maifredi a “Tutti pazzi per la Juve” mai avremmo pensato di poter scatenare un simile putiferio mediatico. L’ex tecnico della Juventus, inventore del calcio “champagne”, in quell’occasione fu guascone, esilarante ma anche sborone.
“Al posto di Ferrara vincerei lo scudetto, mi siederei in panchina, fumerei un sigaro e a fine gara chiederei solamente con quanti goal di scarto si è vinto” forse la dichiarazione che più ci fece sorridere in diretta. Le sue parole fecero il giro del web e della carta stampata arrivando anche in tv avendo una grande cassa di risonanza ma andavano assolutamente lette tra le righe.
In fondo a parlare era ormai un ex del settore. Uno ormai tagliato fuori per i continui fallimenti passati. Un po’ come i vari Zeman, Boniek o Agroppi, tanto per fare qualche nome.
Ciro Ferrara non doveva sbroccare in quel modo. Il suo attacco a Maifredi nel corso di Controcampo mi ha lasciato basito, ancor di più perché cercato e non casuale. Altro che Stile Juve. Una scena degna del peggior bar di periferia, diseducativa e fastidiosa.
Capisco il complicato stato emotivo del tecnico bianconero a caldo e la consapevolezza forse di aver perso per sempre la più grande occasione della carriera ma non è assolutamente tollerabile un comportamento del genere. La Juventus, intesa come dirigenza e proprietà, si sarebbe dovuta far sentire in merito ed invece come ormai capita da quasi 4 anni a questa parte ha latitato.
Nonostante gli schiaffoni presi dal Milan, Ciro Ferrara ha deciso comunque di non mollare e di andare avanti, impersonandosi in Rocky Balboa.
E’ bastata poi una vittoria in Coppa Italia contro le riserve del Napoli per riassestare la sua panchina traballante.
D’altronde è lecito anche chiedersi: chi al posto di Ciro Ferrara potrebbe fare meglio in questo momento subentrando in corsa sulla panchina di una squadra con una rosa ridotta all’osso per i continui infortuni?
Ebbene si, perché ancor prima che Ferrara, il vero condizionamento della disastrata stagione bianconera è l’impressionante, vergognosa serie di infortuni di natura muscolare.
Vinovo è ormai diventata una sorta di Emergency Room (E.R.), una sala di emergenza all’italiana. Non passa settimana senza almeno un paio di giocatori che si spostano nella casella “INDISPONIBILI”.
L’anno scorso, per molto meno, Capanna fu criminalizzato dalla stampa. Questo è bene ricordarlo a tutti coloro dotati di poca memoria.
Di questo scempio la dirigenza dovrebbe assolutamente relazionare, giustificare e dare una spiegazione plausibile ai propri tifosi ma come ormai capita da quasi 4 anni a questa parte latita.
Passiamo poi al calciomercato. Purtroppo.
Yago, Ekdal, Lanzafame, Foggia, Ledesma, Crespo, Floro Flores, sono solo alcuni dei nomi trattati dalla Juventus in questa sessione di campagna acquisti.
Ce ne fosse uno tra questi che gioca titolare nella propria squadra e che sta facendo la differenza.
Mi viene da ridere, ma ci sarebbe da piangere, praticamente la Juventus ha scelto di rinforzarsi comprando le seconde scelte di squadre di mezza e bassa classifica?
Per i tifosi juventini tutto ciò è davvero un incubo dal quale sembra impossibile risvegliarsi.
Come ha ricordato anche Luciano Moggi in mia presenza domenica scorsa in tv a “Studio Stadio” su GOLD, questa dirigenza ha prima scaricato Nedved e svenduto Marchionni perché aveva deciso di passare ad un modulo che non prevedeva esterni d’attacco, ma poi fallito il progetto di gioco si è vista costretta a ritornare sul mercato per l’assoluta mancanza di elementi di fascia.
Basti pensare che in questo momento è diventato giocatore indispensabile Brazzo Salihamidzic, in passato niente più che un ottimo panchinaro di lusso.
Si naviga a vista, non c’è un progetto serio all’orizzonte. La cosa è talmente evidente che il solo Bettega non potrà salvare una dirigenza allo sbando.
Prima si sono sbrigati a cedere in prestito i giovani rimpiazzandoli con giocatori sul viale del tramonto e poi all’occorrenza stanno forzando i tempi per farli rientrare come nel caso ultimo del ritorno di Paolucci, già arruolato in prima squadra. Pazzesco. Non resta che sperare che il mercato venga chiuso al più presto prima che facciano altri danni…
Discreti Stefano
Editorialista web, opinionista tv e speaker radiofonico

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi