Chievo Juventus 0-4: interviste ad Allegri, Marotta e Morata

Chievo Juventus 0-4: interviste ad Allegri, Marotta e Morata

Chievo Juventus 0-4: interviste ad Allegri, Marotta e Morata

Chievo Juventus 0-4, le interviste post-partita: la parola al tecnico Massimiliano Allegri, al bomber Alvaro Morata e al dg Beppe Marotta

Chievo Juventus 0-4, le interviste post-partita. La Juve di Massimiliano Allegri eguaglia il record di Antonio Conte di 12 vittorie consecutive e per il tecnico toscano non può che essere soddisfazione grande alla fine del match contro i veronesi. “Una Juventus che sta in un buon momento – dice a Mediaset Premium – , i ragazzi hanno fatto una buona partita sul piano tecnico e di intensità su un campo non semplice molti meriti della Juventus più che demeriti del Chievo, una vittoria in meno da fare e dobbiamo farne altre per lo scudetto”.

Soddisfatto per la prestazione generale, soddisfatto anche per i singoli, Allegri giudica così le prestazioni di Morata e Pogba:

“Morata non si era mai perso ha fatto gol in coppa ed oggi, già durante gli allenamenti aveva ritrovato confidenza con il gol e anche in partita. Pogba? Deve giocare così, deve crescere ancora ha qualità grandissime nel primo tempo abbiamo un pochino esagerato nei palloni persi dobbiamo migliorare ed evitare errori, dobbiamo lavorarci bene, con i ragazzi giovani è importante per il futuro della società a e della squadra, sfruttando le qualità tecniche a disposizione, ogni tanto pecchiamo in superficialità di gioventù. Ora la squadra sta facendo bene ma non avevo dubbi quando le cose andavano male, voleva dire aver sbagliato le valutazioni estivo e c’erano deficit di giocatori, infortuni e la coppa, la squadra sta bene con equilibrio, tre mesi fa veniva messo in dubbio il lavoro fisico, prima di dare giudizi bisogna aspettare”.

In molti si sono chiesti come mai sia uscito Khedira alla fine del primo tempo, ma non c’è nessun giallo, Allegri lo ha voluto mettere a riposo anzitempo:

“Noi avevamo solo bisogno di entrare in buona condizione. Khedira ha fatto una buona preparazione poi si è fatto male, è un grande professionista, giocatore di caratura internazionale, importante come Pogba ed altri giocatori in questa squadra, tutti stanno facendo bene chi entra e chi parte dall’inizio. Le qualità di questa squadra fisiche e tecniche sono grandissime, a Carpi non mi era piaciuta, abbiamo sistemato questa cosa, abbiamo lavorato bene in fase difensiva ed offensiva, non bisogna mantenere la condizione, ma migliorare la condizione fisica e tecnica, in Europa saranno gare diverse.”.

Dopo aver rivelato che Zaza non ha giocato per una botta rimediata in allemanto, Allegri parla anche del suo contratto e delle voci provenienti dall’Inghilterra:

“Con la società non c’è mai stato nessun problema, le cose vanno bene, sto bene alla Juve, pensiamo cosa facciamo quest’anno ogni cosa a suo tempo”.

Chievo Juventus 0-4: Morata felice

Alvaro Morata è tornato: lo si era già visto contro l’Inter ma oggi lo spagnolo ha fatto un ulteriore passo avanti:

“Era importantissimo partire bene. E abbiamo fatto una grande prestazione – dice Morata a Sky – . Ci divertiamo? Sì, specie nel secondo tempo, facciamo ciò che proviamo. Siamo tra le migliori. Non guardiamo indietro. C’è una partita mercoledì, poi domenica… Guardiamo al futuro. Siamo in un’ottima condizione, proseguiamo così”.

Chievo Juventus 0-4: Marotta sul mercato

A pochi minuti da Chievo Juventus, il dg Beppe Marotta aveva parlato ai microfoni di Mediaset Premium, soffermandosi inevitabilmente sulle voci di mercato di questi giorni:

“Mandzukic rientra con il Bayern? Noi siamo ottimisti, ma anche realisti: siamo nella fase delle terapie quindi non azzardiamo rientri perché bisogna essere prudenti, ma siamo ottimisti. Saponara? Potrà essere all’altezza di un grande club ma il Milan due anni fa decise di ridarlo in provincia: la maturazione di un giovane è un aspetto molto importante anche se ritengo Saponara un patrimonio del calcio italiano”.

Si continua a parlare di Allegri nel mirino del Chelsea…

“No, non c’è nessun problema. Il calcio è legato ai risultati ma il rapporto che ha offerto Allegri è di grande professionalità e di grande umanità: ha tutte le caratteristiche per allenare la Juventus ancora per molti anni. Per quanto riguarda il rinnovo da una parte ritengo che i contratti per gli allenatori siano solo una formalità, dall’altra parte ritengo giusto che non si può avere un allenatore in scadenza, sarebbe come una mancanza di fiducia. L’allenatore è una parte determinante nel contesto della squadra, con lui programmeremo il futuro ed è normale che ci siederemo e valuteremo insieme la situazione ma come ho detto la Juventus non vuole iniziare con un mister in scadenza”.

Insomma, in estate ci dovrebbe essere il prolungamento di Allegri, intanto la Juve pensa alla lotta scudetto:

“Duello Napoli-Juventus per lo Scudetto? Non solo, direi che anche l’Inter, la Fiorentina e la Roma secondo me sono accreditate in ugual misura come noi. Mancano ancora molte gare – conclude – , il tempo e i punti per recuperare ci sono”.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi