Chiellini: "Il peggio è passato, ma guai ad abbassare la guardia" | JMania

Chiellini: “Il peggio è passato, ma guai ad abbassare la guardia”

“È un po’ presto per dire che siamo guariti – sostiene Giogio Chiellini ai microfoni di Juventus Channel – Era importante essere tornati a vincere ed essere di nuovo quarti. Ora ci aspetta un vero e proprio tour de force: le prossime partite sono importanti, dobbiamo consolidare il quarto posto e provare a raggiungere il …

chiellini“È un po’ presto per dire che siamo guariti – sostiene Giogio Chiellini ai microfoni di Juventus Channel – Era importante essere tornati a vincere ed essere di nuovo quarti. Ora ci aspetta un vero e proprio tour de force: le prossime partite sono importanti, dobbiamo consolidare il quarto posto e provare a raggiungere il terzo, se Roma e Milan dovessero rallentare. Ci aspettano quattro scontri diretti nelle prossime cinque partite (contro Palermo, Fiorentina, Sampdoria e Napoli) e c’è l’Europa League, in cui vogliamo andare avanti e fare bene…è presto per dire che siamo guariti, però stiamo migliorando”

CMBIO DI MARCIA
“C’è un po’ più di tranquillità e serenità dovuta anche al fatto che, dopo il cambio di allenatore, sono sempre arrivati risultati positivi. La squadra ha ritrovato le distanze in campo, forse è scattato qualcosa dentro di noi e poi, bisogna essere onesti, abbiamo avuto anche un pizzico di fortuna in più rispetto a gennaio”.

ARBITRI E POLEMICHE
“Le polemiche ci sono sempre state e sempre ci saranno. L’ importante alla fine è essere obiettivi, lo sfogo a fine partita può essere comprensibile, ma il giorno dopo si deve essere lucidi. Gli arbitri sbagliano, come noi del resto, ma credo che nel complesso stiano facendo un’ottima stagione. Gli errori ci stanno, ma non mi pare che siano stati così tragici”.

IL MONDIALE SI AVVCINA
“Da parte nostra non c’è bisogno di pensare al mondiale per dare qualcosa in più, gli obiettivi che abbiamo bastano e avanzano. Alla fine sarà Lippi a vedere chi è più in forma e a decidere chi chiamare ed è normale che sia così: le qualificazioni per arrivare al Mondiale durano due anni, ma quello che conta per andarci sono gli ultimi mesi”.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi