Chiellini: "Competitivi per un posto Champions. Mai pensato di andar via" | JMania

Chiellini: “Competitivi per un posto Champions. Mai pensato di andar via”

“È una settimana che lavoriamo bene e ci sono tutti i presupposti per fare una buona stagione. Sarà un anno di sacrificio, dovremo ripartire da zero e ricostruire dalla base, ma è normale dopo quanto accaduto scorso”. Giorgio Chiellini ha ripreso da poco ad allenarsi, ma a Cosenza contro il Lione è già sembrato in …

“È una settimana che lavoriamo bene e ci sono tutti i presupposti per fare una buona stagione. Sarà un anno di sacrificio, dovremo ripartire da zero e ricostruire dalla base, ma è normale dopo quanto accaduto scorso”. Giorgio Chiellini ha ripreso da poco ad allenarsi, ma a Cosenza contro il Lione è già sembrato in palla. Si riparte con Del Neri, dunque, la cui filosofia è già stata sposata dal centrale della nazionale. La squadra è competitiva per ottenre un posto in Champions ma sarà il campo a parlare: “È finito un ciclo dirigenziale, qualche giocatore è già cambiato, si punta a rinnovare tanto ed è normale che ci voglia tempo. Tre anni fa avremmo sperato di essere a un altro livello, lo  scorso anno credevamo di poter fare bene e vincere qualcosa, ma sappiamo com’è andata. Ora è giusto fare esame di coscienza, capire dove abbiamo sbagliato e lavorare per migliorarci”.

NIENTE SCUDETTO PER ORA
“Realisticamente, guardando lo scorso anno diventa difficile poter vincere subito. La distanza dall’Inter è ancora notevole e anche i tifosi devono capire che sarà un anno di ricostruzione. Un anno zero, per molti aspetti e dire oggi che si può vincere lo scudetto sarebbe illuderli. L’obiettivo realistico credo sia la qualificazione alla Champions  e il fatto di non parteciparvi quest’anno ci dà molto fastidio. Dovremo ricostruire il gruppo e la squadra e questa si formerà solo partita dopo partita e allenamento dopo allenamento. Stiamo imparando quello che vuole il mister, ma ci manca ancora moltissimo è stato lui il primo a dircelo in maniera molto schietta”.

DEL NERI, OTTIMA IMPRESSIONE
“Sta portando le sue idee, cosa che ha sempre fatto anche nelle altre squadre che ha allenato. Stiamo cercando di apprenderle e di ritrovare quella compattezza che ci è mancata lo scorso anno, mentre negli anni precedenti, era stata il nostro più grande pregio”.

DIEGO E FELIPE MELO
“A questi livelli un giocatore non può cambiare la squadra, ma è la squadra che cambia le prestazioni di un giocatore. Anche Messi non è riuscito a vincere il Mondiale… se la squadra gira, anche Diego farà bene. Melo mi è parso tranquillo. Dopo un po’ di tempo tutto passa e lo dico con cognizione di causa, perché anche se in maniera diversa ho vissuto anche io in prima persona una grossa delusione in Sudafrica. Bisogna superarle e ripartire”.

PRONTO PER L’EUROPA LEAGUE
“Non sono un tipo che riesce a stare fermo a lungo, così durante le vacanze ho lavorato, e alla ripresa qualche vantaggio l’ho avuto. Per la condizione migliore ovviamente serve ancora tempo, ma isono comunque pronto per giocare. Manca un centrale? Al momento siamo in tre, più Ferrero che ci può dare una mano in caso di necessità e se stiamo bene, per la prima parte della stagione bastiamo e avanziamo. Chiaro che per tutto l’anno un altro centrale serve e infatti la società lo sta cercando”.

SIRENE REAL
“Che si parli è normale, ma non ho mai pensato di andare via e la società me lo ha confermato. Non mi sono mai sentito in vendita anche se fin quando non si parla di persona qualche dubbio può rimanere. Sin dal primo confronto c’è stata subito sintonia, sia con la dirigenza che con lo staff tecnico. Sono ottime persone e il primo approccio è stato molto positivo con tutti. Il contratto? Io sono tranquillissimo e sto dando il massimo. Già giovedì c’è un impegno importante, che se sottovalutato porterebbe rischi cui non voglio nemmeno pensare. Poi ci sarà l’incontro con il direttore, ci si potrà mettere una settimana in più o in meno, ma un accordo si troverà. Io sono legatissimo a questa società, a questo tifo e a questa città.  Sono arrivato che ero un bambino, avevo poco più di 20 anni, e sono diventato uomo e cresciuto come calciatore. Credo di rimanere qui ancora molti anni, anche se non posso promettere nulla, perché dipenderà anche dalla società, ma credo che la volontà sia la stessa da entrambe le parti”.

(Credits: Juventus.com)

Un commento

  1. bravo
    voliamo bassi

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi