Cesari "La Juve si lamenta a ragione. Serve la tecnologia in campo" | JMania

Cesari “La Juve si lamenta a ragione. Serve la tecnologia in campo”

Cesari “La Juve si lamenta a ragione. Serve la tecnologia in campo”

Secondo i vari dossier spuntati come funghi in questi giorni, alla Juventus mancherebbero almeno 7 punti per evidenti torti arbitrali. Potrebbe anche essercene qualcuno in più, fatto sta che in società sull’argomento le bocche sono letteralmente cucite, soprattutto dopo lo sfogo del presidente Agnelli: “Andiamo avanti contro tutto e tutti”. A dare ragione alle lamentele …

Secondo i vari dossier spuntati come funghi in questi giorni, alla Juventus mancherebbero almeno 7 punti per evidenti torti arbitrali. Potrebbe anche essercene qualcuno in più, fatto sta che in società sull’argomento le bocche sono letteralmente cucite, soprattutto dopo lo sfogo del presidente Agnelli: “Andiamo avanti contro tutto e tutti”. A dare ragione alle lamentele della Juventus delle scorse settimane, oggi ci ha pensato dalle colonne di ‘Tuttosport’, Graziano Cesari, ex arbitro e attuale commentatore per le reti Mediaset. “Se la Juve ha ragione o no a protestare? Ha assolutamente ragione, perché al netto degli errori, che a volte l’hanno avvantaggiata e altre penalizzata, mi pare oggettivo che i bianconeri non abbiano goduto di arbitraggi equilibrati. Quanto alla teoria che gli errori arbitrali a fine anno si compensano, è una colossale balla”, spiega al quotidiano sportivo torinese l’ex arbitro. “In effetti siamo arrivati al paradosso – prosegue Cesari – Il vecchio concetto di sudditanza si basava sul curriculum di una squadra. Invece adesso per non rischiare di dare adito a cattivi pensieri c’è una totale astensione decisionale. Sono due concetti egualmente aberranti, lontani mille miglia dal Codice Aia. Un vero arbitro deve essere equidistante e non farsi influenzare dal contesto ambientale”.
Poi Cesari passa ad analizzare gli ultimi episodi, quelli relativi al match Genoa-Juve: “Quello di Rizzoli a Genova è stato un arbitraggio ‘politico’. La trattenuta di De Ceglie su Palacio c’è stata seppure lieve e ha preceduto il mani di Vidal, ma per Rizzoli ha rappresentato un ottimo pretesto per evitare di prendere provvedimenti più gravi. E quello è stato il filo conduttore di tutta la sua direzione. Penso al rigore non assegnato a Matri, alla mancata espulsione di De Ceglie perché la seconda ammonizione sarebbe stata sacrosanta, al goal annullato a Pepe, al rigore non concesso a Palacio. Quello su Marco Rossi invece non c’era proprio…”.

Infine una provocazione: “Non oso pensare alle prossime due partite, Fiorentina-Juve e Inter-Juve. Sicuramente una delle due verrà affidata a Orsato, che è molto migliorato. Poi magari servirebbe uno straniero… Favorevole o contrario alle tecnologie? Favorevolissimo. In Crotone-Modena ho assistito a 4 minuti di colloqui tra arbitro e assistente per decidere se il Modena avesse segnato. Noi in studio sapevamo che era goal dopo 4 secondi, grazie al replay…”, conclude Cesari.

3 commenti

  1. @Drugo.

    Hai ragione, questo fa tanto caos perchè mira in modo spudorato alla scrivania di Nicchi o di Braschi, non certo per amor di verità. Mediocre da arbitro e ancor più mediocre da commentatore. A moviolarooooo!!!!

  2. Ma taci, banderuola!! Mi riferisco allo zerbino in foto, ovviamente!!!

  3. sanguebianconero

    Secondo me, per ridurre il più possibile gli errori arbitrali ci vuole:
    a) moviola in campo, il quarto uomo ha un monitor dove rivede subito l’episodio incriminato (in tanti sport già c’è)
    b) microcamera sulla linea di porta (magari nei pali)per i goal-nongoal
    c) n.2 arbitri (uno per ciascuna metà campo) al posto dell’unico attuale
    d) n.4 guardalinee al posto degli attuali 2
    ritengo che con questi correttivi si migliorerebbe di molto la situazione

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi