Editoriali Archives | Pagina 69 di 70 | JMania

Editoriali

Moggi consiglia Ferrara: “Attento a Cruz!”

Si riprende in un mondo di sospetti e inutili battibecchi dove chi sbaglia è quello che sfora per primo: come Moratti, ad esempio, che dà del tifoso (della Juve) a Lippi perché si era “permesso” di indicare la Juve favorita nella lotta per lo scudetto. Avesse detto Inter, nulla quaestio. Ma la sua beneamata non può essere sfiorata neanche da ... Continua a leggere »

Luciano Moggi: le intercettazioni nel cassetto e il caso Mutu

Oggi non pensavo di dover mettere mano alla penna, soprattutto per replicare, e invece mi sento in dovere di rispondere alla lettera inviata da Carraro a “Libero”. Nel mio articolo ho citato quanto scritto da Moncalvo per due motivi.\r\n1) durante un’amichevole della Juve ero stato avvisato da un insigne personaggio dell’essere di queste intercettazioni che però non contenevano nulla di ... Continua a leggere »

Tratta di talenti, simulatori e hooligans: che fine ha fatto il modello inglese?

Forse un pò troppo spesso si tende ad enfatizzare qualcosa più del dovuto per poi dover tornare indietro e rivalutare sotto un’ ottica diversa. Negli anni del dopo Calciopoli nello stivale italico si è iniziato a dibattere sui mali che attanagliano il nostro calcio, dalla mancanza di sportività agli scontri negli stadi, dalla lealtà sportiva alla capacità delle società di ... Continua a leggere »

Moggi: “Cassano? Lippi ha problemi più importanti…”

Moggi: “Cassano? Lippi ha problemi più importanti…”

Intanto un fatto che in troppi fan finta di non vedere: che piaccia o non piaccia la Nazionale italiana sta facendo il suo dovere. È quasi qualificata ai mondiali sudafricani, su sette partite disputate nel girone ne ha vinte cinque e pareggiate due, undici gol fatti e solo tre subìti. È vero, gli avversari sono quelli che sono, ma di ... Continua a leggere »

Diego & C., la serie A costretta in panchina

Di Roberto Beccantini (La Stampa)\r\nLa saga dei Diego. Diego Maradona è un ct che si mangia le unghie, e non solo. Diego Milito, il D’Artagnan dell’Inter, fa da badante ai nani del Pibe (Messi, Aguero, Tevez). Diego è Diego, l’ultima moda della Juventus, non pervenuto perché non convocato. Come Antonio Cassano. Con la differenza che Diego ha davanti Kakà; Cassano, ... Continua a leggere »

Lippi, sicuro non ti serva Cassano?

Ecco l’editoriale di oggi di Roberto Beccantini per La Stampa.\r\n\r\nFra la doppietta di Kaladze e il sedere di Lippi si nasconde la perfidia uterina del calcio. Povera Italia ricca o ricca Italia povera: fate voi. Se il risultato in casi del genere è tutto, e Buffon molto, il Mondiale può dirsi servito. Non che in Georgia ci aspettassimo una passeggiata ... Continua a leggere »

Italia, troppi fantasmi per non distrarsi

Di Roberto Beccantini (La Stampa)\r\n\r\nVero, si parla poco, troppo poco, di Georgia-Italia e Italia-Bulgaria, tappe cruciali verso i Mondiali, ma se il ct non convoca Cassano, uno dei giocatori più in forma del periodo (e non solo del momento), e Cannavaro, il capitano azzurro, invita Santon a lasciare Mourinho, di che cosa dovremmo parlare? Gli azzurri sono quarti nella classifica ... Continua a leggere »

Moggi: “Calciopoli per impedire l’ascesa di Andrea Agnelli”

A nessuno sarà sfuggita la combinazione di alleanze che ha dato vita alla scuola di alta formazione per manager, inaugurata nei giorni scorsi a Torino.\r\nTra le aziende partner si ritrovano la Fondazione Agnelli, quale capofila, e per essa John Elkann, e la Fondazione Pirelli, ovvero il suo presidente Marco Tronchetti Provera, protagonista di una lotta accesa, senza esclusione di colpi, ... Continua a leggere »

Il capitano di sempre: Gaetano Scirea

\r\n\r\nOggi, Gaetano Scirea avrebbe 56 anni. Ne sono passati venti da quando ci lasciò. Se mai l’abuso dell’avverbio «improvvisamente» conserva un senso e, soprattutto, suscita un’emozione, lo dobbiamo a notizie come quella che la sera del 3 settembre 1989 – improvvisamente, appunto – mise in subbuglio le redazioni e agitò il cuore di molti appassionati. Riservato e timido com’era, non ... Continua a leggere »

Che Diego ce la mandi buona

Di Stefano Discreti (editorialista ed opinionista tv)\r\nwww.stefanodiscreti.blogspot.com\r\n Con la chiusura ufficiale del calciomercato e le prime due giornate di campionato in archivio è giusto anche sbilanciarsi nel consueto pronostico di inizio stagione. \r\n E’ innegabile che la Juventus si sia rinforzata rispetto all’anno scorso. \r\n Diego e Felipe Melo sono giocatori di carisma e spessore internazionale che giocherebbero titolari in qualsiasi ... Continua a leggere »

Luciano Moggi: “Prova di forza della Juventus”

Capita che i disastri facciano sensazione. Tale, sicuramente, è stato l’effetto derivato dal clamoroso tonfo del Milan, che ha fatto più rumore del trionfo dell’Inter e di quello della Juve a Roma. Se uno come Teocoli giunge a invocare la rimozione del management (via Galliani e Braida) e non, come abitualmente accade, dell’allenatore, significa che il fondo è stato toccato. ... Continua a leggere »

Luciano Moggi: “Una Juventus a due facce, questo è il problema…”

Sarà forse eccessiva l’immagine dei musicanti di Brema, venuti per suonare, che finirono suonati, ma di certo il momento per Mourinho non è dei migliori. Con il rischio di sprofondare a -5 dal Milan, lo Special One ha perso molta baldanza e l’ambiente ne è rimasto contagiato al punto che Moratti ha messo le mani avanti ricordando che la gara ... Continua a leggere »

Trezeguet è il goal!

Riporto un articolo di Giampiero Mughini pubblicato qualche giorno fa sul blog dell’amico Stefano Discreti-Montero 77\r\n TREZEGUET FA L’UOMO: CON LA JUVENTUS E’ AMORE VERO. \r\n Bene, benissimo. Che David Trezeguet abbia giurato di non volere smettere la maglia bianconera, che dopo nove anni di gol a mitraglia voglia continuare a farli in nome e per conto della Vecchia Signora ... Continua a leggere »

Roma, ridimensionamento programmato?

Chiuso il capitolo Aquilani, che da ieri è ufficialmente un giocatore del Liverpool, per la Roma le vacche magre ancora non sono finite. E’ lo stesso Spalletti ad ammetterlo: “Dobbiamo accettare un paio di cessioni, andremo a ricreare quel gruppo di giocatori che ci vuole per fare un campionato di livello. Quello che fa la differenza deve essere il modo ... Continua a leggere »

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi