Catania-Juventus 0-1 | Intervista Antonio Conte | Video

Catania-Juventus, intervista Antonio Conte: “In questi tre anni ho dimostrato qualcosa”

Catania-Juventus, intervista Antonio Conte: “In questi tre anni ho dimostrato qualcosa”

Catania-Juventus, intervista Antonio Conte: il tecnico bianconero si toglie qualche sassolino dalal scarca nei confronti di chi lo critica

catania-juventus-conteCatania-Juventus, intervista Antonio Conte. È un Conte soddisfatto, anche se dispiaciuto per l’espulsione, quello che si presenta ai microfoni dei giornalisti al termine della vittoria del Massimino. Parlando a Sky Sport’, il tecnico bianconero ha spiegato a modo suo quello che è successo quando è stato allontanato dal campo: “Penso che il signor Damato abbia voluto dare un monito ai partecipanti in campo cacciando gli allenatori e stemperando un po’ gli animi. Non potendolo fare subito in campo, l’ha fatto con me e con Maran”.

Contro il Catania è stata letteralmente una battaglia, una partita maschia, dalla quale la Juve è uscita vittoriosa con esperienza e maturità:

“Penso che Damato abbia arbitrato anche molto bene – prosegue Conte – , questa partita  era molto calda sia in campo che fuori dal campo e noi siamo stati molto bravi a mantenere la testa fredda. Sono veramente molto contento e orgoglioso dei ragazzi”.

Ovviamente, vietato parlare di scudetto conquistato, si tratta solo di un altro gradino verso la vittoria finale. Certo che 78 punti a poche giornate dal termine sono una cifra spaventosa:

“E’ un altro passo in avanti che stiamo facendo, stiamo viaggiando a ritmi straordinari ma dobbiamo dare merito alla Roma che sta facendo qualcosa di incredibile. E quindi ci deve tenere sveglia l’attenzione perché non c’è niente ancora di concluso e definitivo, abbiamo l’Europa League che ci fa giocare ogni tre giorni. Noi fino alla fine dobbiamo stare col piede sull’acceleratore perché sappiamo che c’è un’antagonista che non mollerà fino alla fine e noi vogliamo continuare ad essere protagonisti”, dice ancora il tecnico della Juventus.

L’Europa League rimane un obiettivo importante e anche con il Lione la Juve giocherà per vincere:

“Noi scendiamo in campo sempre con l’obiettivo di arrivare alla vittoria, questo è fuori dubbio. In Europa League adesso c’è il Lione e c’è la voglia di andare avanti. Sappiamo che ci sono gli avversari, sappiamo anche che mancano nove partite alla fine del campionato e cercherò di gestire al meglio le forze. Penso in questi tre anni di averlo fatto abbastanza bene, dispiace quando magari sento dire da qualcuno, dopo l’andata con la Fiorentina, che le scelte erano incomprensibili. Questo mi dispiace e mi rammarica molto – conclude – , anche perché penso di aver dimostrato qualcosa in questi tre anni”.

Un commento

  1. definire buono un arbitraggio che ti annulla un gol regolare e non ti espelle un giocatore per condotta violenta è tafazziano, e già era accaduto col Genoa, per non andare lontano. In questo modo non prestiamo il fianco ai detrattori sulla storia degli ajutini, ci mettiamo proprio a 90 gradi.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi