Catania-Juventus 0-1: tutti sopravvissuti | JMania

Catania-Juventus 0-1: tutti sopravvissuti

Catania-Juventus 0-1: tutti sopravvissuti

Catania-Juventus 0-1. Ammazza che partitaccia! Vista da uno alieno poteva sembrare una partita fra le prime due della classe e non della prima contro l’ultima. Un clima di guerra fomentato in primis da quella persona poco (o forse troppo) intelligente del presidente del Catania Pulvirenti. Già le dichiarazioni pre-partita del presidente in questione erano state …

catania-juventus-sopravvissutiCatania-Juventus 0-1. Ammazza che partitaccia! Vista da uno alieno poteva sembrare una partita fra le prime due della classe e non della prima contro l’ultima. Un clima di guerra fomentato in primis da quella persona poco (o forse troppo) intelligente del presidente del Catania Pulvirenti. Già le dichiarazioni pre-partita del presidente in questione erano state alquanto sgradevoli, per usare un eufemismo, il resto lo hanno fatto i tifosi. Pensate che il pullman della nostra squadra, nel tratto che porta allo stadio, è stato circondato e bloccato sulla strada da un centinaio di ultra del Catania e poi preso letteralmente a bastonate. Pare che le forze dell’ordine, data l’esiguità del numero, non hanno potuto far altro che assistere inermi. Mi chiedo, se bontà loro, a questi teppisti poi non veniva voglia di farci proseguire, cosa sarebbe potuto succedere? Già questo fatto è di per se di una gravità assoluta e verrà minimizzato e neppure sanzionato, ma se cio’ non bastasse allo stadio si è giocato in un clima intimidatorio da caccia all’uomo, con tifosi fomentati e schizofrenici che ululavano ad ogni banale fallo, che protestavano e inveivano per qualunque battito di ciglia. In tutto questo l’arbitro Damato non ci ha capito una mazza e ha arbitrato un poco alla ” ‘ndo cojo cojo”.

La cosa curiosa del tifo di casa che era così ”preparato” che non si è neppure accorto che ci hanno annullato un gol regolare dopo pochi minuti e che Berghessio sarebbe dovuto essere espulsi già all’ottavo minuto. E’ sempre la Juve che ruba. Che cosa poi gli abbia mai rubato a questi non è dato sapere. Non ci siamo mai giocati nulla con loro se non i tre punti. In questo clima surreale mi ha fatto veramente male vedere giocare Osvaldo, che considero un ottimo giocatore, con una sufficienza disarmante, tanto che ne ho invocato più e più volte la sostituzione. Colpi di tacco a capocchia, tiki taki sbagliati, piroette senza un reale perché, un tiro al volo ciccato in malo modo per fare non so quale giocata di fino. E no! Non ci siamo proprio. Forse non ha capito che per noi ogni partita è una guerra e Catania, Bologna , Verona, diventano Beirut, Caracas , Kinshasa. Forse non ha capito che alla Juve per essere da Juve devi essere in primis molto concreto e senza tanti fronzoli. Mi spiace per lui ma con un atteggiamento e un approccio così alla partita, ha dilapidato un occasione colossale per fare bella figura, e Conte notoriamente non è che di occasioni ne concede molte. Fortuna vuole che riesce a dare un perché alla sua prestazione servendo bene l’assist a Tevez. Meglio tardi che mai. Carlitos invece, che trascinatore. Lui si ci mette sempre l’impegno necessario per se e per la squadra. Un gol pesante ieri.

Concludo facendo i complimenti alla città di Catania e i suoi tifosi e il suo presidente (sempre volutamente minuscolo) per la pessima figura fatta agli occhi nostri e di chi vuol vedere. Complimenti anche ai tifosi per essersi fatti prendere per i fondelli da Pulvirenti che fa la vittima ma quando arriva la Juve fa un bell’incassone e se lo mette in saccoccia alla faccia vostra e della Juve. Complimenti ancora di più ai giocatori per aver fatto la partita della vita in una circostanza come questa che a loro non servira per niente. Il risultato è stato il medesimo e cioè che avete perso. Zero punti in classifica ed energie psicofisiche sprecate massime. Vi consiglio vivamente di mettere queste forze in campo contro squadre come Bologna, Sassuolo, Livorno piuttosto che contro la Juve, forse oggi non sareste ultimi. Così come consiglio ai tifosi di riempire lo stadio in quelle circostanze, forse la squadra ne avrebbe più bisogno allora. Ad ogni modo vi auguro una buona serie B e a non rivederci. Almeno il prossimo anno non ci torneremo in questo stadio e in questa città. Saluti. Non ci mancherete per niente.

9 commenti

  1. La Sicilia sarà pure abbastanza bianconera.. Ma questi no… Anzi sono amici fraterni di quelli del Napoli,vanno nella curva loro(e fanno altrettanti i naples)cori in siculo,cori in partenopeo,molti si sposano fra di loro,quindi non ce niente da meravigliarsi.Che poi a Ct ci siano tanti juventini nn lo so,sicuramente un buon numero,ma in città si tifa Ct(e vorrei vedere).Come lasciatemelo dire a Napoli città si tifa Napoli,ma fuori città ci sono miliardi di strisciati(maggioranza della Juve) ve lo dico io che a castell’amare siamo tutti juventini

  2. Amico Magno, la mia non era una critica di “”razzismo”, figurati, ti leggo da troppo tempo per permettermi una cosa simile, so che non lo sei, volevo solo ricordare, come Veneto, che la BELLISSIMA E CIVILISSIMA Sicilia è in buona parte BIANCONERA JUVENTINA. Sempre tuo affezionato lettore.

  3. Pistocchi… una volta Capello disse: le analisi di Pistocchi lasciano il tempo che trovano.

    Da siciliano sono contento che il Catania vada in serie “B” per l’arroganza del suo presidente.
    Ho gioito di più quando ho visto il massimo dirigente seduto ai bordi del campo, con un volto scuro e pieno di rabbia, per non essere riuscito ad azzannare una zebra che sui luoghi di battaglia gli sfugge sempre e non si fa mai intimorire di nessuno……vedi Turchia
    La sportività della gente siciliana è unica e non deve essere mai fomentata in antisportività.

    Forza Juve, Ora e Sempre.

  4. grazie ragazzi , grazie rinus per la tua conferma. bruno tutto l’articolo ci tengo a sottolineare parla solo esclusivamente dei tifosi avversari non parla mai in nessun modo ne della sicilia ne ha qualcosa di razziale, infatti ci ho messo dentro anche altre città del centro e del noerd come verona e bologna dove si sono verificati episodi simili. nell’altro articolo ho criticato la ”civilissima firenze” che evidentemente da quanto ho scritto civile non è. ripeto non c’è nulla di razziale. il riferimento finale alla città di catania e in quanto le forse dell’ordine non hanno consentito che la nostra squadra non subisse un vero e proprio agguato e questo mi spiace per la città ma è colpa del prefetto della polizia e del sindaco e non potevo certo non dirlo. fral ‘altro mia moglie è per metà siciliana per cui… 😉

    gbdn tevez è veramente un grande personaggio oltre che grande trascinatore.

    nick ho visto pure io pistocchi che ha cercato in tutto e per tutto di condizionare paparesta e piu’ o meno ci è riuscito. pistocchi è una cacca di personaggio antijuventino come tanti sono in tv e quante volte lo scrivo …..
    condivido il tuo pensiero sull’assenza della società. è da 5 anni che io minaccerei di andare all’estero. questi subiscono di tutto e non battono mai ciglio. Moggi a suo tempo querelo’ zeffirelli questi li si puo’ insultare come si vuole non querelano mai nessuno.
    prima o poi in qualche stadio ci scappa il morto.

  5. Ciao Magno. Concordo con la tua analisi. Certo che tutto quest’odio contro la Juventus è per certi versi incomprensibile. A mio parere tuttavia è anche colpa della società, grandissima a livello sportivo, ma una vera nullità dal punto di vista dell’informazione.
    Perfino ieri mi è toccato sentire Pistocchi che Chiellini andava espulso per l’intervento su Barrientos seguito poi dalla gomitata di Bergessio. Ovviamente per Pistocchi i due interventi erano uguali….Comunque ieri si è vista la differenza tra un’arbitro nostrano e l’arbitraggio di Webb con la Fiorentina. Siamo lontani anni luce..
    Finchè la società non interverrà a livello mediatico ed anche legale prepariamoci che saranno guerre specialmente a Napoli, Roma, Bologna. Tutte le tv sono contro di noi. Il Corriere dello Sport, per non parlare dei torti che ieri ha subito la Juve ha in prima pagina la sfida tra Real e Barcellona, mentre dopo la sfida con il Torino titolava in prima pagina “la Juve vola con Tevez e Rizzoli”.
    Per quanto noi si vinca con merito resterà sempre questo clima di odio anche oltre lo sport, con attacchi al pulmann della Juve e ai tifosi. Ovviamente nessuno oggi ne parla. Di queste cose per parlarne devono succedere tragedie altrimenti non se ne parla in questa Repubblica delle banane.
    All’estero se giochi bene e vince i tifosi avversari ti applaudono, qui ti dicono “ladro”, ovviamente se sei indossi la maglia bianconera di Torino.
    Anche la nostra marcia da record è sminuita, mentre finchè la Roma era prima era un’impresa straordinaria…

  6. Che schifo l’atteggiamento del Catania. Vomitevole. E vabbè abbiamo vinto anche questa. Con un gol di Carlitos sempre più idolo!!! Tutto bene quindi!

    Ciaooooo

  7. Analisi certamente condivisibile Magno. Io parlerei di Catania-calcistica, anche perchè la Sicilia mi sembra abbastanza Juventina. Poi, è chiaro che la partita era stata preparata ” a tavolino”dal Catania come si prepara un’imminente battaglia, dal presidente più “sciocco”,per non infierire, che esiste nel mondo del calcio. In qualsiasi stadio ha giocato quest’anno il Catania ha preso batoste a go go, l’unico dove ha fatto la partita della vita è stato allo stadium, ancorchè perdenti, idem al ritorno in casa. Mi chiedo se, di questo passo, dovremo indossare “UN’ARMATURA” anzichè maglietta e calzoncini e non solo a Catania!

  8. Ciao a tutti, Magno grande as usual!!!
    Che vergogna di tifosi, gente che si crede veramente forte e anche superiore a tutti, se la mia Sicilia si trova in queste circostanze generali, ringraziamo gente come quel presidente e gente come quei tifosi!!! E credetemi, sono tanti!!
    Forza Juve sempre!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi