Caso Eto'o a Cagliari: basta ipocrisie e doppiopesismi | JMania

Caso Eto’o a Cagliari: basta ipocrisie e doppiopesismi

Caso Eto’o a Cagliari: basta ipocrisie e doppiopesismi

Vi scrivo mentre ancora deve concludersi il primo tempo della gara tra Cagliari ed Inter. Eto’o ha appena segnato un gol meraviglioso, da attaccante meraviglioso quale è. A prescindere dal risultato, però, da questo pomeriggio si parlerà (giustamente) solo di un episodio, davvero brutto. Cito la cronaca live della Gazzetta dello Sport. La gara è …

Vi scrivo mentre ancora deve concludersi il primo tempo della gara tra Cagliari ed Inter. Eto’o ha appena segnato un gol meraviglioso, da attaccante meraviglioso quale è. A prescindere dal risultato, però, da questo pomeriggio si parlerà (giustamente) solo di un episodio, davvero brutto. Cito la cronaca live della Gazzetta dello Sport.

La gara è stata sospesa dopo appena 3 minuti di gioco dall’arbitro Tagliavento dopo che dalla Curva Nord, occupata dagli ultras cagliaritani, sono partiti i buu razzisti all’indirizzi di Eto’o. L’arbitro ha subito fermato il gioco, convocato i capitani in mezzo al campo e invitato lo speaker dello stadio a ricordare al pubblico che in caso di cori razzisti la partita verrà sospesa. Dopo poco, circa tre minuti, il gioco è ripreso.

Il Camerunense ha risposto allora nell’unico modo davvero efficace: con un gol. E con un’esultanza, già mostrata in passato in Spagna, provocatoria: imitando una scimmia. A lui va la solidarietà di tutta la redazione del blog, che non ha mai accettato (lo sapete, è tutto scritto) il razzismo (neanche quello dei tifosi bianconeri), e mai lo accetterà. E solidarietà pari va alla ex compagna (cagliaritana) e alla figlia, che l’attaccante interista – ambasciatore Unicef nel mondo – non ha mai voluto riconoscere.

C’entrerà qualcosa con la contestazione? Lo scopriremo. Ad ogni modo, però, alcune cose vanno aggiunte sul tema razzismo.

Primo: come già detto l’anno scorso nei confronti degli juventini, i cori razzisti non devono essere usati neanche come “strumento”. E’ sbagliato, punto e basta.

Secondo: nulla di personale contro il Cagliari calcio, la gente di Cagliari, la Sardegna, la parte buona (la stragrande maggioranza) della tifoseria rossoblu, però è – vado a memoria – la terza volta, dall’anno scorso, che gli ultras finiscono in prima pagina per atteggiamenti, cori e insulti razzisti nei confronti di giocatori avversari. E gli altri non avevano figli da cagliaritane come (presunta) “colpa”. L’anno scorso era toccato infatti a Luciano, del Chievo e, a novembre, anche al nostro Momo Sissoko. I cori contro lo Juventino, in particolare, seguivano temporalmente i “casi” di Udine e Bordeaux, con parte della tifoseria bianconera impegnata nell’insultare il nerazzurro Balotelli. Si minacciò di punire la Juventus per responsabilità oggettiva, di sospendere le partite, addirittura di dare partita persa a tavolino. Ma l’ipocrisia italiana la conosciamo tutti, e a Cagliari nè l’arbitro, nè lo speaker, nè i giocatori in campo ritennero di dover fare qualcosa per stoppare 90 minuti di insulti. Scrissi allora: “Momo ha un colore che lo accomuna a Balotelli: il nero. L’altro (l’azzurro) no. Non vorrei fosse questa la vera discriminazione”. Frase che mi è toccato confermare quando, qualche mese dopo, ad aprile, i cori furono intonati addirittura da San Siro, dai tifosi interisti, quelli che si scandalizzavano. Anche in quel caso usai un titolo forte, ma sincero: “Fratello Momo, a nessuno gliene frega un ca**o di te!”, notando la totale indifferenza dei giocatori interisti e in particolare di capitan Zanetti, che aveva promesso di sospendere il match se si fossero verificati cori razzisti. Evidentemente si riferiva esclusivamente a quelli diretti ad un suo compagno.

E allora, al solito, massima solidarietà per Eto’o. Massima condanna per quanto accaduto. E, a prescindere dalle ragioni di tifo e di classifica, la gioia per la sua vendetta sportiva è grande. Però togliamo via la maschera di ipocrisia. Se davvero vogliamo combattere il fenomeno, è il primo passo.

(Di Antonio Corsa con la collaborazione di Mirko Nicolino)

3 commenti

  1. Ma nn mi sembra un buon motivo per fare questo fortuna ke nn e nnt in confronto a quello ke fanno i tifosi della lazio o dell verona la si ulula proprio wuwuwuwuwwuwu questo e il verso secondo me lo buu e una cosa qausi normale perke anke ai bianki si fa buuuu ti pare e l’ululato ke e vergognoso secondo me e a roma sfonda lazio e anke roma avvolte oltre ke allestremo nord milano sopratutto sfonda inter (zoro ce lo ricordiamo tutti) treviso verona (nn chievo anke perke sono 4 gatti).

  2. eto è stato fischiato perchè non ha mai pagato il sussidio a suo figlio “riconosciuto legalmente da un giudice” bel c… di ambasciatore unicef

  3. Mi associo nn o visto la partita perke diko la verita’ dormivo xD ma e un indecenza si devono vergognare !!!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi