La Juventus in tribunale Primo Piano

Caso biglietti: ora anche la Figc riflette su Pecoraro

giuseppe pecoraro caso biglietti
Scritto da Redazione JM

Il caso biglietti della Juventus e la posizione di Pecoraro: Uva predica prudenza, Malagò è dubbioso, Tavecchio vuole incontrarlo di persona

Il caso biglietti e i presunti contatti che la Juventus avrebbe avuto con ambienti malavitosi secondo l’accusa della giustizia sportiva, continua ad essere assai spinoso. Nei giorni scorsi Giuseppe Pecoraro è stato nuovamente in Commissione Antimafia, dove – come riporta Tuttosport’ – ha dovuto inevitabilmente ritrattare sulla famosa intercettazione “fantasma”. A parlare non era Andrea Agnelli e secondo il Procuratore Federale che ha colto l’eredità di Stefano Palazzi, si tratta comunque di una sensazione, di qualcosa che non esclude i legami del club bianconero con persone poco raccomandabili.

Ora si attende con curiosità il processo sportivo che prenderà il via il prossimo 26 maggio: secondo alcune indiscrezioni Pecoraro chiederà tre anni di inibizione per Andrea Agnelli, secondo altri un anno e mezzo. Intanto, sulla vicenda è tornato a parlare il ds della Figc, Michel Uva, che a Radio 24 ha dichiarato: “Ci sono delle cose da valutare in questi giorni, io non vorrei ritornare sull’argomento. Rispetto assolutamente la commissione antimafia e il lavoro della giustizia federale. Se dovessero esserci stati degli errori ognuno, e parlo solo della Federazione è chiaro, i panni se li laverà in famiglia”.

L’impressione è che la Procura Federale non sia più solida come all’inizio di questa vicenda, e lo si evince anche dalle parole di Gianni Malagò, presidente del Coni. “Indubbiamente c’è qualcosa che non quadra – dice – , ho letto i giornali, è indispensabile che il procuratore Pecoraro chiarisca bene, perché non ci siano equivoci, mi sembra importante nell’interesse di tutti e del suo sistema in particolare. Le denuncia della Bindi? Non posso essere contrario, ha gli elementi per giudicare, ne prendiamo atto. Io ho già detto che sul tema dell’Antimafia invito tutti, se non si è letto gli atti, a non dare giudizi, si rischiano brutte figure”.

Caso biglietti: la Juve chiederà i danni?

L’impressione è che la vicenda andrà davvero chiarita per bene e secondo quanto scrive ‘La Stampa’, lo stesso presidente Federale, Carlo Tavecchio, vorrebbe avere un confronto faccia a faccia con Pecoraro. Che in molti abbiano fiutato la poca consistenza delle accuse e che il processo sportivo possa rivelarsi un boomerang contro la federcalcio visto che nel processo penale né la Juve né i suoi tesserati sono indagati? In arrivo altre richieste di risarcimento danni?

Commento

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi