Caselli "Juve condannata non può mettere la terza stella" | JMania

Caselli “Juve condannata non può mettere la terza stella”

Caselli “Juve condannata non può mettere la terza stella”

“Possono avere tutte le ragioni di questo mondo ma le sentenze si accettano e le regole vanno rispettate. Dunque non dovrebbero metterla”. A dirlo è Giancarlo Caselli, procuratore capo di Torino, e noto tifoso del Torino, nel corso della trasmissione la ‘Zanzara’ su Radio 24. Poco informato sugli esiti dei processi sportivi e su quello …

“Possono avere tutte le ragioni di questo mondo ma le sentenze si accettano e le regole vanno rispettate. Dunque non dovrebbero metterla”. A dirlo è Giancarlo Caselli, procuratore capo di Torino, e noto tifoso del Torino, nel corso della trasmissione la ‘Zanzara’ su Radio 24. Poco informato sugli esiti dei processi sportivi e su quello penale che hanno confermato come “non sia stato alterato alcun risultato” e che “gli allora dirigenti hanno agito per conto proprio e non per la Juventus”, Caselli pretende di dare un consiglio ad Agnelli: “Dico solo che questa è una mancanza del rispetto delle regole che ci dovrebbe essere. So come funziona il tifo, ma ci sono state delle sentenze e vanno rispettate”.

21 commenti

  1. Condanatta da chi???? Da quel processo ridicolo, fai da te, di Guido Rossi(detto il commissario Rex)Uno stato o una federazione ,per essere credibili, devono fare giustizia e trattare tutti alla stessa maniera.Quello che ha subito la Juve è una cosa degna solo di uno stato mafioso,dove vince la banda più in auge.Caselli lascia perdere e pensi ad altro.Le istituzioni non si difendono a parole (vuote),ma facendole funzionare per il bene comune e non per il bene del petroliere sfigato o qualche politico mafioso.

  2. P.S.

    Caselli pensa al Toro e alle pesche che gli ha rifilato il pescara sabato!

    CHE E’ MEGLIO

  3. Oh ma tutti a rosikare! mamma mia che mondo di Don Chuck Castori che c’e’ intorno al calcio.

    Fatevene una Ragione la Juve ha vinto 30 scudetti e ne vincerà altri come da tradizione.

    Mamma mia che Rosikoni!!!

  4. Antonio Pompeo Mwdaglia

    ….ma questo signore dovrebbe sapere meglio di me che esistono più gradi di giudizio….e poi si dovrebbe informare su cosa è stato basato il giudizio sportivo:….su quanto detto su intercettazioni….non totali ma parziali e sopratutto sulla circostanza che azioni BEN PIU’ gravi sono state nascoste….e quindi PRESCRITTE….

  5. TRIADE_FOREVER

    E chi se ne frega?

    In questo paese chiunque può svegliarsi e dire quello che pensa……

  6. Ma gli juventini sono innamorati della Verità e della Giustizia, che hanno due soli colori, come le maglie che indossano: bianco e nero. Nei fatti di farsopoli, non esistono toni di grigio: quegli scudetti sono oppure no della Juve? L’abbiamo detto mille volte: noi non ci accontentiamo! Non ci accontentiamo di frasi di comodo, come “30 vinti sul campo”. Pretendiamo Giustizia.

  7. Alessandro Magno

    granata rosicone a che titolo parli? fatti gli affaracci tuoi

  8. Andrea…

    Non è la prima volta che tiri in ballo ‘sti argomenti: se sei juventino, non ne andiamo orgogliosi. Se non lo sei, vai a fare i tuoi commenti da interista mimetizzato altrove, che tanto non ci convinci.

  9. Dobbiamo metterci in testa che quando uno è antijuventino, non imnporta che sia giudice, santo o eroe di guerra: è antijuventino e BASTA. Dunque spala merda, maligna, dice fesserie: ancor più dopo la cavalcata di quest’anno (passi lo scudetto, ma anche l’imbattibilità…).
    L’antijuventino ci odia e gode nell’odiarci: il tifo non è peccato.

  10. In che mani è caduta la giustizia.

  11. @ El.kun

    LOL LOL

  12. Darrell Abbott

    Andrea ma non ti stanchi mai di avere torto e di non essere il benvenuto qui?Rassegnati:per noi rancorosi,livorosi e tifosi di serie c gli scudetti sono 30 e le stelle 3,e così sarà vita natural durante.Prova in qualche sito cattolico o in qualche sito in cui parlano di alti valori morali tipici dell’interista standard,qua ti risponderemo sempre allo stesso modo.Adiòs

  13. Caselli…Caselli…ma rispetto di quale regole, quelle della Federazione Incompetenti Gioco Calcio che con farsopoli 2006 ha preso in giro gli Italiani come la politica, “piaccia o non piaccia” sono 30 e tre stelle

  14. a napoli anno detto tutto il contrari buffone

  15. Questa ipotesi di procuratore ha letto la sentenza di Napoli che ha scagionato al 100% la Juve?

  16. Premettendo che non condivido quanto detto sul Dott.Caselli, non posso esimermi però dal’affermare con forza e veeemenza caro Andrea che tu o sei in malafede (probabile oltre che prescritto), oppure sei uno di quei tanti “pecoroni” che invece di ragionare con la propria testa, si fanno infilare nelle orecchie e spero solo li, quello che più aggrada agli altri.
    Allora caro il mio “ignorantone ipocrita e saputello”, vediamo cosa ha detto la sentenza di napoli:

    -STAGIONE 2004/2005: NESSUNA ALTERAZIONE – Dal punto di vista sportivo la frase più importante dell’intera sentenza riguarda il giudizio sul campionato 2004/2005 (l’unica oggetto d’indagine): “il dibattimento in realtà non ha dato conferma del procurato effetto di alterazione del risultato finale del campionato di calcio 2004-2005 a beneficio di questo o quel contendente”.
    Insomma, l’unico campionato sottoposta ad indagini, secondo i giudici ordinari, non è stato alterato.

    -JUVENTUS NON CONDANNATA AL RISARCIMENTO DANNI :Sul versante passivo, il tribunale stima che non può essere accolta la domanda nei confronti del responsabile civile Juventus s.p.a., sotto il profilo della frattura del rapporto organico con il datore di lavoro, generata dall’esercizio da parte dell’imputato Moggi di un potere personale avente manifestazioni esteriori esorbitanti dall’appartenenza alla società, noto come tale ai competitori, messi infatti in allarme, così come ampiamente dimostrato dagli atti del processo, dalle caratteristiche del suo potere, da tutti indistintamente i competitori primieramente collegato all’universo dei calciatori rappresentati dalla GEA”.

    -SORTEGGI NON TRUCCATI:Uno dei pilastri dell’accusa riguardava i sorteggi arbitrali truccati.Per i giudici, invece, non è emerso alcun aspetto di irregolarità e gli stessi magistrati hanno criticato la Procura: “Incomprensibilmente il pubblico ministero si è ostinato a domandare ai testi di sfere che si aprivano, di sfere scolorite, e di altri particolari della condizione delle sfere, se il meccanismo del sorteggio, per la partecipazione ad esso di giornalista e notaio, era tale da porre i due designatori Bergamo e Pairetto, nell’impossibilità di realizzare la frode”. In definitiva: “il sorteggio non sia stato truccato, così come hanno sostenuto le difese, è emerso in modo chiaro durante il dibattimento”. Duramente contestati dai giudici (quasi ridicolizzati) due testimoni dell’accusa quali Manfredi Martino Martino e Nucini…”; “Manfredi Martino, presentato come colui il quale doveva fare luce sulle irregolarità, il cui esame ha prodotto solo un coacervo di risposte da presa in giro tipo il colpo di tosse del designatore Bergamo…”; “…inconsistenza di Nucini vagliata per tempo dal PM di Milano”. Un passaggio è dedicato anche alla vicenda Telecom Inter: “forme molto odiose di spionaggio”.

    – INDAGINI PARZIALI. DIFESA OSTACOLATA :”La difesa è stata, se non in diritto, almeno in fatto, molto ostacolata nel compito suo proprio dall’abnorme numero di telefonate intercettate, oltre centosettantunmila, e del metodo adoperato per il loro uso, indissolubilmente legato a un modo di avvio e sviluppo delle indagini per congettura, emerso al dibattimento”. Il tutto collegato ad un altro passaggio fondamentale: “il ridimensionamento della portata dell’accusa (…) deriva dalla parzialità con la quale sono state vagliate le vicende del campionato 2004/05, per correre dietro soltanto ai misfatti di Moggi”.

    Ora Dott. caselli, lasci da parte la sua fede granata e il suo odio viscerale nei confronti dei colori bianconeri, e cerchi di essere obiettivo.Lei non può dire e affermare che la terza stella vorrebbe dire “non rispetto delle regole”, perchè qui di regole non ce ne sono più e le motivazioni sopracitate ne sono la prova lampante.

    Per quanto riguarda te, Andrea, non ho altro da aggiungere, sei solo un mistificatore oltre che ignorante.Falso demagogo e ipocrita…..VERGOGNA!!!!!!!!!!!!

  17. Ha ragione Caselli. Sino a quando non si dimostra in tribunale la piena estraneità del club e dei suoi dirigenti le sentenze vanno accettate. Scopo del club è quello di dimostrare la correttezza delle proprie azioni. Può piacere o non piacere ma le sentenze si rispettano sempre. Si può combattere per farle cambiare e rivedere ma si rispettano. A me tutto questo casino ricorda troppo il discorso di Berlusconi per potermi piacere, anzi, mi sta facendo veramente arrabbiare.

    Qui arriva pure uno a scrivere “se questo figuro è procuratore aggiunto, allora anche il pappagallo di mia zia ha buonissime possibilità di far carriera!!!!!!!!!!” “ma va a mori ammazzato granato di merda” Ma siamo fuori di testa? Dire una cosa del genere a uno che ha vissuto con la scorta per minacce di morte?

  18. granata rosicone…

  19. Strano che questo commento venga da un giudice! Strano che non sappia che esiste la “Revisione del Processo per fatti intervenuti dopo la sentenza”. Ma è questo che chiede la Juve: la revisione del processo sportivo a seguito di tutto quello emerso dal Processo di Napoli: prove camuffate, prove fatte sparire, campionati NON condizionati, Juve colpevole DI NIENTE! Giudice Caselli: si rilegga i Codici e non spari più caz…te! Anzi, dovrebbe essere proprio Lei, Paladino della Giustizia a chiedere che il Processo Sportivo si rifaccia e siano condannati i VERI colpevoli!

  20. I peggiori ipocriti, sono quelli che fanno finta di non sapere… ,e parlano pure di rispetto delle regole…
    Napoli non gli dice niente??

  21. se questo figuro è procuratore aggiunto, allora anche il pappagallo di mia zia ha buonissime possibilità di far carriera!!!!!!!!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi