Cannavaro chiama, Grosso risponde: a giorni la conferma dell'addio | Juvemania

Cannavaro chiama, Grosso risponde: a giorni la conferma dell’addio

Cannavaro chiama, Grosso risponde: a giorni la conferma dell’addio

Secondo quanto riporta oggi il quotidiano sportivo torinese ‘Tuttosport’, il futuro di Fabio Grosso potrebbe essere negli Emirati Arabi. Il terzino campione del mondo 2006, nonostante l’impiego iniziale da parte di Antonio Conte per cause di forza maggiore, è nuovamente scivolato nelle retrovie della rosa bianconera. Secondo radio mercato, dunque, l’ipotesi più accreditata sarebbe la risposta …

Secondo quanto riporta oggi il quotidiano sportivo torinese ‘Tuttosport’, il futuro di Fabio Grosso potrebbe essere negli Emirati Arabi. Il terzino campione del mondo 2006, nonostante l’impiego iniziale da parte di Antonio Conte per cause di forza maggiore, è nuovamente scivolato nelle retrovie della rosa bianconera. Secondo radio mercato, dunque, l’ipotesi più accreditata sarebbe la risposta affermativa all’invito ricevuto dall’ex compagno di club e di nazionale Fabio Cannavaro, che gli ha proposto di trasferirsi a Dubai. Grosso, che si è preso qualche giorno per pensarci su, sarebbe orientato a dare una risposta affermativa.
Pare orientato, invece, ancora una volta a rifiutare l’italo-brasiliano Amauri, che registra nelle ultime ore un interesse del Werder Brema.
Continua così tra molte difficoltà l’operazione ‘epurazione esuberi’ che il DG Beppe Marotta si trova costretto a mettere in piedi per diminuire il monte ingaggi della Juventus e recuperare al contempo risorse utili da impiegare nel mercato di riparazione per completare la rosa a disposizione di Conte. Da definire, poi, le posizioni di Elia e Krasic due dei più costosi investimenti proprio di Marotta, ma bocciati dal tecnico bianconero. Si cederanno già a gennaio per far posto a qualche pedina più utile o rimarranno ai margini della rosa fino a giugno con probabile deprezzamento del valore?

6 commenti

  1. [email protected]

    ed aravamo meno ‘avanzati’ e ‘strutturati’ nel merchandising e scoeita privata….avevamo un mostro di sponsor come il tamoil ma non avevamo soldi dalla societa ne tanto meno grandi introiti dallo stadio o altri settori….

  2. [email protected]

    el.kun dobbiamo anche ricordare che nel 2006 non avevamo lo stadio di proprieta ne tanto meno questo ‘appoggio’ finanzario quindi saremmo stati primi ed nei primi 3-5 club piu forti al mondo….

  3. Quadro lampante e chiarissimo di una gestione della società che definire deficitaria è un eufemismo.
    ” Se andiamo a vedere come stavano le cose alla fine della stagione 2005-06 notiamo che i fatturati pubblicati da Deloitte recitano: Real 292 milioni, Barcellona 259, Juventus 251, Man Utd 243, Milan 239, Chelsea 221, Inter 207. La Juventus della triade, dunque, è stata la squadra più vicina a contendere il predominio economico di Real e Barca.”
    p.s. e pensare che qualcuno di molto importante in società, definì troppo dispendioso l’operato della triade…..VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!

  4. hai ragione in parte ju29doc. ma il manico conta se un allenatore non riesce a motivare gente appena giunta in squadra ( Elia ) o rimotivare uno come Krasic che lo scorso anno ritengo abbia fatto bene quasi sino alla fine, vuole dire che c e uno scontro di civilta, per usare un termine eccessivo . Io cattivamente credo che a certe qualita indubbie Conte abbia una dose eccessiva di protagonismo essendo un comandina. Io continuo a tifare come negli ultimi 60 anni, ma sono stanco poi, di scuse e colpe trasferite ad altri un salutissimo

  5. arthur ci sono giocatori che si ambientano subito es Vidal e Estigarribia e ci sono giocatori che non si ambientano

  6. non ci sono commenti….ma la parte finale dell articolo e di una vergogna incredibile i cui responsabili sono il sig.Marotta e l allenatore. Come fidarsi per le prossime richieste………chi portera in tribuna a fare compagnia a quelli fissi gia ora ?

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi