Calciopoli, sim svizzere: indagato De Cellis, ecco perché

Calciopoli, sim svizzere: indagato De Cellis, ecco perché

Calciopoli, sim svizzere: indagato De Cellis, ecco perché

Calciopoli, Teodosio de Cillis è stato rinviato a giudizio per falsa testimonianza: Nicola Penta fa rivelazioni clamorosi sul venditore di schede straniere

12-sim-svizzeraCalciopoli: Teodosio de Cillis è stato rinviato a giudizio per falsa testimonianza. Si tratta del titolare della rivendita di Chiasso, presso la quale alcuni imputati del processo di Calciopoli si sarebbero riforniti di sim svizzere. La richiesta di rinvio a giudizio è stata formulata dal pm di Napoli Raffaele Tufano in seguito ad una denuncia sporta dall’ex arbitro Tiziano Pieri, oggi commentatore in Rai.

A svelare alcuni retroscena della vicenda, ci ha pensato Nicola Penta, consulente informatico di Luciano Moggi e di altri imputati del processo di Calciopoli. L’ipotesi che fa Penta è gravissima: De Cillis, infatti, avrebbe fornito agli inquirenti un elenco di sim svizzere delle quali non esiste alcuna registrazione ufficiale. I numeri, dunque, possono essere stati indicati a casaccio oppure suggeriti da qualcuno per inguaiare qualcun altro. E chi aveva l’interesse di inguaiare Moggi, arbitri e altri dirigenti del calcio italiano? Ecco quanto scrive Nicola Penta su Facebook:

Un giorno fui chiamato da Tiziano Pieri, ex arbitro imputato in Calciopoli, condannato in 1° grado nell’abbreviato, il quale mi chiese di aiutarlo in attesa del processo di appello. Gli dissi che la sua posizione era molto a rischio, vista anche la sua difesa che era apparsa troppo accondiscendente alla Procura. Quindi gli suggerii per prima cosa di cambiare i suoi difensori, insufficienti a mio parere anche a livello tecnico, e che i nuovi avrebbero dovuto seguire la mia strategia difensiva. Così andò. Dopo vari incontri, lette attentamente le carte, ritenni opportuno denunciare il summenzionato italo svizzero, il quale mentì spudoratamente su vari fronti. Primo fra tutti, il luogo della consegna dei documenti contenenti i numeri delle sim, presumibilmente attribuite ad arbitri assistenti e designatori. Si trattava di un semplice foglio (a breve lo posterò) – lo trovate in calce, ndr – dove venivano indicati appunto i numeri con tanto di prefisso svizzero. Il problema però è che questi numeri non se li era segnati da nessuna parte, dato che erano sim non registrate, o meglio, come da lui stesso dichiarato, intestate a suo padre e poi gettate via. Quindi in questo foglietto, poteva scrivere i numeri che voleva, senza essere smentito perché non c’era la possibilità di confutarlo. Ora, dato che durante la sua testimonianza mentì, tanto che la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per averlo fatto ripetutamente sotto giuramento in dibattimento, e non davanti ai pm, è altrettanto logico che mentì anche riguardo al famoso elenco che sicuramente gli fu suggerito. Ora non si scherza più.

de-cillis

3 commenti

  1. iosonojuventino92

    Uhm, dovrei tornare a leggermi le trascrizioni della testimonianza di De Cillis, perché non ricordo bene i particolari, quindi non riesco a capire a cosa si riferisca, esattamente, Penta.

    Cioè, (De Cillis) ha fornito un elenco di numeri ai CC, i quali, poi, li avrebbero attribuiti a Moggi e agli altri imputati, per formulare il teorema dell’accusa? C’è discrepanza anche sul luogo?

    Bene, a questo punto, vorrei proprio sapere di cosa stiamo parlando, quando si urla “Ci sono le schede svizzereeeee”, perché qui mi sembra che anche questo specchio si sia rotto e i colpevolisti antijuventini dovrebbero farsene una ragione, circa l’innocenza del Direttore.

    Sapevo già dell’indagine su De Cillis per “falsa testimonianza”, ma qui si parla proprio di rinvio a giudizio. Non mi resta che chiedervi di tenerci aggiornati, Redazione.

    • Certo che vi terremo aggiornati 😉

      • iosonojuventino92

        Redazione,

        Non so se avete qualche script anti-spam, però non riesco ad allegare il link che mi ha chiarito le idee.

        Facciamo che a quello rimando, riportando solo il titolo: è “De Cillis vs Nardone: deposizioni a confronto”, da Ju29ro. Leggetelo e traete da voi (mi riferisco soprattutto ai lettori) le conclusioni. Io, un’idea, me la sono già fatta. Aspettiamo il 17 dicembre.

        Spero di aver fatto cosa gradita.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi