Calciopoli: scende in campo la Juventus e... vince | JMania

Calciopoli: scende in campo la Juventus e… vince

Calciopoli: scende in campo la Juventus e… vince

L’ultima udienza dibattimentale del processo di Calciopoli a Napoli, a parte il tentativo disperato dell’accusa di introdurre nuovi elementi contro gli imputati (tra cui i commenti dei tifosi avversari sui propri forum), ha visto scendere in campo direttamente la Juventus. Sì, perché per la prima volta da 5 anni a questa parte il legale della …

L’ultima udienza dibattimentale del processo di Calciopoli a Napoli, a parte il tentativo disperato dell’accusa di introdurre nuovi elementi contro gli imputati (tra cui i commenti dei tifosi avversari sui propri forum), ha visto scendere in campo direttamente la Juventus. Sì, perché per la prima volta da 5 anni a questa parte il legale della società bianconera Vitiello, ha abbandonato il suo ruolo passivo per opporsi alle nuove richieste dell’accusa. Un segnale forte da parte della Juventus, fin qui sempre criticata dai propri supporters per aver tenuto un comportamento troppo ‘molle’ nei confronti di un dibattimento che nel corso degli anni e delle udienze si è mostrato basarsi sul ‘nulla cosmico’. Ecco il puntualissimo pezzo scritto in merito da Alvaro Moretti di ‘Tuttosport’.

Quando la Juve gioca da Juve, molto spesso vince. E sa farlo non solo in campo, dove cede posizio­ni e millimetri di storia tutte le volte che si acconten­ta. Ha vinto contro le migliori squadre del campiona­to e perso con chiunque. Ha vinto ieri nell’ultima oc­casione utile perbattere un colpo nel processo Calcio­poli, dove la Juve deve difendere l’onore ed evitare possibili cause risarcitorie milionarie che oggi – a dif­ferenza del 2006, piaccia o non piaccia – sembrano davvero paradossali. Ha scelto di farlo per 28 mesi con un profilo basso: c’era Moggi a guidare la contro­indagine che ha fatto riaprire il caso Calciopoli in Figc. Ieri però il legale bianconero, Giuseppe Vitiello, ha giocato la sua partita fatta di opposizioni giuridica­mente ineccepibili ai pm e alla parte civile Brescia, che chiede soldi: con lui gli avvocati di Moggi e tutti gli altri. La somma fa il totale: un punto a segno, quel­lo finale di un dibattimento chiuso che ha cambiato tal­mente il quadro da portare, ormai un anno fa, la Ju­ve a “esporre” qualcosa per cui si deve lottare ora. Perché la Figc ha fretta – adesso – di chiudere le que­stioni che riguardano l’ipotesi di radiazione di Mog­gi, Giraudo e Mazzini: a giudizio il 19 maggio. Palaz­zi, per allora, avrà concluso anche il lavoro sull’espo­sto juventino anti Inter? Certo, nella partita della Figc la Juve deve giocare bene: il processo di Napoli sta fi­nendo, le prove invece sono già lì. Ma i verdetti del 2006 non saranno ribaltati senza una sua azione da gol: la richiesta della revisione. Decidere in cosa cre­dere e giocare, perché se rinunci perdi la speranza.

8 commenti

  1. No andrea, Narducci sarà addirittura promosso e nessuna sanzione verrà applicata. Lungi da me farne un discorso politico, certi pm vanno giudicati penalmente come qualsiasi altro cittadino. Questo qui voleva rovinare la vita di 13 persone totalmente innocenti e pur di farlo si è inventato prove, ha magheggiato con poteri occulti, ha spiato famiglie intere… cosa merita se non il carcere?

  2. “chiudere in cella per sempre il pm che va a cena…”: lo facevano al tempo del fascismo. Grazie al cielo tale schifo è stato superato. Un po’ di rispetto per le istituzioni di questo paese. Per le procedure sanzionatorie c’è l’organo competente e, benché qualcuno non vi creda più – volendo annullare la separazione dei poteri – quell’organo esiste ancora.

  3. se AA non fa almeno queste 4 semplici cose:

    – campagna stampa di informazione sulle menzogne di farsopoli
    – richiesta revisione ex art 39
    – pretesa di risarcimento da Figc
    – querela agli pseudo giornalisti che tengono vive le falsità ed il sentimento popolare contro la juve………

    ………sapremo da che parte sta.

  4. E’ il minimo. Dal punto di vista penale si dovrebbe chiudere in cella per sempre il pm che va a cena con moratti, presenta i libri con Zanetti e che voleva portare come prova gli insulti di un forum di laziali.

  5. Scuse a Moggi e alla Juventus, penalizzazioni per l’Inter e annullamento delle vittorie, mi pare un pò troppo.

  6. Se vogliono vederci chiaro allora bisogna chiedere la revisione: e se il comportamento illecito per la giustizia ordinario risultasse non provato e non provabile allora in FIGC dovrebbero preoccuparsi, perché risulterebbe – al di là del rispetto personale che provo per coloro che hanno sempre svolto la loro attività secondo la legge – che si è giunti ad un’azione sanzionatoria non motivata.

  7. Capitan Haddock

    L’ho sempre detto: finché non riotteniamo i 2 scudetti e l’annullamento della sentenza di retrocessione, non c’è calcio giocato che tenga. E non ci sarà nemmeno una squadra degna di chiamarsi Juventus. Quindi, chi se ne frega delle partite e del calciomercato?
    Comincino ad annullare le sentenze del 2006, con tante scuse. Questo è il primo passo, imprescindibile.
    Poi possiamo discutere sui risarcimenti e sulle penalizzazioni da infliggere alle altre squadre…. un accordo lo si trova. Io ad esempio non voglio vedere i cartonati in serie B a tutti i costi; mi accontenterei di vederli partire a -30, naturalmente con tutti gli scudi post 2006 revocati.

  8. E allora forza juve mettila d’entro adesso che conta nn interessa la champions,ne il campionato,liberiamoci di questo fardello da dosso riprendiamoci cio che e nostro cosi finalmente potremmo riavere un pizzico di dignitaì un pizzico eh la serie B nn se la scorda nessuno !!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi