Calciopoli: per la Gazzetta è tutto chiaro... per voi? | JMania

Calciopoli: per la Gazzetta è tutto chiaro… per voi?

Riporto integralmente un bell’articolo realizzato dal blogger di Aula 216, che da Calciopoli 2 in poi, sta svolgendo un grande lavoro di analisi e critica relativo agli sviluppi del processo di Napoli… Da quando si parla di Calciopoli due, la Gazzetta dello Sport offre sul suo sito un resoconto su Calciopoli uno per chi volesse …

Riporto integralmente un bell’articolo realizzato dal blogger di Aula 216, che da Calciopoli 2 in poi, sta svolgendo un grande lavoro di analisi e critica relativo agli sviluppi del processo di Napoli…

Da quando si parla di Calciopoli due, la Gazzetta dello Sport offre sul suo sito un resoconto su Calciopoli uno per chi volesse saperne di più. Io lo riporto perchè la chiarezza è importante. Anzi, siccome è importantissima, aggiungo delle umili considerazioni.

1) Come scoppiò lo scandalo?
Nel 2004 la procura di Napoli apre un’inchiesta dopo le dichiarazioni dei presidenti di Cagliari (Cellino), Livorno (Spinelli), Venezia (Dal Cin) raccolte nell’ambito dell’indagine sul calcio-scommesse del 2003 (caso Bettarini-Marasco). In precedenza la procura di Torino aveva aperto un fascicolo sul fronte doping, intercettando Luciano Moggi e altri soggetti, fra cui il designatore Pairetto. Quell’inchiesta fu archiviata ma il procuratore Maddalena inviò gli atti alla Federcalcio per quanto riguarda i risvolti sportivi. Nel maggio del 2006 trapelano delle intercettazioni relative alla prima informativa dei carabinieri ai due pm di Napoli, Filippo Beatrice e Giuseppe Narducci. Si indagò su 39 partite, dal 26 settembre 2004 al 29 maggio 2005.

Considerazione di Auladuecentosedici. Chi fece trapelare le intercettazioni in maniera illegale ?

2) E’ vero che nel processo sportivo Moggi fu condannato “perché parlava con i designatori”?
È solo uno dei motivi. Le parole usate dalla sentenza di primo grado, e confermate in appello, spiegano che il direttore generale della Juve – come Giraudo, Mazzini, Pairetto, Lanese, Bergamo (la sua posizione fu però stralciata in quanto non più tesserato dopo le dimissioni), De Santis -, fu condannato per “aver intrattenuto contatti realizzati anche su linee telefoniche riservate e partecipato agli incontri, con modalità non pubbliche, condotte contrarie ai principi di lealtà, probità e correttezza e al contempo dirette a procurare un vantaggio alla società Juventus”. Nel caso di Moggi e Giraudo, la condanna fu inflitta anche per gli atteggiamenti usati dopo Reggina-Juve. E per Moggi pure per “aver posto in essere atti diretti ad alterare lo svolgimento delle gare Juve-Lazio (secondo la procura federale, “conosceva in anticipo gli assistenti prima della loro comunicazione ufficiale”), Juve-Bologna (“per essere intervenuto sull’arbitro De Santis in occasione di Fiorentina-Bologna affinché ne uscisse indebolito l’organico del Bologna successivo avversario della Juve”) e Juventus-Udinese (“per aver dettato la griglia degli arbitri al designatore Paolo Bergamo”)”.

Considerazione di Auladuecentosedici . Dal processo è emerso che Marco Branca comprò delle schede svizzere, che Facchetti andò a cena da Bergamo con modalità non pubblica, che Facchetti conosceva in anticipo gli assistenti per comunicazione di Mazzei, che Facchetti ha chiesto di non sorteggiare in occasione di Juve Inter proponendo di taroccare la griglia. Basta o bisogna andare più a fondo ? Perché c’è molto altro.

3) Ma la giustizia sportiva ha condannato Moggi anche per le famose schede svizzere?
In parte. Nell’istruttoria sportiva venne evidenziato l’uso di solo tre schede. Nel filone successivo, sempre a livello sportivo, fu condannato a quattro anni di inibizione l’ex dirigente del Messina, Mariano Fabiani, e alcuni arbitri (un anno e sei mesi a Dattilo, Cassarà, Racalbuto, Pieri e l’assistente Ambrosino), ma Moggi non fu ritenuto giudicabile perché ormai non più tesserato. Le società non furono coinvolte.

Considerazione di Auladuecentosedici . Come mai a livello penale invece “il fatto non sussiste” per alcuni che sono già stati giudicati? Forse perché supporre che due persone siano al telefono basandosi su celle che si incrociano è un tantino impreciso?

4) Quanti gradi di giudizio ci furono nel processo sportivo e che differenze si riscontrarono fra le sentenze?
I gradi furono tre: Commissione d’appello federale; Corte federale; Camera di conciliazione e arbitrato del Coni. Fra il primo e il secondo grado la differenza riguardò solo l’entità delle penalizzazioni per le società. Nuove riduzioni furono poi decise dalla Camera di Conciliazione non solo per i club, ma anche per i dirigenti. E in quell’occasione fu prosciolto l’ex presidente federale, Carraro

Considerazione di Auladuecentosedici: Come mai venne cassato un grado di giudizio e non vennero concesse prove a discarico, dato che l’onere della prova spetta all’imputato nella giustizia sportiva?

5) E’ vero che fu condannata soltanto la Juve e i dirigenti che la rappresentavano?
No, furono condannate:
– La Juve (retrocessione in serie B e 30 punti di handicap per la stagione successiva, poi alla fine ridotti a 9, revoca degli scudetti 2004-2005 e 2005-2006).
– Il Milan (44 punti di penalizzazione per la stagione 2005-2006 e 15 per la successiva, poi ridotti a 30, handicap che gli permise comunque di andare in Champions, e 8 da scontare nella stagione successiva).
– La Fiorentina (30 punti di penalizzazione per la stagione 2005-2006 e 19 per la successiva, poi ridotti a 15)
– La Lazio (30 punti per la stagione 2005-2006, più 11 per la successiva poi ridotti a 3)
– La Reggina (15 punti da scontare nel 2006-2007, poi ridotti a 11)
– L’Arezzo (9 punti di handicap nella stagione 2006-2007, diventati poi 6)
Fra i dirigenti oltre a Luciano Moggi (cinque anni e proposta di radiazione, rimasti tali anche nell’ultimo grado di giudizio) e a Antonio Giraudo (stessa sanzione), furono condannati:
– Diego Della Valle (Fiorentina, 4 anni, poi 8 mesi alla fine)
– Andrea Della Valle (Fiorentina, 3 anni e sei mesi, alla fine un anno e un mese)
– Sandro Mencucci (Fiorentina, tre anni e sei mesi, un anno e cinque mesi alla fine)
– Leonardo Meani (Milan, tre anni e sei mesi, due anni e due mesi alla fine)
– Adriano Galliani (Milan, un anno, cinque mesi alla fine)
– Claudio Lotito (Lazio, tre anni e sei mesi, poi diventati quattro mesi)
– Pasquale Foti (Reggina, due anni e sei mesi, poi diventato un anno e un mese)
– Innocenzo Mazzini (vicepresidente Federcalcio, cinque anni con proposta di radiazione, sanzione rimasta invariata)
– Tullio Lanese (presidente degli arbitri, due anni e sei mesi, poi un anno)
– Pierluigi Pairetto (designatore arbitrale, due anni e sei mesi)
– Gennaro Mazzei (designatore degli assistenti, quattro anni poi ridotti a due)
– Massimo De Santis (arbitro, quattro anni)
– Gianluca Paparesta (tre mesi)
– Fabrizio Babini (guardalinee, un anno, poi tre mesi alla fine)
– Claudio Puglisi (guardalinee, un anno, poi tre mesi)
– Stefano Titomanlio (guardalinee, tre anni).

Considerazione di Auladuecentosedici: Manca l’Inter in base alle considerazioni del punto 1, e chissà chi altro.

6) Perché in queste settimane il caso è tornato di attualità?
I legali di Luciano Moggi – gli avvocati Maurilio Prioreschi, Paolo Rodella e Paolo Trofino – hanno rivisitato le intercettazioni grazie a un consulente informatico, Nicola Penta, che incrociando alcuni numeri di telefono, ha “scoperto” intercettazioni non trascritte relative ad altri soggetti, alcuni non toccati dall’inchiesta (Moratti, Facchetti e l’Inter; Spalletti e l’Udinese), altri già condannati (Meani, Galliani e il Milan). Ora i legali chiederanno al processo l’ammissibilità delle nuove intercettazioni nonostante i termini siano già scaduti.

Considerazione di Auladuecentosedici : telefonate non solo ammesse, ma considerate “penalmente rilevanti”dal giudice del processo

7) Che differenza c’è fra il processo sportivo che si tenne nell’estate del 2006 e quello penale che è in corso a Napoli?
Il processo sportivo è un processo sui generis. Che viene definito di “giustizia domestica” e che è interno all’ordinamento sportivo. Comporta l’inversione dell’onere della prova, per cui è l’imputato a dover dimostrare la propria innocenza. Il contrario di ciò che accade in sede penale.

Considerazione di Auladuecentosedici : Allora sarà meglio aprire un processo sportivo in modo che l’Inter e gli altri nuovi soggetti portino le loro prove a discolpa. O meglio non le possano portare e si debbano limitare ad un arringa difensiva di 15 minuti, come fu fatto nel 2006.

8) Anche in sede penale, a Napoli, c’è già stata una condanna, quella di Giraudo: come mai? E perché la sua posizione è distinta da quella di altri imputati?
Giraudo e altri dieci imputati hanno scelto il rito abbreviato. Che è fondato sulle stesse carte che portano al rinvio a giudizio: non vengono ascoltati testimoni e il giudice decide in base al materiale presentato dalla pubblica accusa e dai difensori. Comporta lo sconto di un terzo della pena. Antonio Giraudo è stato condannato a tre anni per «associazione per delinquere e frode», Tullio Lanese a due anni per «associazione per delinquere», Tiziano Pieri a due anni per quattro mesi per «associazione per delinquere e frode», l’ex arbitro Paolo Dondarini a due per «frode». Sono stati, invece, assolti gli arbitri Gabriele, Cassarà, Rocchi, Messina, e gli assistenti Baglioni, Griselli e Foschetti.

Considerazione di Auladuecentosedici : Significa che le nuove prove non sono state prese in considerazione ? Attendiamo l’appello.

9) E’ possibile che, in presenza di fatti nuovi, il processo sportivo sia riaperto? Le vicende sono cadute in prescrizione? Altre società rischiano sanzioni? I condannati in precedenza possono essere riabilitati?
I fatti in esame si riferiscono alla stagione 2004-2005. Pertanto si applica il codice di giustizia sportiva in vigore in quell’epoca, che prevedeva la prescrizione dei reati in due anni per le società e quattro per i tesserati (nel nuovo codice la prescrizione è per tutti di otto anni). Insomma, il processo non può essere riaperto. Ma il presidente federale Abete ha detto comunque che “i comportamenti illeciti si prescrivono, quelli morali no” e anche nell’ipotesi di prescrizione, “il caso verrà comunque segnalato”. I condannati possono chiedere l’appello “per revocazione” se ci sono “fatti nuovi che possono modificare la loro posizione”. Quindi, se ci saranno altri colpevoli questo non potrebbe bastare per chiedere la “revocazione”.

Considerazione di Auladuecentosedici ; La Juve venne condannata per rapporti esclusivi che tali non erano. Si legge anche CUPOLA. Questo modifica la posizione in meno di due righe.

10) Lo scudetto del 2006 fu assegnato a tavolino dall’allora commissario della Figc, Guido Rossi, all’Inter: Perché? Era obbligato a farlo?
Qui la prescrizione non c’è. Nel 2006 i tre saggi – Coccia, Pardolesi e l’ex segretario Uefa Aigner, studiarono la materia dal punto di vista giuridico e fornirono un parere che diede via libera alla possibilità della riassegnazione, citando la norma 49 delle Norme Organizzative Interne (NOIF), che parla di una successione automatica (quindi l’Inter terza diventa prima in virtù della penalizzazione della Juve e del Milan). Tuttavia, secondo lo stesso parere, consultivo e non vincolante, l’argomento è tornato di attualità, “la FIGC ha il potere discrezionale di deliberare la non assegnazione del titolo di Campione d’Italia alla squadra divenuta prima in classifica in seguito alla penalizzazione delle squadre che la precedevano, se alla luce di criteri di ragionevolezza e di etica sportiva, le circostanze relative al caso di specie rendono opportuna tale non assegnazione”, Due giorni dopo, il parere del 24 luglio del 2006, il commissario Rossi ritenne che non ricorrevano “motivi per l’adozione di provvedimenti di non assegnazione”, e allora non emersero.. Ora bisognerà vedere, è il riferimento all’approfondimento fatto da Abete sulla “questione morale”, se questi “motivi” sono emersi.

Considerazione di Auladuecentosedici : Il commissario Rossi, che all’Inter ricordano con affetto come dipendente, non aveva al tempo le prove delle intercettazioni Telecom, dove lo ricordano con affetto come dipendente.

Maurizio Galdi
Valerio Piccioni

Considerazione di Auladuecentosedici : Maurizio Galdi quello che Auricchio ha citato come un aiuto prezioso per la sua indagine?

(Credits: Aula 216)

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi