Calciopoli, Moggi: "Mi difendevo dallo spionaggio Telecom-Inter"

Calciopoli, Moggi: “Mi difendevo dallo spionaggio Telecom – Inter”

Calciopoli, Moggi: “Mi difendevo dallo spionaggio Telecom – Inter”

Luciano Moggi ha rilasciato oggi a Napoli dichiarazioni spontanee nel corso del Processo d’Appello di Calciopoli

The former general-manager of the JuventLuciano Moggi ha rilasciato dichiarazioni spontanee oggi a Napoli, dove si sta tenendo presso la Corte d’Appello di Napoli il secondo grado del giudizio su Calciopoli. “Da parte mia ci possono essere stati atteggiamenti criticabili sotto il profilo etico ma che non hanno mai sconfinato nell’illecito”, ha esordito l’ex direttore generale della Juventus. Non sono mancate da parte di Moggi, dure critiche a chi ha confezionato le indagini parlando di “intercettazioni monche, tagliate ad uso dell’accusa”.

“Non mi sono mai intromesso nelle designazioni, né alterato arbitraggi”, ha continuato l’ex dirigente bianconero, che poi ha così spiegato l’utilizzo di schede telefoniche straniere: “Avevamo preso il calciatore Stankovic – ha evidenziato – due mesi dopo il suo procuratore è sparito e ce lo siamo ritrovato all’Inter”. Insomma, qualcuno sfruttava Telecom per spiare Moggi e le sue mosse di mercato, chi sarà mai stato?

Ma non si ferma qui, perché Lucianone ne ha anche per Pierluigi Collina, a suo dire arbitro molto vicino al Milan:

“Collina passava per essere un arbitro sopra le parti, salvo poi allenarsi sul campo del Milan ed essere sponsorizzato a fine carriera dalla stessa azienda automobilistica sponsor del Milan. Sul mio conto – ha concluso Moggi – sono state raccontate tante favole come quella del sequestro all’arbitro Paparesta che non c’è mai stato e che è stato costruito solo su una battuta”.

Per quel che riguarda la sentenza d’appello, intanto c’è stato un altro slittamento: dal 10 dicembre si passa al 17 per un sopraggiunto impedimento di uno dei componenti della Corte.

Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

2 commenti

  1. Egr Moggi ci hanno fatto come le scimmie……e purtroppo ora non si puo fare piu nulla…..immaginarsi che si possano smentire tutti i personaggi ..giudici di questa storia e cosa fuori dal mondo …….

  2. l’unica associazione a delinquere è quella che ha montato farsopoli; chi ha seguito le udienze e conosce obiettivamente le carte processuali sa che la Juve e Moggi hanno pagato xkè scomodi a tanti, tutto il resto è aria fritta. Mi dispiace tanto Lucianone, quei mafiosi non ritorneranno sui propri passi e la verità non verrà mai a galla ufficialmente.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi