Calciopoli: il resoconto dell'udienza del 14 dicembre 2010 | JMania

Calciopoli: il resoconto dell’udienza del 14 dicembre 2010

Calciopoli: il resoconto dell’udienza del 14 dicembre 2010

L’esame dei testi comincia con l’esame di due assistenti da parte della difesa di Stefano Titomanlio. Parlano Carrer e Biasutto su Arezzo-Salernitana. Massimo Biasutto viene sentito anche su Lecce-Parma dall’avvocato Gallinelli, difesa di De Santis. “Ero in campo in Lecce-Parma: un 3-3, c’era una terna molto esperta perché era decisiva per la retrocessione. Differenze nell’atteggiamento …

L’esame dei testi comincia con l’esame di due assistenti da parte della difesa di Stefano Titomanlio. Parlano Carrer e Biasutto su Arezzo-Salernitana. Massimo Biasutto viene sentito anche su Lecce-Parma dall’avvocato Gallinelli, difesa di De Santis.
Ero in campo in Lecce-Parma: un 3-3, c’era una terna molto esperta perché era decisiva per la retrocessione. Differenze nell’atteggiamento in campo dei giocatori? Non mi sono concentrato sull’atteggiamento dei giocatori, notai l’atteggiamento di Zeman. Vidi che si staccò dalla panchina: ero dalla parte opposta, lo vidi staccarsi dalla panchina. Non ricordo se era di spalle: la sensazione era che avesse un atteggiamento di protesta nei confronti dei suoi giocatori. De Santis ci disse di tenere la massima attenzione al match: usiamo la testa, sapevamo che era una gara importante. Gli arbitri chiamati dai designatori prima delle gare? Certo, accadeva spesso, ti motivavano prima del match. Io non sono mai stato sentito da nessuno nè su Lecce-Parma nè su altro: nè dai carabinieri, nè dai pm. E su Lecce-Parma a De Santis dissi che aveva fatto un’ottima prestazione, e non favorì certo Lecce o Parma in quella gara. Mi ricordo che un dirigente del Parma (il ds Cinquini, ndr) e protestò per l’arbitraggio di De Santis: lui parlava di giocatori diffidati e sanzionati, ma noi non li conoscevamo. Non dovevamo certo preoccuparci di giocatori diffidati. Entrò in maniera irruenta e aggressiva, tanto che De Santis gli disse chiaro e tondo: lei non mi insegna come fare l’arbitro e delle diffide a me non riguarda. E non sapevamo neanche l’esito delle altre gare: si figuri un po’. Non ho mai sentito dire scusa a qualche squadra da parte di De Santis“.
Biasutto prosegue rispondendo all’avvocato della Fiorentina: Orientare la gara Lecce-Parma a favore della Fiorentina? Ma che scherzate, mai avuta alcuna indicazione su indirizzo della gara. Eppoi non so se ve lo ricordate, ma c’erano mille combinazioni di risultati per determinare la salvezza“. Poi la parte civile Bologna chiede della telefonata Bergamo-De Santis prima del match: “Cosa vuole dire “mettersi in mezzo”? Non esiste un gergo arbitrale e non so che cosa voglia dire”.
L’udienza si è conclusa senza ascoltare le dichiarazioni spontanee di alcuni imputati, pronti a dare la loro versione al termine della fase dibattimentale: tra loro in particolare erano attese le dichiarazioni di Pairetto, De Santis e Mazzei. Tutto rinviato all’udienza dell’11 gennaio 2011, ma con l’avvertenza sottolineata con forza dalla giudice Casoria che: «Si deve andare avanti veloce, chiederò al Presidente del Tribunale di Napoli di fare udienze anche il sabato». Probabile una decisa accelerazione, con l’avvio della lunga requisitoria del pm Narducci, a partire da fine gennaio. Resta l’ipotesi che il processo di primo grado di Calciopoli possa concludersi a cavallo tra la fine di marzo e inizio di aprile. Nota di colore al termine dell’udienza. Un tifoso della Juve, al termine dei lavori, aveva indossato per scherzo un vestito da Babbo Natale: i pm non hanno gradito e hanno chiesto ai carabinieri presenti di identificarlo.

(Credits: ‘ Tuttosport’)

2 commenti

  1. casoria chiudi il processo che così possiamo demolire definitivamente Farsopoli ed i suoi mandanti (inter e gazzetta)

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi