Calciopoli e capi di imputazione: i conti su Moggi non tornano | JMania

Calciopoli e capi di imputazione: i conti su Moggi non tornano

Calciopoli e capi di imputazione: i conti su Moggi non tornano

(Di Mirko Nicolino) Secondo quanto emerso dalla sentenza di Napoli, Luciano Moggi è stato condannato per 10 capi di imputazione sui 18 totali. Come riassunto dal blog di Ju29ro.com, nonostante non ci siano ancora le motivazioni della sentenza (bisognerà attendere 90 giorni) è comunque  già possibile evidenziare diverse incongruenze e controsensi. Senza entrare nel ‘giuridichese’, …

(Di Mirko Nicolino)
Secondo quanto emerso dalla sentenza di Napoli, Luciano Moggi è stato condannato per 10 capi di imputazione sui 18 totali. Come riassunto dal blog di Ju29ro.com, nonostante non ci siano ancora le motivazioni della sentenza (bisognerà attendere 90 giorni) è comunque  già possibile evidenziare diverse incongruenze e controsensi. Senza entrare nel ‘giuridichese’, basta dare un’occhiata ai capi di imputazione per i quali c’è stata la condanna e quelli per i quali Moggi è stato assolto, per capire che più di qualcosa non quadra. Eccoli:

ASSOLUZIONI:

C) Siena-Juve (arbitro Bertini) – contatti su schede svizzere

D) Juve-Chievo (Pieri) – contatti su schede svizzere

E) Lecce-Juve (De Santis) – regalie di magliette

N) Roma-Parma (Racalbuto) – ammonizioni mirate a Pisanu e Contini

P) Messina-Parma – Moggi che aiutava Fabiani

R) Siena-Messina (Bertini) – contatti su schede svizzere

T) Palermo-Lecce – ammonizioni Pinardi e Rullo per favorire il Messina

A10) Lecce-Parma – salvataggio Fiorentina

 

CONDANNE:

A) Associazione a delinquere (generica)

B) Udinese-Brescia (Dattilo) – ammonizioni Pinzi-Muntari-Di Michele ed espulsione Jankulovski

F) Juve-Lazio – influenza su sorteggio

G) Fiorentina-Bologna – influenza su sorteggio ammonizioni mirate Petruzzi e Nastase

I) Fiorentina-Bologna – quanto detto sopra, riflesso sulla successiva Bologna-Juve

M) Juve-Milan (Bertini) – contatti su schede svizzere

O) Cagliari-Juve (Racalbuto) – nessuna telefonata particolare (Auricchio dice di aver tenuto conto dello sfogo di Cellino)

Q) Juve-Udinese (Rodomonti) – influenza sulle griglie, ma l’arbitro è stato assolto…

Z) Roma-Juve (Racalbuto)

A5) Chievo-Fiorentina – salvataggio Fiorentina…

Come potete facilmente notare, emerge chiaramente per identici capi di imputazioni ci sono sia assoluzioni, che condanne. E’ il caso, ad esempio, dei contatti su schede straniere con Bertini, per i quali c’è condanna su Juve-Milan, ma assoluzione per Siena-Juve. Singolare (per voler essere buoni) la condanna per Cagliari-Juve, per il cui match non viene tenuto conto di nessuna telefonata ma dell’intervista-sfogo di Cellino. Stendiamo un velo pietoso su Juve-Udinese, dove Racalbuto viene assolto ma Moggi condannato, e su Udinese-Brescia per le ammonizioni mirate dei non diffidati Pinzi-Muntari-Di Michele e per l’espulsione di Jankulovski che dà un cazzotto ad un bresciano sotto gli occhi del guardialinee (e non dell’arbitro).

22 commenti

  1. Eh… in Italia funziona così…

  2. Se non conoscono la conversazione, lo si accusa di cosa? Sicuramente non è un reato penale.
    Ed inoltre, ad usare la SIM di Moggi, potrebbe essere anche una persona diversa!!!!

  3. Contatti senza mai sapere di che si parla: non ci sono intercettazioni su schede svizzere, pensa che fino a ieri hanno tentato di farci credere che non si potevano intercettare per far pensare alla gente “chissà che si dicevano sti mafiosi sulle schede segrete…”

  4. Scusate, ma quando si parla di “contatti su schede svizzere”, si intendono telefonate reali intercettate e trascritte o semplicemente contatti senza sapere cosa si dicesse?

  5. @Dimas …le voci (sulla Casoria) che sono state messe in giro arrivano direttamente dall’aula 216, anche Nicola Penta ne ha parlato.. Ovviamente sono solo sensazioni e niente più..

  6. @Dimas Non ti so dire da dove provengano certe voci infatti ho sottolineato (non fondate) indi per cui vedremo.. Immaginavo che tutto quel che accade in camera di consiglio debba (almeno si spera) esser messo “nero su bianco” ..come come?? “Di solito un indizio di un conflitto fra i giudici è una durata lunga della votazione, non credo sia il caso di ieri??” ..scusa, ma come fai ad avere questa “convinzione”?? Io credo che si possa essere in disaccordo anche in un’ora di camera di consiglio, non credo che ci sia bisogno di mezza giornata o di settimane..ti pare?? Per tutto il resto posso anche concordare, anzi ti ringrazio per avermi indottrinato su come si muove un collegio giudicante e delle sue sfaccettature. Ovviamente (come hai detto tu) stiamo facendo solo ipotesi..ciao..

  7. L’avevo detto che non mi convinceva l’espressione della Casoria ieri durante l’intervento del Pm.Era per così dire assente o meglio assorta in chissà che tipo di pensieri.Aveva la tipica espressione di chi si trova nella posizione:”DOVREI,Vorrei ma non posso”.

  8. @Drugo
    Prima di tutto vorrei questi “si dice” sulla Casoria da dove arrivano.
    Secondo: le norme sul processo penale stabiliscono che il collegio giudicante decide a maggioranza (con delle procedure di votazione che non ti sto a spiegare). Vuol dire che non solo è possibile, ma è addirittura previsto dal codice che l’opinione del presidente possa essere messa in minoranza. In quel caso, le motivazioni vengono stese dal relatore che deve far parte di uno dei due giudici che hanno votato per quella determinata sentenza. Ma il relatore è obbligato a mettere nero su bianco l’opinione contraria del giudice messo in minoranza (in teoria la Casoria, in questo caso). Questo perchè nel caso di un’assoluzione in appello, è possibile che i giudici della prima sentenza debbano rispondere di dolo o colpa grave. Ma di questo non ne dovrà rispondere il giudice che si era smarcato dal dispositivo della sentenza approvato a maggioranza. Quindi bisognerà attendere le motivazioni per capire cosa sia realmente successo in Camera di Consiglio. Di solito un indizio di un conflitto fra i giudici è una durata lunga della votazione, non credo sia il caso di ieri. Ripeto, stiamo facendo solo ipotesi. Magari la Casoria sarà stata al contrario la più colpevolista di tutte, possiamo solo aspettare di leggere le motivazioni della sentenza.

  9. Ecco un altro coglionazzo che dice delle stronzate senza sapere un cazzo.Cioè seguendo il tuo ragionamento dovremmo (noi Juventini )essere felici che sia caduta la responsabilità oggettiva della società e non fregarcene nulla del direttore?Da quello che dici non mi stupisco che l’Inter (ricordo che dovrà rispondere dell’accusa di ilecito sportivo art.6c.p.s. e dunque di responsabilità oggettiva) faccia bene a scaricare tutte le colpe al fu Giacinto….tanto un morto non paga mai vero? SIETE DELLE MERDE!!!!!!!!!!!
    Sempre al fianco del DIRETTORE!!!!!!!!!!!!!!!!

  10. @platamar Eh?????

  11. Sospetto o verità??
    Gira voce (non fondata) che l’abbiano costretta! Mi spiego meglio. il collegio giudicate (come voi ben saprete) è composto da tre elementi, e quindi “si dice” che lei volesse assolvere, ma che essendo in minoranza abbia dovuto sottostare al volere di quelle m***e. Ci può essere un fondo di “verità” in tutto ciò, infatti, per tutto questo tempo l’hanno combattuta partecipando attivamente (se non ricordo male) anche ad una delle ricusazioni! ..così si dice..bah! ..io non so più che pensare..:(( Ora, io non conosco le regole giuridiche e di conseguenza gli obblighi di un giudice o di un magistrato, quindi non mi permetto di entrare in un contesto che mi è totalmente ignoto. Detto questo, mi rimane da dire una sola cosa; la libertà (come persona) non me la possono togliere in nessuna maniera. La Casoria (a mio avviso) anche ammettendo che questa storia sia la verità, avrebbe potuto (integerrima com’è o come ha fato credere d’essere) semplicemente dimettersi dal pronunziare la fatidica PORCATA (passatemi il termine perché non si può chiamare in nessun’altra maniera) ..io credo che nessuno la potesse obbligare..NESSUNO!! ..è chiaro, bisogna volerlo..

  12. vabbe ma non si puo’ appellare? aspettiamo…..

  13. Ragazzi continuate a lottare e non ci facciamo intimorire, vicini sempre al Direttore
    e avanti perché siamo sempre Noi la Juventus piaccia o non piaccia e non chi la comanda !

  14. In poche parole:”cari giudici restate al vs posto solo se avete intenzione di condannare , sennò si cambia…..”.I giudici sono rimasti al loro posto e…………….

  15. Caro Mirko vuoi sapere ocme nasce questa sentenza scandalo? Basta leggere queste parole di Lepore: “tra noi ed i collegi ci sono state delle incomprensioni, tant’è vero che siamo stati costretti a due istanze di ricusazione per ristabilire la regolarità del processo.” Elementare Watson, inutile che ci scervelliamo a cercare di capire, l’ordine era di condannare e condanna è stata.

  16. Capitan Haddock

    Concordo, anche secondo me le due giudici a latere avevano già deciso per la condanna.
    Quanto al fatto che non ci sia coerenza tra i capi di imputazione per cui c’è stata assoluzione e quelli per cui c’è stata condanna, non ci vedo nulla di strano. Credo che abbiano tirato i dadi. Non dovevano produrre una sentenza coerente, dovevavano produrre una sentenza di condanna. La coerenza non è importante, anzi, se non c’è è addirittura meglio perché così in appello – fra qualche anno – le cose saranno sistemate. E in questo modo possono permettersi di non avere nemmeno dei rimorsi.

  17. Mi viene da pensare che la Casoria era per l’assoluzione mentre le altre due per la condanna visti anche i buoni rapporti con il PM

  18. In uno stato di m.rda anche la giustizia ne è tale dove si imbastiscono processi occultandone le prove, dove si ricusano i giudici da parte dei PM, dove il procuratore intimidisce il magistrato, dove gli inquirenti sono al servizio e collaborano con i giornalisti della GazzaLadra e sono al soldo dei media vari procurando testimonianze ed intercettazioni protette da segreto istruttorio, dove la politica è sempre ingerente e collusa con i potentati vari (petrolieri, banchieri, editori ecc).
    Sono convinto che la dott.ssa Casoria si è trovata sola a decidere contro le altre due giudici che l’avevano ricusata assieme a Narducci ed al procuratore Lepore COLUI che non voleva farle celebrare il processo.
    Dopo i fatti d cui spora si doveva ricusare la Sede processuale di Napoli perchè non vi erano più le condizioni di obiettività necessarie per un giudizio imparziale (condizione secondo me sottovalutata).
    Purtroppo LA GIUSTIZIA in Italia come dicevano tre simpatici amici napoletani È UN’EMERITA STRUNZATA!!!!!
    Sursum Corda

  19. @briga già! :(( nessun commento è più possibile!! vergogna!!

  20. l’avvocato della juve ha esultato.fine

  21. Hanno problemi con il server, Marco. Attualmente è raggiungibile solo il blog. Nelle prossime ore ripristineranno…

  22. Scusate, ho visto che avete nominato il sito ju29ro. Io non riesco più a entrarci, anzi, mi si dice non esista. Qualcuno sa dirmi qualcosa?
    Grazie in anticipo.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi