Calciopoli 2, parte l'inchiesta: Palazzi assegna i fascicoli | JMania

Calciopoli 2, parte l’inchiesta: Palazzi assegna i fascicoli

L’inchiesta Calciopoli2 è ufficialmente aperta: il procuratore federale Stefano Palazzi ha assegna­to a un suo vicecapo della Procura e a un fidatissimo sostituto procuratore il fasci­colo che si compone finora e almeno fino a martedì degli articoli di stampa, della or­mai acquisita puntata di Re­play della Rai in cui sono state ascoltate alcune delle nuove …

Moratti-Tronchetti ProveraL’inchiesta Calciopoli2 è ufficialmente aperta: il procuratore federale Stefano Palazzi ha assegna­to a un suo vicecapo della Procura e a un fidatissimo sostituto procuratore il fasci­colo che si compone finora e almeno fino a martedì degli articoli di stampa, della or­mai acquisita puntata di Re­play della Rai in cui sono state ascoltate alcune delle nuove intercettazioni e di tutto quanto ha fatto da sce­nario all’udienza di Napoli in cui è annunciato il deposi­to delle intercettazioni da parte dei difensori di Lucia­no Moggi.
Palazzi ha col­to al balzo la delega ad agire nella forma più completa da parte di Abete, che attende la giustizia sportiva sui fatti nuovi e che giovedì sera in conferenza stampa dopo il Consiglio federale sosteneva che l’indagine non era anco­ra aperta ufficialmente. Al momento ci sono già nomi e co­gnomi dei primi due uomini del pool della Nuova Calcio­poli: quando arriveranno bo­bine e hard disk con le 171mila telefonate, il nume­ro di chi si metterà al lavoro aumenterà. Anche se c’è un problema che assilla Palazzi, avendo preso coscienza dei fatti per come si stanno svi­luppando.
Palazzi s’è posto il problema dell’uti­lizzo dell’articolo 39 del codi­ce, quello che apre alla revo­ca dei processi passati in giu­dicato alla luce di: PUNTO A – eventuale dolo di una parte nei confronti di un’al­tra (chi tace fatti che potreb­bero cambiare il corso di un processo); PUNTO C – «se, a causa di forza maggiore o per fatto altrui, la parte non ha potuto presentare nel precedente procedimento do­cumenti influenti ai fini del decidere (punto c)»; PUNTO D – «se è stato omesso l’esa­me di un fatto decisivo che non si è potuto conoscere nel precedente procedimento op­pure sono sopravvenuti, do­po che la decisione è divenu­ta inappellabile, fatti nuovi la cui conoscenza avrebbe comportato una diversa pro­nuncia».
In ogni caso riapri­re Calciopoli 2 con l’articolo 39 farebbe ricadere fatti vec­chi e nuovi sotto la prescri­zione, che salverebbe anche “il mostro” Moggi. La soluzione, magari un po’ acrobatica, potrebbe essere la considerazione della reite­razione dei reati eventuali commessi da altri fuori dal primo processo, evitando di aprire spiragli a Moggi. Di certo c’è che l’indagine è aperta, che una soluzione giuridica va trovata…

(Credits: Tuttosport)

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi