Calciomercato Juventus | Quagliarella va, Pereyra viene

Calciomercato Juventus: Quagliarella va, Pereyra viene

Calciomercato Juventus: Quagliarella va, Pereyra viene

Calciomercato Juventus: Quagliarella sceglie tra Lazio e Parma, Pereyra sarà annunciato ad inizio della prossima settimana

Quagliarella-pereyra-juventusCalciomercato Juventus: Quagliarella via, Pereyra più vicino. Fabio Quagliarella è pronto a lasciare la Juve: la Vecchia Signora sta continuando a trattare la cessione del bomber campano, separato in casa ormai dallo scorso mese di gennaio. Secondo ‘Tuttosport’ di oggi, l’ipotesi più accreditata rimane la Lazio, con la quale il giocatore è d’accordo da tempo, ma c’è anche il Parma in lizza, che può offrire a Quagliarella la vetrina dell’Europa League e poi sulla panchina dei ducali c’è l’amico Roberto Donadoni. Beppe Marotta conta di incassare dall’operazione almeno 6-7 milioni di euro.

Stando alla ‘Gazzetta’ di oggi, invece, è sempre più vicino l’annuncio dell’ingaggio di Roberto Maximiliano Pereyra: tra lunedì e martedì dovrebbe esserci la chiusura della trattativa, ma ancora Udinese e Juventus non sono totalmente d’accordo sulle contropartite. Il dg Marotta propone il centrocampista Luca Marrone e il difensore Daniele Rugani, mentre i Pozzo preferirebbero l’attaccante Simone Zaza. Sempre ad inizio della settimana prossima, dovrebbe essere annunciato il riscatto di Mauricio Isla, come confermato indirettamente dall’agente del cileno.

 

5 commenti

  1. Enrico Ferrante sposo in pieno il tuo post, sono contettissimo di questo sito dove leggo post intelligenti privi da formattazioni mediatiche di varia natura, io sostituirei Marotta con Paratici perché quello sveglio è lui!
    Buona Juve a tutti.

  2. Non si può far qualcosa per bloccare l’asse Marotta Pozzo che da anni è l’unico macroscopico neo della Gestione Marotta -Pratici? Poi i gentlemen’s agreement tra Udinese e Juve sono sempre sbilanciati a favore dei friulani, la Juve ha pagato cifre esorbitanti per Asamoah e Isla, cifre con cui si prendono campioni scontenti in altre big, o giovani molto forti…non Asa e Isla, con tutto il rispetto per i ragazzi che hanno sudato e combattuto per la causa bianconera è ora di darci un taglio.

  3. Enrico Ferrante

    Una Società per Azioni come la FC Juventus dovrebbe pensare, in primis, ai propri azionisti e, quindi, Marotta NON dovrebbe riscattare la metà del cartellino di Isla alle cifre convenute che erano già scandalose ma, ora, son addirittura “mostruose”: il cartellino di Isla è mai valso 18.6 mln di euro?!
    Il buon Marotta, dirigente della FC Juventus, dovrebbe andar alle buste con l’Udinese e riuscir a trarne il massimo beneficio perché questo “dovrebbe” esser il mandato conferitogli dagli azionisti.
    Una eventuale rottura dei rapporti “amichevoli” con l’Udinese sarebbe da prevedere…ma non credo che sarebbe, poi, cosi male considerato che la “amichevole” Udinese ha fatto affari d’oro con la FC Juventus, proponendoci sempre prezzi mostruosi per i suoi tesserati: ricordo Asamoah 18 mln di euro, Isla 18.6 mln…ma, anni addietro, ci proposero D’Agostino a 15 mln???!!! Armero a 10 mln e poi lo cedettero al Napoli per 4 mln, ossia BEN 6 mln meno?! E questa sarebbe la “amichevole” Società da cui riscattare Isla? Lasciam perdere…Marotta dovrebbe render conto agli azionisti delle proprie azioni e dello sperpero del denaro della FC Juventus.

  4. ma perche bisogna sempre mettere sulla bilancia i giovani che ci vantiamo di avere..e che poi scarichiamo regolarmente……

  5. In fondo mi dispiace che Fabio ci lasci, bene o male il suo bel contributo in questi anni lo ha dato; peccato che ci siano state delle incomprensioni. Cmq grazie Fabio e in bocca al lupo, ovunque tu vada! Ma Isla dobbiamo x forza riscattarlo? Ma poi ciao ciao, vero??

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi