Il calcio italiano sempre più un’immondezza | JMania

Il calcio italiano sempre più un’immondezza

Il calcio italiano sempre più un’immondezza

(Di Alessandro Magno) Alla luce dei risultati di sabato e domenica è lampante che il pareggio ”migliore” è quello della Juventus. Resta il rammarico per non aver allungato sugli altri, ma capita. A Torino si è vista solo una squadra in campo, una la Lazio mai pericolosa, un Buffon spettatore non pagante, i gioielli Hernanes …

(Di Alessandro Magno) Alla luce dei risultati di sabato e domenica è lampante che il pareggio ”migliore” è quello della Juventus. Resta il rammarico per non aver allungato sugli altri, ma capita. A Torino si è vista solo una squadra in campo, una la Lazio mai pericolosa, un Buffon spettatore non pagante, i gioielli Hernanes e Klose praticamente annullati, Marchetti migliore in campo autore di parate superlative e per chiudere in bellezza, anche una traversa di Bonucci. Ci possiamo rammaricare per le tante azioni da gol sprecate e per un briciolo di sfortuna, non certo per la prestazione totale. Se ci aggiungiamo che alla Juve mancava Pirlo e cioè il faro illuminante del nostro gioco, concludiamo che alla fine son mancati davvero solo i 3 punti. Una parentesi è giusto dedicarla a Giovinco ancora molto attivo ma poco brillante in zona gol. Al ragazzo non manca l’impegno, si applica e può migliorare. Se raddrizzasse la mira non staremmo qui a parlare di questo. Può esser sicuramente utile alla squadra. Detto che non è Messi ed è anche utilizzato in una veste tattica per me a lui non troppo congeniale, i fischi preventivi non li merita di certo. Allo stadio tutti i giocatori vanno incoraggiati. Poi per mio conto, i titolari dovrebbero esser altri e i giocatori da Juve dovrebbero essere altri ma son gusti miei personali. Mi stupisce, un poco mi fa arrabbiare e un po’ sorridere che diversi editorialisti che si credono anche importanti o addirittura con pretese di ”dettare la linea” agli altri, adesso difendono a spada tratta Giovinco dalle critiche post-partita. Gli stessi che parlavano magari di Delpieristi, gli stessi che hanno scritto e detto che era giusto liquidare un giocatore (lasciamo perder la bandiera) in Novembre. Di questo passo gli stessi che criticavano i Delpieristi e la Delpierese inventeranno la Giovinchese e il Giovinchismo o ne diventeranno loro i primi sostenitori. Comunque è una vecchia malattia sciocca del popolo Juventino quello di dividersi in fazioni. Il mio pensiero è chiaro e lo ribadisco: ”I giocatori in campo vanno sostenuti tutti a prescindere. Sono contro i fischi preventivi che non vanno mai fatti contro nessuno. Finita la partita però se un giocatore non gioca bene (o non convince) lo si dice senza se e senza ma. Le critiche sono volte a migliorare la squadra. Sempre”. Altro che delpierismo.

Niente di tutto questo si è visto sugli altri campi. Il campionato di serie A bis (quello dalla Juve in giù) ha visto, eccetto Fiorentina-Atalanta, quasi solo partite sconce. Un Napoli con un gioco pessimo non è andato oltre il 2-2 contro El Sharawy e le sue mummie. Una squadra quella partenopea che è succube del suo giocatore più talentuoso e devastante (Cavani), giocatore tanto abile sul campo quanto protetto ”dal sistema”, uno che  andrebbe espulso almeno una volta a partita per la quantità industriale dei ”vaffancu…” che dedica platealmente all’arbitro di turno. Pensate che schifezza di partita sarebbe Napoli-Milan senza Cavani ed El Sharawy? Roba tipo scapoli contro ammogliati. Sull’altro campo che ci interessava, quello di Milano, invece, l’altrettanto squadraccia catenacciara e contropiedista (nonché piagnona) che risponde al nome dell’Inter, si guardava bene dall’ andare a vincere contro il nientepopodimeno che Cagliari. Morale: eccetto la Juventus e la Fiorentina di Montella, in Italia si gioca un calcio pessimo; fra le prime, Lazio, Napoli e Inter adottano il modulo primo non prenderle e golletto di rimessa. Pensate come giocano le altre!

A questo punto spendiamo qualche considerazione per l’Inter. Prima cosa bisogna dire che fino al 2-2 il Cagliari ha dominato e che l’Inter è stata salvata in più di un occasione dal suo portiere Handanovic. Ora farsi dominare dal Cagliari in casa già dovrebbe far riflettere un poco, tuttavia aggiungiamo anche che l’Inter perviene ingiustamente e immeritatamente al pareggio su un autogol del cagliaritano Astori. Cose che capitano. Fin qui nulla da dire se non che il Cagliari meriterebbe di più. Il secondo gol con cui gli isolani son passati in vantaggio anche rivisto in centomila moviole non chiarisce se la palla stoppata da Sau è più di braccio o più spalla, io ho la sensazione che sia spalla, ma non essendoci l’assoluta certezza da regolamento si deve convalidare. Si fa così per lo spettacolo si dice. Ora sul 2-2 inizia un’altra partita e a onore del vero c’è un rigore su Ranocchia che qualora fosse realizzato darebbe la vittoria all’Inter. E’ un pelo dentro l’area ma è dentro. Da qui apriti cielo, dichiarazioni di Moratti, allusive, deprecabili, scontate e anche querelabili e diffamatorie. Menomale che in settimana Stramaccioni ha detto che la Juve parla troppo. In primis il suo Presidente alludendo a Calciopoli e situazioni già viste omette di dire che lui riguardo a Calciopoli risulta prescritto e non innocente o peggio danneggiato, come va a raccontare in giro, e bene ha fatto la Juventus a ricordarglielo sul proprio sito; in secondo si dimentica che lo scudetto cosiddetto cartonato di cui fieramente si fregia, gli è stato lasciato da un tribunale che si è autodefinito incompetente. Rimanendo terra-terra poi, si dimentica di tutti i favori arbitrali avuti fin qui dalla sua Inter fra gol in fuorigioco e mancate espulsioni, come contro la Sampdoria, o rigori negati e gol annullati agli altri come contro il Milan, o a errori marchiani che han favorito l’Inter contro Chievo, Pescara e Catania. Questo solo per rimanere a quest’anno senza rivangare i gol con 6 uomini in fuorigioco di cui la seconda squadra di Milano ha goduto ampiamente negli anni addietro. Nonostante tutto questo amano fare i danneggiati. Se si sbaglia a favore loro capita, se si sbaglia contro, c’è qualcosa di losco sotto. L’anno scorso Antonio Conte dopo un girone di andata intero senza rigori a favore ebbe modo di sfogarsi e dire che vedeva un disegno strano contro la Juventus, fu subito deferito e attaccato da tutti. Mi aspetto lo stesso trattamento per Moratti, vediamo se la Federazione è capace di questo.

Intanto per non farci mancare nulla, oggi la Gazzetta dello Sport esce con un titolo per cui la prescrizione dell’Inter non sarebbe un’accusa con richiesta di andare a processo ma una tesi. Con chiara posizione in difesa di Moratti e di attacco alla Juventus. Poi si chiedono come mai gli juventini non la comprano. Ora cosa c’entra la Juventus in un Inter-Cagliari e quale disegno losco ci sia dietro visto che quei personaggi non ci sono più lo sanno solo a Milano. La Juventus che nel ”palazzo” non ha un solo amico, e un solo arbitro così demente da favorirla appositamente, visto che quando accade questi vengono puntualmente sanzionati e allontanati dai campi per alcune settimane e solo esclusivamente nel caso in cui sbagliano in favore della Juve. Non si capisce proprio come farebbe la squadra bianconera a creare tutto questo. Si continua a parlare di gol di Muntari nonostante nella stessa partita sia stato annullato un gol regolare a Matri e di Tagliavento-Juventino nonostante la Juventus con questo arbitro abbia vinto solo 6 volte su 19. Siamo all’assoluta mistificazione della realtà. Come può gente come Cesari dare 7 all’arbitro che ha arbitrato il derby Sampdoria-Genoa nonostante riconosca ci siano due espulsioni per giocatori genoani e dare 5 all’arbitro che non ha espulso Lichtsteiner in Juventus-Inter? E il signor Paparesta che dichiara commentando le ultime dichiarazioni al vetriolo di Moratti che questi è evidentemente ancora arrabbiato per il gol in fuorigioco segnato dalla Juventus 3 settimane fa? Si va beh, allora pure io ho ancora mal di stomaco per la peperonata che ho mangiato ad agosto. Ma questi son da ricovero. Questi andrebbero davvero tolti da quelle sedi perché creano un danno enorme al calcio italiano fomentando l’opinione pubblica. E’ rimasto ormai il solo Arrigo Sacchi a parlare di calcio giocato a esaltare la Juventus per come gioca e denigrare l’Inter e la Lazio per lo stesso motivo. Ma ormai è come una mosca bianca, parla e nessuno se lo fila. Molto meglio per tutti parlare di un rigore dato o non dato e giustificare con i torti arbitrali le proprie frustrazioni.

20 commenti

  1. ѕσυтн-ραяк

    No, nessuno si dimentica, non noi tifosi che azioniamo il cervello Gli organi preposti e tutti i media, sì. Quelli, la fomentano, la violenza, e quando succede l’irreparabile sono tutti costernati e rilasciano dichiarazioni di circostanza.

  2. Alessandro Magno

    penso*

  3. Alessandro Magno

    un abbraccio gaver lap enzo come te . qui se non ci si ferma prima o dopo ci scappa il morto. e già una volta ci è scappato fra interisti e juventini ma ce ne siamo subito dimenticati.

  4. ps: complimenti per l’articolo Alessandro…e sono abbastanza d’accordo con te. ma quando su facebook c’è chi, dopo l’ultima giornata di campionato, addirittura spera in una superga bianconera solo in virtù di questi pseudoerrori arbitrali, tra l’altro non procurati dalla juve, allora perdo tutte le speranze….e mi passa persino la sana voglia di scrivere qualcosa. lo sport dovrebbe essere invece un deterrente contro la violenza. un saluto

  5. grazie south park alla prossima.
    Si gaver ti leggo sempre. Anche io uso il tuo metodo da anni ormai. Guardo solo le partite della juve. Purtroppo vuoi e non vuoi finiamo di esser tirati dentro le polemiche da ogni dove e anche per autodifesa ci tocca informarci anche se sta diventando una cosa pesante. 😉

  6. ѕσυтн-ραяк

    Alessandro, il pezzo titola così: “Furto da Juve in casa di Zeman”

    Ho cercato l’articolo in rete, ma non si trova. 🙁 Pace, comunque ti credo, questi personaggi davvero spregevoli non meritano altro spazio e tempo.

    Ciao e Buon Lavoro.

  7. Io mi limito, ormai da qualche settimana, a gustrami le partite, ed a spegnere tutto il resto. Il calcio in italia è invivibile; l’ho sottolineato con qualche “articolo” in passato….sicnramente il fegato ne risente. ragion per la quale il mio mondo calcistico si racchiude solo in quei 90 minuti. Tutto il resto è politica tremendamente faziosa.

  8. Alessandro Magno

    sout park scusa se ti rispondo solo ora ma stamattina non avevo rete.
    Allora condivido molto chi ha scritto quelle cose.
    Sulle lettere di protesta ormai non ci credo piu’ non so quante volte ho scritto a rai sky mediaset e altri che faccio prima a dirti a chi non ho scritto.
    Ormai l’ambiente e’ incancrenito in maniera irrecuperabile. Stamattina il giornalista granata mario giordano se ne esce con un pezzo su roma torino e inizia cosi ” ieri abbiamo subito un furto juventino” o una cosa di questo genere.
    Ora io dico che cosa aspettiamo a separarci consensualmente?
    Dobbiamo arrivare a scannarci come ebrei e palestinesi?
    Ormai juventini e antijuventini son due mondi completamente opposti che si respingono.ma voi riuscite a parlare con gli altri tifosi?
    Ma salvo 2 o 3 amici amici che in quanto amici veri preferiscono evitare ogni discorso il resto davvero c’e’ da venire alle mani.
    Almeno io la vedo cosi. Meglio una separazione consensuale e tutti felici.

  9. ѕσυтн-ραяк

    Complimenti anche da parte mia, Alessandro. Ora, però, vorrei (ma forse l’hai già letto) segnalarti/vi questo capolavoro. É una VERGOGNA!!!!

    Buona lettura..

    Domenica sportiva allo sbaraglio

    Giornalismo morto, viva l’opinionismo!

    Come vive il calcio lo sportivo italiano? Se il termometro fosse quello della Domenica Sportiva, avremmo la risposta al perché il concetto di “cultura sportiva” mal si sposa con il nostro sport nazionale.
    La trasmissione inizia con sullo sfondo la falsa riga delle polemiche arbitrali sollevate dal solito Moratti, con la conduttrice che invita gli ospiti in studio, in modo concitato, di smetterla di parlare di calcio giocato, ma di dare spazio alle polemiche. Evviva, evviva: c’è una polemica che terrà banco per una settimana intera e ancora non ha parlato il super partes Enrico Varriale!

    Il messaggio subliminare da instillare appare subito chiaro: Moratti accusa in modo assurdo e getta sospetti ritirando fuori farsopoli… nessuno ha niente da dire. La Juve scrive un “No comment” sul proprio sito ed è “inquietante”.

    Civoli ci tiene a dare il suo illuminante contributo: “Il comunicato della Juventus? E’ un precedente incredibile. Qui va avanti una guerra santa. A questo punto credo si debba intervenire. Non capisco questa replica della Juventus: nelle parole del presidente dell’Inter, il nome Juventus non c’è, non c’è. Poi è chiaro che non siamo nati ieri…”. Avete capito? Nel momento in cui la Juventus prende posizione contro un’accusa bella e buona, allora l’invito è quello di intervenire. Civoli non capisce, ma se dobbiamo giocare a fingere di non capire, neanche sul sito della Juve c’è il nome dell’inter. Quindi, dove vuole arrivare Civoli? Forse vorrebbe spazio solo per le accuse?

    Non si tira certamente indietro Collovati che afferma: “Ma lo sapete che nel 2006 una squadra come la Juventus, giustamente, è andata in serie B? Comunque bisogna porre fine, una volta per tutte, a queste polemiche”. Giustamente… lui lo sa che la Juventus ha pagato giustamente: avrà mai letto qualcosa sull’argomento o la sua formazione è quella della gazzetta dello sport?

    Ma è Zazzaroni quello più scatenato. “Il problema non è chi inizia, chi dà il primo cazzotto, ma quale sarà il primo a finire. il guaio è che non finirà mai, perchè il passaggio Agnelli-Moratti è andato attraverso la rete, il web, a milioni di tifosi, che sono oggi l’informazione o la controinformazione. Non utilizzano più i giornali, ma i loro strumenti, cioè il web. Noi siamo passati dalla vecchia signora e la beneamata, alla ‘rubentus’ e ai ‘prescritti’. Questa storia non finirà mai. Hanno tolto ai giornali la materia. La materia oggi è in mano alla gente, ai tifosi, è quello il problema. Con questi strumenti toccano milioni di persone”.
    E’ la nostra vittoria. La verità è circolata a mezzo web, abbiamo tolto il mestiere ai giornali di parte, non sanno come contenerci e come condizionarci. Zazzaroni vorrebbe un giornalismo libero di plagiare ma noi non glielo lasciamo fare bene… Insomma è il web a creare la polemica “Le polemiche non finiranno mai perché esistono i blog della rete”. Forse è il contrario: è la polemica strumentalizzata che ha fatto nascere la controinformazione via web. Ieri sera ne hanno dato ampia dimostrazione.

    Interviene anche Mondonico: “Il Cagliari ha meritato ampiamente il pari, ho visto un rigore non dato sbagliando, per me la partita finisce qui. Quello che si dice dopo fa parte di un altro mondo”. Passa la parola e non entrerà più dell’argomento. D’altra parte l’ha certificato anche Palazzi, “lui può non sapere…”

    Venghino signori e signore. Venghino, questo è il baraccone del calcio italiano, quello che attraverso un servizio pubblico si palesa di parte in barba all’etica o alla professionalità. Sfido chiunque dotato di buon senso, davanti alle esasperazioni ascoltate ieri sera a dire il contrario. Un messaggio possiamo inviarlo anche noi a Zazzaroni, Civoli e Collovati:

    “Ca nisciun è fess”!

    Fonte

  10. Capitan Haddock

    Moratti e’ un caso umano.

  11. Alessandro Magno

    juvemia hai parlato come un libro stampato sottoscrivo il tuo ragionamento.
    sangue baincoenro ma chi se ne frega di loro. lasciarli annegare sarebbe una sconfitta?
    come dice miki senza di noi che fanno?
    zebrato lascia perdere non vale la pena sprecare fiato sarà presto rimosso e bannato come detto non ci perdo neppure tempo con questi.

  12. sanguebianconero,ma sai che goduria vederli orfani del loro bersaglio preferito?Trasmissioni pseudo sportive,giornalai colorati in pieno panico,televisioni che perderebbero abbonamenti sarebbe la loro fine!!
    Comunque sia,avanti contro tutti e tutto.

    forza Juve sempre

  13. @max, sarebbe bene vedere tutto ciò che è verità, ma è penoso e nauseante vedere gente ignorante che scrive cazzate.

  14. sanguebianconero

    io non sono d’accordo all’idea di “emigrare” in un altro campionato; sarebbe come una sconfitta per la Juve;
    la Juve, invece, deve rimanere nel campionato italiano e combattere contro tutti e tutto per ottenere la giustizia che le spetta

  15. Quello che lascia basiti e’ il fatto che le insinuazioni di moratti coinvolgono inevitabilmente IL SISTEMA che lo ha aiutato a costruire FARSOPOLI e lo ha poi protetto lasciando andare in prescrizione i suoi GRAVI reati, documentati e dichiarati dallo stesso PALAZZI.Chiunque sia in possesso di un minimo di onesta’ intellettuale, al di la dei colori per cui fa il tifo, non puo’ non prendere atto di una realta’che sta nei fatti e nei documenti. E’ sconcertante poi che i massimi esponenti di figc e coni solidarizzino con lui invece di procedere a immediati deferimenti.Evidentemente i suddetti organi considerano moratti loro portavoce ufficiale, avallando di fatto il contenuto GRAVISSIMO E LESIVO delle sue dichiarazioni.Tutto cio’ deve fare seriamente riflettere sulla direzione DI UN TRISTE DECLINO in cui sta andando il nostro povero SISTEMACALCIO.

  16. Alessandro Magno

    miki52 e’ un desiderio mio ed e’ comune a molti juventini che conosco non so se si puo’ prendere la squadra i suoi titoli e la sua storia ed emigrare penso pero’ che si puo’ comprare una societa’ strnaiera cambiargli il nome in juventus e ricominciare da un altra parte senza problemi.

    Arpharazon scusa ma da cellulare faccio quel che posso. Su palacio rancchia eccetera ovviamente ti straquoto.

  17. Ciao Alessandro,ma esiste un modo per emigrare in un altro campionato ,o è solo un tuo desiderio?

    forza Juve sempre

  18. ciao arpharazon grazie per i complimenti. Su giovinco come detto e’ utile e si da da fare io non lo vedo titolare inammovibile comunque.
    Zebrato grazie anche a te dei complimenti io avrei una soluzione ancora piu’ drastica abbandonare il campionato italiano per un altro. Li vedo tutti questi falliti a giocarsi le bricciole da soli. Si che li rimepiono gli stadi catania chievo cagliari pescara eccetera senza la juve.

    Ps. Per i gufi che commentano i miei articoli. Non sono San Franceco di conseguenza non parlo con gli animali. Io non vengo a romper le palle su intermania ammesso che esista qui si chiama juvemania ed e’ casa mia. Di conseguenza tornatevene non siete i ben venuti e non ho nulla da dirvi.

  19. Complimenti @Alessandro, ottimo articolo.
    Tutta la verità in poche righe che mi trovano daccordo su tutto.
    Purtroppo, non riesco a vedere o trovare molte possibili soluzioni al fine di migliorare il calcio italiano.
    Secondo me, ci sarebbe UNA SOLA soluzione: mandare a casa (o in campi da coltivare) Petrucci, Abete e tutti gli altri al loro seguito.
    Potrebbe essere la soluzione giusta, non ti pare????
    Fino a quando il nostro calcio sarà gestito da questi …… personaggi, sarà …….. sempre più spazzatura.

  20. Primo:quoto!Ieri ho pensato alla stessa locuzione:ASSOLUTA MISTIFICAZIONE DELLA REALTA’.
    Secondo: e che gliene pare al Presidente della seconda squadra di Milano di Ranocchia e Palacio,i quali sono deferiti e in attesa di giudizio,che ieri sono stati determinanti nel bene e nel male?Che ne pensa della regolarità del Campionato che nel caso fossero condannati uno od entrambi,verrebbe falsato?
    Terzo:ma perchè non parlano chiaro,lo dicano schiettamente,la Juventus “ruba e si compra” gli arbitri e vediamo come va a finire…no il coraggio,per non dire altro,non ce l’hanno,sono solo tutti bravi a buttare fango addosso agli altri,segnatamente solo alla Juventus.

    ps:Giovinco,5 gol e 3 assist fino ad ora,niente di esaltante ma neanche perssimo.Al primo gol determinante,le chiacchiere intorno a lui spero speriscano.Nonostante il primo posto e la partita dominata,la Juventus mi ha fatto letteralmente dormire.Giochiamo male,è questo è un dato di fatto.Spero che in Champions vada meglio,perchè questo campionato è al di sotto della mediocrità.Ormai l’anno scorso c’hanno viziati…SEMPRE FORZA JUVE.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi