Buffon "L'anno scorso stavo per andare via, oggi festeggio lo scudetto" | JMania

Buffon “L’anno scorso stavo per andare via, oggi festeggio lo scudetto”

Buffon “L’anno scorso stavo per andare via, oggi festeggio lo scudetto”

Un brivido contro il Lecce ha fatto tremare i tifosi bianconeri. Poi l’happy ending e lo scudetto numero 30. Gigi Buffon riassume le sue sensazioni in una lunga intervista concessa a ‘Tuttosport’: “Mi vengono in mente due scene. La prima: io che da terra guardo Bertolacci segnare e mi dico… tranquillo, questo è solo un …

Un brivido contro il Lecce ha fatto tremare i tifosi bianconeri. Poi l’happy ending e lo scudetto numero 30. Gigi Buffon riassume le sue sensazioni in una lunga intervista concessa a ‘Tuttosport’: “Mi vengono in mente due scene. La prima: io che da terra guardo Bertolacci segnare e mi dico… tranquillo, questo è solo un film, adesso succede qualcosa, magari sviene. Non una bella sensazione, anche se con Conte e i miei compagni all’inizio della stagione avevamo messo in preventivo che potesse capitare un patatrac. La seconda? Il silenzio immediatamente successivo alla boiata. Che ti ammazza. Lì ti chiedi: mi massacreranno o mi spalleggeranno?”.

Una vittoria che viene all’indomani di una stagione triste e il rischio di andare via:

C’è stato qualche problemino, in effetti. E molto per colpa mia… Io sono orgoglioso, fatico a passare sopra ad alcuni episodi. Però a lungo andare si finisce per avere torto. Diciamo che sono contento… Sono contento che poi sia andata così. Intendo senza rotture…, prosegue Gigi.

Il rinnovo del contratto, a questo punto, pare una formalità…

Voglio bene a loro e alla Juventus. Oggettivamente, non vedo per me un altro tipo di soluzione, almeno fino a quando sarò un giocatore importante. Quando non lo sarò più è legittimo che ne prenda atto. Ad ogni modo, sono pronto a firmare. Non mi aspetto niente perché è giusto non aspettarsi niente, se no poi ci sto male. Significherebbe non aver capito che una persona, un professionista, deve esserci fino a quando serve… Ad ogni modo, è fuori discussione che abbia due squadre e tre città nel cuore: la Juventus e Torino sono le entità a cui sono più affezionato

La stagione ha detto che la Juventus è tornata grande e che Buffon è ancora il numero uno al mondo nel suo ruolo.

Non si può stabilire con sicurezza, dipende dai periodi. Eppure posso garantire con assoluta sincerità che non molte volte mi sono sentito così bene e con una tale armonia psicofisica. La differenza tra i portieri scaturisce dalla minore percentuale di errore. Quest’anno ho sbagliato solo una volta: una svista da giocatore, non da portiere. Le polemiche del passato appartengono per lappunto al passato. Nulla che mi abbia sorpreso, sia chiaro… Semmai mi ha dato fastidio che, disputate appena 17 partite dopo sette mesi di inattività, qualcuno possa aver identificato in Buffon il problema della Juventus. Una Juventus che è arrivata settima e non prima, tra l’altro…

La partita della svolta tricolore?

La prima. Anzi, dalla festa dello Stadium avevo maturato la sensazione che saremmo riusciti a mettere insieme qualcosa di straordinario. Ipotizzarlo ad agosto-settembre era da folli… Ovvio, per tutto l’anno mi sono ripetuto che il secondo posto non sarebbe stato male, però ha prevalso il desiderio di realizzare una grande impresa.

Lo scudetto dell’orgoglio?

E del gruppo, aggiungo. Può sembrare un’affermazione retorica, ma è la pura verità. Ognuno di noi ha messo la propria firma su ogni partita. C’è stata una continua crescita individuale

La terza stella?

Mah, con il trascorrere del tempo mi pare sempre più una rivalsa di campanile… In realtà, non c’è niente da aggiungere a ciò che è già stato detto. Se da calciatore mi viene chiesto quanti scudetti ho vinto, rispondo che sul campo ne ho conquistati cinque. Poi ci sono gli assegnati, i revocati….

Poi un parallelo tra le vecchie Juventus e quella di oggi

Quella della Triade era una corazzata, quasi inespugnabile. Quella di Cobolli Gigli e Blanc era frizzante ma le mancava la cattiveria agonistica per vincere. Questa è la Juventus della rinascita e a mio avviso è anche la più importante, perché si riparte da qui. La Juventus non prevede vie di mezzo: o la ami o la odi. Poco alla volta, tornando a vincere, si ripropongono antichi sentimenti.

Il pensiero di Buffon su Agnelli.

Un presidente che possiede un bel carisma. Carisma che trasmette quando parla. Non è mai banale, mai retorico. Andrea è molto, molto ambizioso e poi, a dispetto della giovane età, da vent’anni frequenta questo mondo. Con il vantaggio di aver vissuto l’epopea della Grande Juventus: insomma, sa come si vince.

Meglio Conte allenatore che giocatore?

Non concordo. Uno come Conte andava sempre scelto per primo nelle partitelle perché era organizzato, tosto e leale. Al pari di Ferrara e Montero… Se è diventato un ottimo tecnico lo deve al fatto che è stato un calciatore di un certo tipo. E qui smonto un luogo comune. Di solito si sostiene che l’allenatore incide poco o nulla; io, al contrario, dico che l’allenatore conta nella misura in cui lo fanno contare società e giocatori. E siccome Conte ha sempre goduto del pieno appoggio di tutti, è stato il valore aggiunto che ha fatto la differenza tra noi e il Milan.

L’addio di Del Piero consentirà a Buffon di indossare con continuità la fascia di capitano…

Significa che sono vecchio. Undici anni fa sono arrivato con i capelli più lunghi e una buona carriera da ragazzo prodigio alle spalle, ma mi mancava la consacrazione. Dopo 11 anni, posso sostenere con fermezza che, anche potendo, non tornerei indietro. Sono stato fortunato e bravo. Del Piero? Il mio è un arrivederci perché il nostro rapporto e il suo con la Juventus continueranno. Gli consiglio di stare sereno e di essere orgoglioso: sarà il numero uno per l’eternità.

Un commento

  1. Grande Gigi, anche dopo quell’errore con il lecce l’ho sempre sostenuto e sempre lo farò! Ha dato tanto alla Juve, ha fatto vedere sempre il suo attaccamento alla maglia nei momenti difficili! Certo sarà triste non vederlo più in squadra con Alex, insieme hanno vissuto tanti momenti di gioia e di sofferenza sia alla Juve che in Nazionale! La fascia da Capitano se la merita!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi