Buffon: "Contento per il mio momento, ma è merito di tutti" | Juvemania

Buffon: “Contento per il mio momento, ma è merito di tutti”

Buffon: “Contento per il mio momento, ma è merito di tutti”

E’ finalmente ritornato sui suoi livelli Gigi Buffon: dopo qualche eccessiva critica iniziale, e i sondaggi che si chiedevano se dopo una serie di infortuni il numero uno della Juventus e della nazionale sarebbe mai tornato quello di prima, la risposta l’ha data (e senza possibilità d’appello) il campo. Nel posticipo di lunedì scorso, infatti, …

E’ finalmente ritornato sui suoi livelli Gigi Buffon: dopo qualche eccessiva critica iniziale, e i sondaggi che si chiedevano se dopo una serie di infortuni il numero uno della Juventus e della nazionale sarebbe mai tornato quello di prima, la risposta l’ha data (e senza possibilità d’appello) il campo. Nel posticipo di lunedì scorso, infatti, Buffon ha smentito anche chi sosteneva che non era in grado di parare i rigori, respingendo il tiro dagli undici metri dell’amico giallorosso Francesco Totti.

“Siamo a tre su tre contando quello parato con l’Italia in Polonia, anche se Hamsik ha tirato alto. Ma in fondo chi dice che io non paro rigori ha la memoria corta: fino al 2006 ne ho presi tanti, poi un po’ meno ma importanti come quello a Mutu all’Europeo” ha affermato l’etsremo difensore in un’intrevista rilasciata alla Gazzetta dello Sport’.

In molti si sarebbero aspettato il cucchiaio di Totti, Buffon non escluso.

“Mi è venuto in mente che Francesco avrebbe potuto fare il cucchiaio, poi ho aspettato fino all’ultimo e mi sono tuffato. Dopo la gara non ho detto nulla a Totti, in fin dei conti mi aveva purgato tante volte lui in passato”.

Grazie alla parata di Gigi la Juve è uscita imbattuta dall’Olimpico e ha mantenuto la vetta della classifica, insieme all’Udinese:

“Il mio mestiere è parare, sono contento che l’intervento sul tiro di Totti sia servito a guadagnare un punto. Mi spiace per Francesco, che è un amico e magari avrebbe avuto bisogno di un gol in questo momento. Un rigore parato ha sempre un sapore speciale, se poi incide sul risultato e l’avversario è un campione come Francesco, di cui ho una stima immensa, la gioia cresce ulteriormente”.

La critica ora è unanime: la Juventus ha ritrovato il miglior portiere del mondo:

“I complimenti da un lato mi fanno piacere, ma dall’altro mi lasciano perplesso: Buffon è sempre stato Buffon. A volte le cose vanno bene, altre meno bene. Ma per quanto io sia importante, senza i miei compagni non potrei fare nulla”.

Obiettivi? Buffon si allinea al tecnico Antonio Conte:

“Dopo quattordici gare è ancora presto. L’anno scorso fino a Natale le cose andavano bene, poi ci fu un crollo improvviso e nel giro di un mese ci ritrovammo con pochi punti e tanti problemi”.

Un commento

  1. [email protected]

    come dobbiamo interpretare la prima fase secondo voi ?

    e poi mi dite che non le fa apposta….

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi