Bologna-Juventus 0-0: commento, highlights e interviste | JMania

Bologna-Juventus 0-0: commento, highlights e interviste

Bologna-Juventus 0-0: commento, highlights e interviste

BOLOGNA: Viviano; Garics, Portanova, Britos, Cherubin; Radovanovic (17’ st Casarini); Buscè, Mudingay, Ekdal (39’ st Mutarelli), Paponi (29’ st Gimenez); Di Vaio. A disposizione: Lupatelli, Moras, Rubin, Mutarelli, Ramirez. All. Malesani. JUVENTUS: Storari; Motta, Bonucci, Chiellini, De Ceglie; Krasic (18’ st Del Piero), Felipe Melo, Aquilani, Marchisio; Amauri (22’ pt Iaquinta), Quagliarella (27’ st Martinez). …

BOLOGNA: Viviano; Garics, Portanova, Britos, Cherubin; Radovanovic (17’ st Casarini); Buscè, Mudingay, Ekdal (39’ st Mutarelli), Paponi (29’ st Gimenez); Di Vaio. A disposizione: Lupatelli, Moras, Rubin, Mutarelli, Ramirez. All. Malesani.

JUVENTUS: Storari; Motta, Bonucci, Chiellini, De Ceglie; Krasic (18’ st Del Piero), Felipe Melo, Aquilani, Marchisio; Amauri (22’ pt Iaquinta), Quagliarella (27’ st Martinez). A disposizione: Manninger, Legrottaglie, Sissoko, Pepe. All. Del Neri.
ARBITRO: De Marco di Chiavari.
AMMONITI: 10’ pt Garics, 11’ pt Motta, 39’ st Portanova, 50’ st Mutarelli.
NOTE: Viviano ha parato un rigore a Iaquinta al 35’ pt.

IL COMMENTO DI FRANCESCO FEDERICO PAGANI
Per una decina di minuti le squadre si studiano senza grandi picchi di intensità né intenti bellicosi. Poi la Juve, piano piano, guadagna campo, finendo presto col prenderne il dominio più o meno assoluto che si concretizzerà con un rigore più che dubbio assegnato a Krasic e sbagliato da Vincenzo Iaquinta. Dopo i primi minuti, comunque, netta la superiorità ospite: non un gioco spumeggiante quello dei Bianconeri, ma possesso continuativo, maggior precisione di passaggio, più volontà di offendere.
La ripresa scorrerà un po’ sugli stessi binari: primissimi minuti con le squadre contratte, Juventus che poi si scioglie e prende il controllo del gioco. Bologna però che nel secondo tempo irrobustirà ulteriormente la propria gabbia difensiva rimanendo molto più bloccato nelle proprie posizioni lasciando ancor meno spazi agli spenti attaccanti avversari.
Ad uscirne è quindi una partita bene o male controllata da una sola squadra. Incapace, però, di costruire occasioni realmente pericolose. Con due attaccanti di prima fascia la partita sarebbe terminata sicuramente in ben altro modo.
Bologna che dal canto suo, invece, delude molto: troppo remissiva la squadra di Malesani, che non proverà mai a fare gioco né a costruire azioni con un costrutto al di là di qualche sporadicissima ripartenza mai comunque troppo veloce o ficcante. Eppure mettere in difficoltà una difesa che aveva dimostrato più volte, in special modo ad inizio stagione, di essere vulnerabile – specialmente sulla destra, presidiata da Marco Motta – sarebbe stata impresa tutt’altro che proibitiva, se solo si fosse voluto affrontare il match in maniera un pochino più temeraria.

INTERVISTE

Gigi Del Neri
“Sono molto soddisfatto della squadra, non abbiamo preso gol e, allo stesso tempo, abbiamo anche prodotto occasioni importanti. Non è un passo in avanti, ma non si butta via un pareggio a Bologna. L’infortunio di Amauri ha un po’ condizionato i cambi. Non subire gol è stato importante, e sono soddisfatto dei meccanismi tra centrocampo e difesa. Krasic è tartassato a ogni partita. Se il fallo non c’era non lo so, sicuramente è un tipo di ragazzo che una cosa del genere non la fa apposta. Non penso che abbia fatto con volontà questo tipo di calcio di rigore. Non mi aspetto una squalifica per lui con la prova tv. La Juve dipendente dalle prestazioni di Krasic? Assolutamente no. Sicuramente potevamo finalizzare meglio, ma non mi sembra che la squadra non abbia prodotto molto. Abbiamo sicuramente una certa distanza dalla Lazio che è partita a mille, ma rispetto alle altre non siamo così lontani. Ripeto, per me la squadra ha fatto bene. Prima mi dicevano che prendevo sempre gol, e ora che non li prendo mi viene detto che non li segno. Io cerco sempre di vedere il bicchiere mezzo pieno. L’ambiente capisce quello che stiamo facendo, e questo per noi è molto importante”.

Beppe Marotta
“Milos è un ragazzo per bene e durante le partite subisce sempre molti falli. D’istinto ha cercato di evitare il contatto con Portanova ed è caduto. Contatto che non c’è stato, come dimostrano le immagini. Non credo che sia giusto parlare di slealtà e non dovrebbe quindi esserci la prova tv. Dopo l’episodio il ragazzo era scosso e infatti non ha offerto la solita prestazione, anche per questo oggi non siamo riusciti a vincere. Segniamo poco? Fino a qualche settimana fa si diceva che subivamo troppi gol, ora perché non ne facciamo. Purtroppo Amauri e Iaquinta non sono al meglio e paghiamo anche questo”.

Giorgio Chiellini
“Non possiamo essere felici. Il rigore non c’era? Non lo so, comunque era comunque meglio segnarlo. Siamo venuti qui per vincere per fare un altro salto di qualità, ci abbiamo provato e non abbiamo corso pericoli. Stiamo migliorando, ma non siamo ancora al livello che vogliamo. Ora pensiamo al Milan, sabato ci aspetta un partita a sé, che va al di là della classifica. Ce la giocheremo con rispetto come abbiamo fatto con l’Inter. Ora abbiamo una settimana per preparala”.

Alberto Aquilani
Mi dispiace eravamo venuti per vincere, ma ci teniemo stretti questo punto e andiamo a Milano con convinzione. In Italia su qesti campi non è facile, magari se riesci a fare gol cambia tutto. Ma ci sta venire a Bologna e fare un punto. Ora guardiamo avanti. Forse ci è mancata un po’ di brillantezza per l’impegno in Europa League, ma noi ce l’abbiamo messa tutta e, ripeto, non è facile venire a giocare a Bologna“.


Leonardo Bonucci
Penso che siamo riusciti a disputare una buona partita creando tante occasioni per portare a casa i tre punti, compreso il rigore purtroppo sbagliato da Iaquinta, mentre gli avversari hanno costruito poco per provare a vincere. Sabato prossimo giocheremo contro il Milan, una grande squadra come lo siamo noi, e speriamo di poter offire un grande spettacolo a San Siro”.

6 commenti

  1. MEDITETE.

    Un rigore dato che non c’è,
    ed un rigore NON dato che c’è,
    ed il tutto nella stessa partita.

    Come mai se ne parla solo di uno e non dell’altro???
    Sarà pilotata la cosa???

    M’HAAAAA!!! 😮

  2. hai ragione ma chi se ne frega se romperanno, Milos deve guardare tutti a testa alta, è un campione e non smette di esserlo per questo … e noi con lui, a testa alta, a Milano e ovunque … fino alla fine forza juventus

  3. x milos si parla di prova tv e quindi squalifica. guarda caso proprio quando ci sarà il milan. gli interisti dopo oggi hanno un motivo in + per rompere il caiser. come se poi il rigore è stato segnato. iaquinta del cavolo!!

  4. continuiamo a giocare senza punte. Ne’ una seconda punta degna, ne’ una prima. Oltretutto camminavamo, cosa che non ho capito. Mah…

  5. Juventinonelsangue

    Per come la vedo io,la Juve oggi ha giocato bene,ha condotto la partita,ma non c’è stata la solita cattiveria….il discorso bomber è valido fino ad un certo punto,ad oggi siamo la squadra che ha fatto più gol in campionato.Comunque i margini di miglioramento ci sono,questa squadra mi da buone sensazioni.Ora a TESTA ALTA A MILANO!

  6. Purtroppo ci manca un vero bomber d’area,oggi la partita l’ha fatta la Juve,nn abbiamo mai rischiato,Motta continua a nn piacermi,li ho visti tutti stanchi,con la rosa disponibile nn reggiamo 3 partite a settimana.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi