Bergomi | "Quando giocavo ho preso sostanze oggi doping"

Bergomi: “Quando giocavo ho preso sostanze oggi doping”

Bergomi: “Quando giocavo ho preso sostanze oggi doping”

Beppe Bergomi, commentatore Sky ed ex bandiera dell’Inter, ha rilasciato alla TV svizzera RSI una serie di dichiarazioni sul doping che destano scalpore

Beppe Bergomi, commentatore Sky ed ex bandiera dell’Inter, ha rilasciato alla TV svizzera RSI una serie di dichiarazioni sul doping che hanno destato molto scalpore. “Alcune sostanze che adesso sono doping, nel 1979-80 quando ho iniziato io, si potevano prendere. A volte sono anche preoccupato per quello che ho preso o che mi hanno dato”, ha detto Bergomi parlando da Expo a margine di un evento sportivo. Senza peli sulla lingua, l’ex difensore dell’Inter ha ammesso di aver fatto uso di farmaci che pensava non avessero conseguenze, invece…

Qualche ora dopo, parlando alla ‘Gazzetta dello Sport’, Bergomi specifica di quali farmaci parlasse nello specifico:

Ho partecipato a un convegno molto interessante sul doping, e in quel momento, parlando ai giovani, mi è venuto in mente il Micoren. Quando ho parlato dei farmaci che ci davano quando ho iniziato la mia carriera da calciatore, mi riferivo proprio al Micoren, che all’epoca non era conosciuto: all’Inter ce lo davano e ci dicevano che serviva a spaccare il fiato, poi, anni dopo, si è scoperto che è una sostanza pericolosa. Il Micoren lo davano a tutti e in tutte le società. L’ho detto per lanciare soprattutto un messaggio ai giovani: noi all’epoca eravamo più ingenui – ammette – , dovevamo invece essere più attenti e più pronti a chiedere informazioni alle società su quello che prendevamo. Oggi invece i ragazzi devono puntare su un sano allenamento, devono sempre chiedere informazioni su tutto quello che gli viene dato e devono puntare su una sana alimentazione. Noi quel Micoren lo abbiamo preso ingenuamente, perché ci dicevano che ci aiutava.

Non è la prima volta che vengono fatte ammissioni sullo stesso farmaco, il Micoren: già Fabio Capello e Giovanni Galeone, ammisero che ai tempi in cui giocavano loro a calcio gli fu somministrato dai rispettivi staff medici. A livello mediatico, però, solo la Juventus ha pagato a caro prezzo con una gogna sul doping che non ha avuto né precedenti né seguito.

Un commento

  1. Ancora oggi la Juve è tacciata da gentaglia (tifosi e giornalisti) che in malafede continuano a fare i negazionisti sul processo Guariniello che sentenziò l’abuso di farmaci ma non l’uso di prodotti dopanti, contemporaneamente ecco un altro della banda dei prescritti rei confessi (Mazzola-Georgatos-Bergomi-ecc) uscire allo scoperto non per amore della verità e della giustizia ma semplicemente perchè ha il c….o che gli brucia. I vari Guariniello e Palazzi dove sono? Dimenticavo, è passato tanto tempo ed è tutto in prescrizione o forse “non c’è la Juve la cosa non interessa”.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi