Benitez tentenna e chiede altre due settimane: cosa o chi c'è dietro? | JMania

Benitez tentenna e chiede altre due settimane: cosa o chi c’è dietro?

Stamane leggo che il tecnico spagnolo Rafa Benitez ha chiesto altri dieci giorni per dare una risposta alla Juve ed al suo ricco (?) progetto di semi-rifondazione. A quanto pare in sede non hanno gradito affatto e questo è palese, anche perchè gli incontri tra Rafa ed il nuovo presidente dei reds Broughton non sono finiti. Ma …

Stamane leggo che il tecnico spagnolo Rafa Benitez ha chiesto altri dieci giorni per dare una risposta alla Juve ed al suo ricco (?) progetto di semi-rifondazione. A quanto pare in sede non hanno gradito affatto e questo è palese, anche perchè gli incontri tra Rafa ed il nuovo presidente dei reds Broughton non sono finiti.
Ma cosa vuole veramente Benitez?
Da una parte c’è sempre il Liverpool, società indebitata fin sopra ai capelli ma che secondo il neo presidente appianerà tutti i debiti non appena sarà possibile trovare una nuova proprietà. Il Liverpool è appetibile, ma serve un magnate arabo, russo o americano…ed al momento, latitano. Con la sola cessione di un paio di pezzi pregiati (Torres e Mascherano, tanto per fare due nomi), il buon Rafa avrebbe “in mano” le sterline necessarie per fare un ottima campagna acquisti.
Dall’altra parte c’è la Juve, la quale a più riprese ha fatto capire che Benitez è l’uomo su cui puntano per ripartire. Il tecnico in cima alla lista, insomma. La proprietà, capitanata da Andrea Agnelli – il quale il 10 maggio prossimo nel corso del CdA sarà nominato presidente con funzioni pienamente operative a partire da una settimana dopo – sembra aver già trovato un accordo con Marotta per il ruolo di DS/DG ed ha intenzione di mettere un bel po’ di soldi nel piatto per permettere a lui ed al nuovo allenatore di rinforzare adeguatamente la squadra.
Rafael Benitez sta in mezzo. Nel senso che di sicuro l’esperienza-Juve lo alletta, ma non è la sola. Il tergiversare continuo del tecnico inizia a diventare sospetto: la famosa buonuscita che pretende dal Liverpool per liberarli da un contratto molto oneroso (4,5 milioni all’anno fino al 2014) non puo’ essere il solo pernio su cui gira questa riottosità manifesta. Di certo il sottostare eventuale al placet di un presidente e di un amministratore delegato (questo succederebbe alla Juve) per le scelte di mercato (e non) è un bel salto per lo spagnolo, abituato ad un ruolo manageriale al Liverpool, che significa praticamente carta bianca per qualunque decisione.
Ma c’è dell’altro, a mio avviso.
Ad esempio, il valzer delle panchine eccellenti che potrebbe scatenarsi tra quindici giorni. Benitez sa di essere uno dei tre tecnici top inseguibili da tutti i club più importanti (e ricchi) in Europa: sto logicamente parlando di Real Madrid, i quali se arrivano secondi nella Liga dietro al Barcellona saluteranno Pellegrini senza affetto e si butteranno anima, corpo ed euro su Mourinho. E se il portoghese non dovesse accettare di essere coperto d’oro da Florentino Perez, perchè magario ha vinto la Champions ed il campionato italiano (ma è la coppa l’ago della bilancia, c’è da scommetterci) lo stesso potrebbe “ripiegare” su Benitez.
Identica situazione per l’ Inter: se veramente Mourinho andasse al Real, Moratti – che perderebbe quello che viene considerato il numero uno degli allenatori, che vinca o meno la coppa – avrebbe due sole alternative di livello: lo stesso Benitez o Fabio Capello. Girano vocine di un contatto diretto tra l’Inter ed il tecnico spagnolo, dato che le lusinghe spagnole per lo SpecialOne sarebbero troppo forti per essere ignorate. Ma questi sono solo rumors…
Tutto parrebbe dipendere, dunque, dalla finale di Champions League in programma, guarda caso, proprio tra quindici giorni. Giusto il tempo chiesto da Benitez per dare una risposta ai vertici juventini…
Una casualità? Potrebbe essere.
Ma anche no.
Ed è per questo che nell’ambiente bianconero sta riprendendo corpo l’ipotesi Capello, tra l’altro in cima alla wish list dello stesso Andrea Agnelli. L’unico problema è che il buon Fabio fino a dopo il Mondiale sudafricano non sarà disponibile per nessun altro oltre che per la sua Inghilterra. Ed alla Juve l’allenatore serve prima possibile e comunque entro la fine di maggio, se veramente vogliono fare le cose come si deve.
Le altre ipotesi ventilate (inventate?) dai giornali italiani, Del Neri o Spalletti, non hanno molta logica. Ce lo vedete Andrea Agnelli che una volta insediato in pompa magna alla guida della Juve si presenta con il tecnico ex Sampdoria? Io no.
Per Spalletti, il discorso è legato principalmente al suo impegno con lo Zenith, il quale vola nel campionato russo dopo 9 giornate ed un suo disimpegno adesso – a campionato appena iniziato – sarebbe assurdo. Senza contare che da quelle parti i contratti firmati – e dunque gli impegni – sono abituati a farli rispettare….
Ma allora gli juventini non hanno alcuna speranza di vedere un tecnico di livello nella loro panchina?
Beh, in verità ci sarebbe anche Lui. Mister Marcello Lippi da Viareggio. Il quale bene o male sa tutto già adesso delle cose juventine e di certo non avrebbe bisogno di essere presente in sede – fisicamente sarebbe impossibile: bene o male il Mondiale se lo deve giocare anche lui – per fornire i suoi dettami a Marotta.
Ed io, da juventino navigato e memore dei cinque scudetti, quattro Supercoppe italiane, una coppa Italia, una Coppa Campioni (più altre tre finali), una supercoppa europea e  una coppa Intercontinentale in otto anni complessivi sulla panchina bianconera del tecnico toscano, non potrei certo mettermi a sbattere i pugni nel muro se tornasse. Daltronde, le tante analogie con il periodo nel quale arrivò alla Juventus per la prima volta (1994) hanno un vago gusto retrò che a me piace. E parecchio.

Fracassi Enrico – Juvemania.it

9 commenti

  1. Personalmente sto Benitez mi ha rotto….se lo si compra solo per dare una rispoverata alla nostra facciata intrenazionale, ebbene che se lo tengano pure questo fanatico del tatticismo, con tutti quei soldi meglio comprare giocatori di grande livello.

  2. Ok, se gli 80 milioni sono all’anno il discorso è diverso.
    Si può fare una grande campagna acquisti.

    Su Lippi: come ho detto, la mia critica non è a lui come allenatore. E’ a lui come “dirigente”. Parte della “gente che c’era” all’inter li ha voluti lui. Non dimentichiamolo.

    Marotta: scelta ottima ma che allontana ancora di più Benitez.

    Alberto: sempre per citare Lippi, neppure lui aveva mai vinto nulla prima di approdare alla juve. Quindi non casserei i tre che hai nominato per questo.
    Del Neri lo vedo male perchè quando ha allenato fuori dalla provincia ha fallito.
    Ma Prandelli e Spalletti sono due che possono fare bene.
    Certo, non hanno il carisma di Benitez.
    Però c’è da considerare che se, come pare, alcuni senatori lasceranno la squadra il nuovo tecnico troverà uno spogliatoio meno difficle con cui trattare.

  3. Benitez o Capello sono gli unici allenatori possibili. Lippi no, ormai è troppo in avanti con gli anni. Prandelli, Spalletti e Del Neri? Ma dai, cos’hanno mai vinto? Certo che se Benitez ce lo soffia la squadra di cartone …..

  4. Direi che l’analisi del Sig. fracassi e’ lineare.

    Benitez sara’ il prossimo allenatore dell’inter,Mourinho a prescindere dalle vittorie conquistate ,lascera’ l’Italia
    perche’ l’Italia gli sta stretta.

    troppo sincero e’ professionale per poterci rimanere.

    Lippi mi sembra una pasta riscaldata, niente di piu’Capello dicasi lo stesso.

    la Juve dovrebbe scegliere Del neri che di calcio ne mastica ed e’ un valido nocchiero.

  5. Enrico Fracassi

    80 milioni all’anno, ricavi dalle cessioni escluse. Quindi, per la prossima stagione, potenzialmente il budget è superiore ai 100 milioni di euro.
    All’Inter, con la gente che c’era, avrebbe fatto disastri anche Dio (e non parlo dell’ex frontman dei Black Sabbath).
    Per quanto riguarda la Nazionale, c’è solo da stare muti e rassegnati fino a luglio almeno: è tutt’ora il campione del Mondo in carica, mica noccioline.
    Il grande direttore, a quanto pare, arriverà: Beppe Marotta.

  6. Concordo in pieno sul fatto che Benitez stia monitorando la situazione Real.
    Anche perchè i “bel po’ di soldi” da mettere sul piatto non sembrano essere poi così tanti. Se non ho capito male si parla di 80 milioni in 3 anni. 25-30 milioni per il mercato non sono poi questa gran cifra.

    Su Lippi, mi permetto di fare un solo appunto. Sulle sue capacità di allenatore nulla da dire. Però ricordo che quando ha avuto la possibilità di mettere bocca “fuori dal campo” ha rimediato solo brutte figure.
    All’Inter, dove ebbe carta bianca, fece disastri.
    In Nazionale dobbiamo riconoscere che ha convocato giocatori impresentabili anche quando abbiamo finito col vincere il mondiale.
    Con la Juve le mosse di mercato e l’allenatore quest’estate sono farina del suo sacco.
    Quindi, Lippi si ma solo se arriva anche un grande Direttore.

  7. Enrico Fracassi

    Grazie.

  8. Salve Sig.FRACASSI,
    mi complimento per il suo articolo.
    Mi è davvero piaciuto e lo condivido in pieno.
    Saluti e buona giornata.
    Forza juve…… da chi la juve la segue dal lontano 1966.
    Luca LEPORE

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi