Benfica-Juventus: non è finita fino a che non è davvero finita

Benfica-Juventus: non è finita fino a che non è davvero finita

Benfica-Juventus: non è finita fino a che non è davvero finita

Benfica-Juventus 2-1. Partiamo dalla fine. Il risultato è buono. Per quello che si è visto in campo penso di poter dire che sta anche molto stretto alla Juve. Risultato che è anche ampiamente recuperabile. Ora veniamo alla cronaca. Il Benfica mi è sembrato tutt’altro che trascendentale, una squadra che è un mix di giovanotti, vecchietti …

benfica-juventusBenfica-Juventus 2-1. Partiamo dalla fine. Il risultato è buono. Per quello che si è visto in campo penso di poter dire che sta anche molto stretto alla Juve. Risultato che è anche ampiamente recuperabile. Ora veniamo alla cronaca. Il Benfica mi è sembrato tutt’altro che trascendentale, una squadra che è un mix di giovanotti, vecchietti e giocatori scartati da altri club più importanti. Tolti i primi 15 minuti in cui al solito ci siamo cagati addosso , non mi hanno fatto nessunissima impressione. Pressati, questi qua, non riescono a fare 4 passaggi di fila. Quello che è lodevole invece di questa squadra è la mano del mister. Si vede chiaramente che hanno idee di gioco e l’azione del loro secondo gol ne è la testimonianza. Un’accelerazione, una finta, un inserimento e noi siamo stati bucati come dei fessacchiotti. Difficile vedere le trame di gioco di Conte invece. Se Pirlo è marcato e deve impostare Bonucci con i lanci da dietro, siamo veramente all’anticalcio. Per fortuna che Pirlo nel secondo tempo riesce a prendere di nuovo in mano le redini del gioco ma certo sarebbe auspicabile avere delle alternative valide. Bonucci poi anche sul piano difensivo è un vero disastro. Colpevolissimo sul primo gol dove resta a guardare il suo uomo che salta e insacca. Mi spiace constatare come su questo giocatore i giudizi siano totalmente parziali. Brandendo la sua grande Juventinità gli si perdona tutto. Scusate, pure io sono Juventino viscerale ma non è che per questo gioco nella Juve. Bonucci fra Real, Galatasaray e ieri è il Re di disastri. Mi chiedo se è giusto continuare a insistere su un giocatore così che fa tutti questi svarioni. Al di là del volergli bene come ragazzo, poi queste disattenzioni le paghiamo sempre a caro prezzo.

Stesso discorso lo farei ieri per la genialata, lasciatemelo dire, di Conte, di schierare Vucinic dall’inizio. Notare, si è andati nell’inferno dello stadio del Benfica con un giocatore e mezzo in meno fra Leo e Mirko. Però! Ora io ho criticato spesso Conte per la mancanza di coraggio nei cambi di uomini e moduli, per la mancanza di osare quando bisognerebbe osare, per la mancanza di stupire. Bene se questo è come ci vuole stupire direi che è meglio se si sta fermo. Questa di Vucinic titolare ieri sera è la genialata dell’anno, al pari dell’esclusione di Quagliarella dalla lista Uefa in favore di Pepe. Quaglia che in coppa, negli anni di Conte è stato sempre il più decisivo, mentre Pepe probabilmente in Europa League non giocherà neppure un minuto. Ma Pepe c’è e Quaglia no. Ma torniamo a Vucinic. Mirko è ormai con la testa da un’altra parte da mesi. Fra l’altro nella sua carriera non ha mai mostrato particolari doti di combattente e a Lisbona si sapeva che ci aspettava una dura battaglia. Fra l’altro mi pare che anche nella prima parte della stagione, quando ha fatto coppia con Tevez, i due non abbiano dimostrato chissà quale particolare intesa. Allora perché me lo mandi in campo proprio ieri sera Antonio? Forse è l’ennesimo tentativo di recuperarlo alla causa per l’anno prossimo? Ancora? Certo è stata una grossa cazzata fattelo dire. In una partita da dentro o fuori, invece di pensare alla Juve e alla Coppa pensiamo al recupero degli irrecuperabili. Il bene del singolo (che poi bene non gli si fa) a dispetto del bene della squadra. Ma… Fino a che è stato in campo Mirko pur impegnandosi, si è trascinato sonnecchiando di qua e di la da par suo, senza né particolari meriti né lodi. Ma domando se Llorente stesse male o se Giovinco non poteva giocare da subito.

Misteri che ci porteremo dietro per una settimana sperando che non diventino nostri crucci dopo la partita di ritorno. Al di la di tutto io penso che siamo più forti di questo Benfica, a patto che però ce la giochiamo senza calcoli ma per vincere. Questa squadra per me a livello di rosa non ha nulla in meno di tante altre che fanno bene in Europa come il Borussia o l’Atletico Madrid. Gli manca ancora però quella mentalità vincente. Quella mentalità che ti fa andare in campo consapevole della tua forza senza che ti tremino le gambe ogni volta. Quando avremo questa mentalità, allora saremo pronti per vincere anche fuori dell’Italia. Per il ritorno: fino alla fine forza Juventus.

Foto: Juventus.com

18 commenti

  1. Io tutte ste critiche per Bonucci le lascierei perdere, lo conosciamo ormai, alterna ottime giocate a brutti svarioni. Ma alla fine è un buon difensore. Le critiche a Pirlo non ne parliamo sono tutte cavolate. Secondo me la mancanza di Vidal è la cosa più determinante. Vucinic titolare è una cagata pazzesca.

    FJS!!!!

  2. Visto e considerato che dovremo vincerla assolutamente e un gol, dati gli svarioni ultimi della difesa, ce lo becchiamo di sicuro, ci serve il 3-1 o il 2-1 se vogliamo giocarci le coronarie ai calci di rigore. Che dite ce la facciamo stante la bollitura attuale della squadra?
    Io non sono tanto ottimista.

    PS: forse Conte insiste con Bonucci perchè, nonostante i macroscopici svarioni, si equivale con giocate da campione vero che hanno salvato il risultato più di una volta e, sempre più di una volta, hanno portato a casa i tre punti (3) ma di questo la gente non ha memoria …

  3. Grande Magno…sicuramente hai messo il dito nella piaga, e pure Lukas sono d’accordo con te, in difesa c’e’ fisicita’ ma manca qualita’ tecnica lunico che si salva con prestazioni maiuscole ormai da settimane e’ Caceres, terzini e centrali molto scarsi se poi mettiamo la scarsa vena di qualche altro giocatore a centrocampo allora difficile aspettarsi miracoli, comunque per quanto visto contro il Benfica la Juve e’ nettamente superiore, speriamo di rendercene conto giovedi’ prossimo.

  4. Super Magno. Condivido tutto ciò che hai scritto. C’è una cosa che non riesco a capire del Mister, come mai in campionato ha più grinta che in coppa nella partita con l’ Udinese ho rivisto il vero Conte che urlava e caricava i ragazzi e loro andavano a mille, perché per la coppa non è sempre così? Forza Juve

  5. Grande Magno come sempre!!! Un po di Panca a Bonucci non farebbe male..secondo me!! Forza Juve Sempre.

  6. al solito vio leggo tutti. grazie dei complimenti .
    .. si ho scritto bonucci real madrid in realtà intendevo il retropassaggio che causo’ il gol del galatasaray a torino. nella foga ho scritto real madrid confondendolo con il retropassaggio di caceres .

  7. Vedo che non sono il solo a criticare Pirlo il cui gioco non è più quello di un tempo. Gli anni si fanno sentire e molto spesso con lui in campo giochiamo in 10. Il vero regista di una squadra è un’altra cosa , ricordiamoci Rivera Platini Zidane, altra categoria.

  8. Analisi perfetta della gara caro Magno. Purtroppo siamo qui a commentare l’enesima sconfitta europea. Questa Juve rimane una grande incompiuta in campo europeo. I motivi sono tre secondo il mio punto di vista:
    1. BONUCCI – Si crede di essere un Beckenbauer ma invece e una pipa clamorosa. Il gol di Garay e l’enesima dimostrazione di quanto sia scarso in marcatura.
    2. PIRLO – Gli anni si fanno sentire per tutti e lui nelle gare internazionali dove i ritmi non sonno queli dela serie A sparisce per tutta la gara o la maggior parte.
    3. CONTE – Con tutto il bene che gli voglio per quello che ha fatto in questi tre anni non riesco a dare una ragione alla sua caparbieta. Si intestardisce con questo modulo del cazzo come un caprone. Forse la ragione e proprio l’avere in rosa due titolari come Bonucci e Pirlo. Con questi due in campo il 4-3-3 rimarrà un utopia per sempre.
    Sempre e comunque Forza JUVE

  9. Si anche a mè il Benfica non è parso grande cosa ,abbiamo dominato per 3/4 di gara e il risultato è pienamente recuperabile….il lato negativo è che hanno segnato 2 volte attaccando per 20minuti e ci hanno fatto giocare la palla per tutto il resto della gara senza subire troppo , cosa che potrà fare anche a Torino

    Bonucci ha fatto una brutta gara ma a Madrid è stato Chiellini a metterci in croce , resta il fatto che abbiamo preso 2 gol che con 2 centrali forti non prendevi ….e magari anche col Galatasaray su quel campo impraticabile quel gol non lo prendevi …..ma Conte dice che chi gioca con la difesa a 4 ci guarda in TV
    ……….infatti Ancelotti ha giocato in casa con il 4-4-2 e ha battuto il Bayern, Maurinho 4-3-1-2 stesso modulo quasi e ha battuto il PSG.

    Inoltre davvero non si spiega perchè Vucinic ieri , quest’anno ha fatto in tutto 2 mezze gare, è appesantito e gli fai giocare la semifinale anche come prima punta , poi Giovinco e infine Osvaldo ………..non capisco sembra che Conte ancora non sia convinto di Llorente .

    Per il resto abbiamo fatto una buona gara , a un certo punto pensavo anche che si poteva fare il colpaccio e vincerla ma poi è arrivata la botta di Lima …..ed è finita così

    al ritorno vedremo meglio chi è il migliore
    Forza Juve

  10. “Se Pirlo è marcato e deve impostare Bonucci con i lanci da dietro, siamo veramente all’anticalcio”
    finalmente uno che ha aperto gli occhi!
    Non capisco come venga difeso da tutti i bloggari, assurdo!
    vogliamo fare la Champions con uno così?
    quanti danno ha fatto già? non bastano?

  11. se perdiamo partite come quella di ieri sera il salto di qualità in Europa è ancora lontano…

  12. Capitan Sparrow

    Ciao A.M.
    Hai centrato il vero problema della Juve: Bonucci. Piace a Conte per la sua propensione a impostare il gioco, ma è scarso nella fase difensiva al punto da costringere l’allenatore a coprirlo con due difensori “veri” (a parer mio anche Chiellini combina parecchi disastri….); oltre a questo, la propensione a impostare il gioco non corrisponde alla capacità di farlo, perché spesso esegue lanci fuori misura e comunque non crea quasi mai situazioni pericolose o tali da alleggerire la pressione sulla difesa. La conseguenza di questo è che dobbiamo schierare cinque difensori (perché Asa e Licht giocano da difensori a tutti gli effetti) facendo spompare gli esterni nella copertura di tutta la fascia. In campionato ci troviamo pertanto a marcare un unico attaccante (scarso) con tre difensori (quando due basterebbero e avanzerebbero) e abbiamo difficoltà ad affrontare difese schierate, quando invece due giocatori offensivi esterni consentirebbero di allargare le maglie difensive. Urge cambiare modulo, ma servono i giocatori per farlo.
    Totalmente d’accordo su Vucinic e Quagliarella.
    FJS

    • ” propensione a impostare il gioco”?!??!??
      ma se sbaglia 4 lanci su 5!!
      molti si rifugiano sulle statistiche dei passaggi riusciti ma se questo sono al 95% a Licht, Chiellini e Barzagli/Caceres!
      C’è dell’incomprensibile

      • Capitan Sparrow

        Infetti tre righe più sotto scrivo”…la propensione a impostare il gioco non corrisponde alla capacità di farlo, perché spesso esegue lanci fuori misura…”: sono d’accordo con te.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi