Beccantini: "Un allenatore in balia degli equivoci" | JMania

Beccantini: “Un allenatore in balia degli equivoci”

Distrutti e umiliati. Fuori subito, senza se e senza ma. Sul campo, non capitava dalla stagione 2000-2001, allenatore Carlo Ancelotti. Finì addirittura quarta e ultima, quella Juventus, eliminata da tutto. Salta, così, l’obiettivo più remunerativo, il traguardo minimo: gli ottavi di Champions. Troppo pollo, Ferrara; e troppo pavida, stordita, spaccata, la sua Juve. Il Bayern …

roberto-beccantiniDistrutti e umiliati. Fuori subito, senza se e senza ma. Sul campo, non capitava dalla stagione 2000-2001, allenatore Carlo Ancelotti. Finì addirittura quarta e ultima, quella Juventus, eliminata da tutto. Salta, così, l’obiettivo più remunerativo, il traguardo minimo: gli ottavi di Champions. Troppo pollo, Ferrara; e troppo pavida, stordita, spaccata, la sua Juve. Il Bayern di Olic ha stradominato e strameritato. Non ci voleva un genio per capire che ripetere la partita di sabato, con l’Inter, non sarebbe bastato, ammesso che ci fosse stata la benzina per farlo. Gli infortuni di Chiellini e Sissoko, anche se l’infermeria presenta un bilancio già devastante, non possono giustificare le cantonate dei giocatori, gli equivoci dell’allenatore. Si giocava in casa, il risultato l’aveva sbloccato Trezeguet e sarebbe stato sufficiente non perdere: ripeto, zero alibi.
Camoranesi, Diego, Del Piero, Trezeguet tutti insieme: non è la prima volta che Ciro ci casca. Diego non ha inciso, Felipe Melo ha perso il solito carico di palloni: e sto parlando dei 50 milioni investiti sul mercato, sostituiti entrambi, come Del Piero, e fischiatissimi. Il migliore, Buffon, aveva un menisco rotto. Van Gaal, per la cronaca, era privo di Ribéry e ha rischiato Robben solo nel finale. Che lezione!
Non è un’onta scivolare in Europa League. Chiedetelo al Liverpool. L’aspetto che più mortifica resta il modo, lo scempio: una sola squadra in campo, e non era la Juve. Terza sconfitta in quattro partite: la proprietà ci faccia un pensierino. All’atto del sorteggio mi ero sbilanciato: Bayern e Juventus. La modernità del Bordeaux di Blanc ha rovesciato i confini del pronostico. Nello stesso tempo, quando si battono soltanto gli israeliani del Maccabi Haifa, il destino cinico e baro non c’entra un tubo. Con il mai amato Ranieri, la Juve superò la fase a gironi e le suonò due volte al Real. Il perfido Mourinho, illudendola, non poteva farle più danni.
(Credits: La Stampa)

Un commento

  1. Al bel pezzo di beccantini aggiungo solo una cosa perchè sembra ripetere quello che dico da quest estate… Io il pronostico lo avevo fatto meglio dicendo SICURO il bordeaux e una tra bayern e juventus…. In fondo basta conoscere un pò il calcio….. ossequi.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi