Beccantini: "Il primo ribaltone post Calciopoli" | JMania

Beccantini: “Il primo ribaltone post Calciopoli”

Nasce con il sorpasso della Roma la settimana di Juventus-Inter, domani in tribunale a Napoli, venerdì in campo a San Siro. C’è un dato che, più e meglio degli altri, illustra la l’importanza del momento: nei gironi di ritorno dopo Calciopoli, in testa era stata sempre e solo l’Inter, da Mancini a Mourinho. In estate, …

roberto-beccantiniNasce con il sorpasso della Roma la settimana di Juventus-Inter, domani in tribunale a Napoli, venerdì in campo a San Siro. C’è un dato che, più e meglio degli altri, illustra la l’importanza del momento: nei gironi di ritorno dopo Calciopoli, in testa era stata sempre e solo l’Inter, da Mancini a Mourinho. In estate, avrei giurato su Inter o Juventus. Poi, spuntò il Milan. Improvvisamente, la Roma di Rosella Sensi: essere o non essere, vendere o non vendere. Dopo due giornate, aveva «zeru» punti. Ciao Spalletti, forza Ranieri: l’eterno piazzato che annoiava la Juventus. Al giro di boa, l’Inter aveva 45 punti e la Roma 32; oggi, a cinque giornate dal termine, la Roma ne ha 68 e l’Inter 67. Per Ranieri, la rimonta e i 23 risultati utili consecutivi costituiscono una medaglia al valore. E pazienza se ogni tanto, come ieri pomeriggio con l’Atalanta, provvede capitan Totti a suggerire la formazione (Toni in panchina), e a correggerla (fuori Menez). Rocchi si è adeguato alla solennità del rito, ignorando una trattenuta di Burdisso ad Amoruso.\r\nVenerdì Inter-Juve, domenica Lazio-Roma: chi esce con la corona, probabilmente la conserverà. Nessun dubbio che il logorio della Champions abbia scombinato gli equilibri e Mourinho ci abbia messo del suo nello spremere i nervi della rosa, la più «bella» del reame.  «Aria di complotto», da Tagliavento in poi; ma anche il caso Balotelli, la flessione di Julio Cesar, e la solita doppia personalità (a rovescio, però): grande in Europa, calante in Italia. È stato il weekend che ha espulso ufficialmente il Milan dalla volata scudetto. Pari casalinghi con Napoli, Lazio e Catania: non sanno più battere le piccole, i poveri diavoli di Leonardo. Bei tempi, quandogli arbitri indicavano giulivi il dischetto. Oggi,  hanno il braccino corto. È stata la domenica in cui la Juventus del guerriero Chiellini ha regolato il Cagliari senza incassare gol: la serie era cominciata pro- prio a Cagliari, diciannove partite fa. Un braccio di ferro tra una squadra a pezzi e una in ferie, ecco la sintesi di un’ordalia accompagnata dalla scellerata gomitata di Camoranesi a Conti – se non rosso di- retto, prova tv – e dai soliti cori anti tutti. Per tacere della traversa di Cossu e di (almeno) un rigorino sfilato agli sbadiglianti pirati di Allegri. Per il titolo, nonostante l’agguato del Barcellona di Lionel Messi, continuo a ritenere favorita l’Inter.\r\nPer il processo di Napoli, si vedrà. Sono usciti nastri imbarazzanti che gli avvocati di Moggi hanno brandito come scalpi. Anche Moratti, anche Facchetti! Così facevano tutti è una balla solare, fino a quando, almeno, Bergamo, così orgoglioso di aver «copulato» telefonicamente con il fior fiore dei dirigenti (beato lui), non ci confesserà di aver voluto sentire il «calore» anche di Garrone, Campedelli, Spinelli e c. Non si tratta di rivalutare Moggi e il passato; si tratta, semplicemente, di fare chiarezza su tutto e su tutti, Inter compresa. Per evitare le «due etiche diverse» evocate da Aldo Grasso sul «Corriere della Sera». A domani, dunque: con il tenente colonnello Auricchio chiamato a spiegare come mai certe intercettazioni passarono subito e altre no.\r\nAll’andata, Juve-Inter finì 2-1. Ciro Ferrara brindò a risorse adulterate dagli episodi. Ci pensò il Bayern a buttarlo giù dal letto. I campioni, viceversa, si rialzarono come se niente fosse. La sfida di venerdì, introdotta dalla semifinale-bis di Coppa Italia (domani Fiorentina-Inter da 0-1; Udinese-Roma, da 0-2, avrà luogo il 21 aprile), si profila carica di tensioni. Mourinho cacciatore e non più lepre è una novità piccante. Zaccheroni, da parte sua, coltiva spiccioli di zona Champions. Ha scavalcato il Napoli, rincorre sempre il Palermo di super-Miccoli (doppietta al Chievo) e la Sampdoria di Cassano, giustiziere del Genoa in un derby più fumo che arrosto. Inter a meno uno dalla Roma, Juventus a meno tre dal quarto posto: proprio vero, gli anni «mondiali» hanno bisogno della camicia di forza.\r\n\r\n(di Roberto Beccantini per La Stampa)

LEGGI ANCHE  Complicarsi la vita con la "halma"

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi