Beccantini: "Calciopoli, chiarezza per tutti" | JMania

Beccantini: “Calciopoli, chiarezza per tutti”

Siamo tutti intossicati, non solo Massimo Moratti. Non si capisce, per esempio, perché Auricchio, ilcarabiniere che a colpi di intercettazioni disvelò Calciopoli, abbia ritenuto di cestinare i colloqui tra Giacinto Facchetti e Paolo Bergamo. Mai pensato alla santità di Luciano Moggi: neppure dopo i valzer telefonici di ieri a Napoli. Il problema sono le troppe …

roberto-beccantiniSiamo tutti intossicati, non solo Massimo Moratti. Non si capisce, per esempio, perché Auricchio, ilcarabiniere che a colpi di intercettazioni disvelò Calciopoli, abbia ritenuto di cestinare i colloqui tra Giacinto Facchetti e Paolo Bergamo. Mai pensato alla santità di Luciano Moggi: neppure dopo i valzer telefonici di ieri a Napoli. Il problema sono le troppe «suore» che, a leggere i mattinali, gli avrebbero girato attorno, impaurite. La legittima difesa viene spesso invocata a tutela dai pissi pissi più scabrosi. Non è vero che ai designatori telefonavano tutti, ma telefonava anche l’Inter. È vero che sono i contenuti a scavare la differenza fra sistema e regime, come ribadisce spesso (oggi) la pubblica accusa.
Al di là del giallo sulla paternità del «Collina» sibilato, Facchetti che discute di assistenti e arbitri con Mazzei e Bergamo rimanda alla madre di tutte le «griglie», quella fra Moggi e Bergamo. Per i giudici, sciocchez- ze da slealtà sportiva; per chi scrive, capriole dialettiche da illecito. «Piaccia o non piaccia agli imputati» è il celeberrimo incipit de l’arringa con cui il pm Narducci, nell’ottobre 2008, scagionò le «cornette» nerazzurre. I processi sportivi hanno tempi brevi, isterici, e dunque, a maggior ragione, proprio l’immediato confronto di certe chiamate avrebbe contribuito a spazzare i dubbi e i sospetti di partigianeria (o no?). Viceversa, gli inquirenti le archiviarono alla voce «non ce ne può fregar di meno». L’Inter, sullo slancio, ci ricavò persino uno scudetto a tavolino, ancorché l’Uefa non avesse mai ordinato al professor Guido Rossi di porgerglielo.
Il 20 aprile, sempre che il processo non venga azzerato, si ripartirà da 75 nuove intercettazioni, che Teresa Casoria ha definito «rilevanti». In discussione non è la responsabilità di Moggi, ribadita dalle schede. Il «così fan tutti» agitato dai suoi avvocati, e puntellato dall’ultimo giro di nastri, lo aiuterà verosimilmente a sgominare l’infamia dell’associazione a delinquere. Resta il versante sportivo, ostaggio della prescrizione e dei gusti selettivi dei carabinieri. Gli «avanzi» che la difesa ha raccolto coincidono solo in parte con le sentenze del 2006. L’importante è che il presidente Abete vigili e non si faccia prendere la mano dagli Europei 2016, che l’Uefa assegnerà il 28 maggio e per i quali siamo in lizza con  Francia e Turchia. Un eventuale insabbiamento sarebbe l’ultima pedata alla credibilità del calcio. Il processo sportivo va riaperto. In base ai tabulati, le società telefonanti sarebbero undici, un- dici su venti. Un giorno dovremo occuparci anche di quelle che non chiamavano; nel frattempo, chiarezza su tutto, per tutti.

(Di Roberto Beccantini per La Stampa)

Un commento

  1. Parole sante,tuttiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi