Bayern Monaco Juventus | Interviste | Allegri | Buffon | Marotta

Bayern Monaco Juventus 4-2: interviste ad Allegri, Buffon e Marotta

Bayern Monaco Juventus 4-2: interviste ad Allegri, Buffon e Marotta

Bayern Monaco Juventus 4-2 dts: le interviste post partita ai protagonisti, mister Allegri, capitan Buffon e il dg Marotta

Bayern Monaco Juventus 4-2 dts: le interviste post partita. Massimiliano Allegri non accampa scuse al termine degli ottavi di finale persi contro il Bayern Monaco. La Juventus è stata vicinissima alla qualificazione: “Dispiace essere eliminati contro una squadra giocando bene con una prestazione del genere – dice il tecnico toscano a Mediaset Premium – , un po’ di mischie, Buffon non ha compiuto grandi parate, Cuadrado ha avuto la palla del 2-0, poi Morata altre due palle importanti, una partita che si poteva riaprire, dispiace perché vincere 2-0 a Monaco non era semplice, abbiamo giocato con personalità, bisogna gestire meglio due palloni ed il primo in fase di uscita”.

Tra l’andata e il ritorno, indubbiamente la Juventus è stata penalizzata dagli arbitraggi:

“Errori arbitrali? Inutile stare a parlare dell’arbitro – continua Allegri – , faccio i complimenti alla squadra, un test importante confrontarsi e vincere 2-0 a Monaco non era semplice, siamo amareggiati, abbiamo il derby e poi recuperiamo gli infortunati. Morata? Stavamo 2-0 con Mandzukic pensavo che potessero reggere ci siamo abbassati molto, loro hanno alzato i centrali, loro con Morata accettavano l’uno contro uno. Loro data quasi per persa hanno messo molti attaccanti, dovevamo essere più lucidi per fare gol. Dovevamo gestire l’ultima palla in usciti, sono palle che ti portano in fondo alla partita. Risultato giusto fino al 70esimo cinque a zero, calo fisico!? No, hanno intensificato l’azione, Mario arretrava troppo, i due centrali giocavano nella nostra trequarti. Al settantesimo siamo calati, il calcio è bestiale ed abbiamo preso il gol. Coman? Ha fatto una bella partita con una bella palla gol ed un contropiede a campo aperto, un ragazzo bravo che cresce molto, in Germania può crescere bene con una squadra otto spanne sulle altre e può mettere in mostra le qualità,”.

Bayern Monaco Juventus 4-2: Buffon

Intervistato da Mediaset Premium, capitan Gianluigi Buffon si esprime così:

“Il rammarico non è avere preso i due gol ma è avere subito il pari al novantesimo. Sono orgoglioso della squadra che siamo, questa sconfitta deve farci capire che siamo saliti di un altro gradino nel nostro percorso di crescita. Stasera potevamo uscire, ma un conto è farlo in maniera ignobile e un altro è farlo dopo una prestazione del genere. Il calcio è fatto di episodi – continua – e di situazioni che si creano durante la gara. Nel secondo tempo loro hanno fatto un gara prettamente offensiva e hanno concretizzato le occasioni. Questa sconfitta è un ottimo viatico per riuscire ad arrivare, nei prossimi due anni, a quel traguardo che tutti vogliamo”.

Bayern Monaco Juventus 4-2: Marotta

Il dg della Juventus, Beppe Marotta, è scatenato contro l’arbitraggio a fine gara:

“Vorrei sottolineare la prova della squadra e dell’allenatore – dice il dirigente bianconero – , c’è un rammarico per l’errore sull’uno a zero, c’è molto da recriminare, credo che non si possano subire decisioni del genere. Lo dicono le immagini nessuno commento eccetto che il calcio italiano venga protetto. A livello internazionale bisogna farsi tutelare. Non cerco alibi, ho visto rossi per molto meno, certi arbitraggi non fanno bene”.

3 commenti

  1. Ho seguito con molta attenzione la partita di ieri. Ero curioso di vedere come si comportava la Juve, allenata da un personaggio tanto decantato, esaltato e premiato nelle ultime settimane.
    Ho visto dei giocatori dannarsi l’anima, specie nei primi sessanta minuti della partita.
    Poi ho ascoltato Allegri, nella sua intervista e mi sono cadute le braccia. Spiego perché:
    1. Non l’ho sentito manifestare nemmeno un inizio di colpevolezza per gli “incauti” cambi effettuati
    2. I due goal della Juve sono merito di azioni personali di ottimi giocatori e non di tattiche prestabilite. È proprio quei giocatori sono stati sostituiti.
    3. Un piccolissimo accenno all’arbitraggio. Come sono lontani i tempi in cui lo stesso personaggio ha inveito per mesi, lui e la compagna, contro la Juve per il goal di Muntari. Ma forse non si sente Juventino.
    4. Vorrei, inoltre, conoscere perché dopo due anni di conduzione tecnica non vi è un solo giocatore della rosa che sia migliorato tecnicamente o abbia aumentato il suo valore. Pogba giocava meglio ieri o oggi? Sturaro, Morata, Zaza giocano in modo migliore oggi?
    5. I continui infortuni di chi sono servi?
    È non vorrei andare oltre, non vorrei proseguire con Rugani ed il suo non impiego. È la stessa storiella di Dibala, ad inizio campionato. Il signor allenatore non lo vedeva ancora pronto, così dicono i media di regime. Ma quanti punti abbiamo perso per la mancanza di Dibala nelle patite iniziali. E quante partite risolve da solo, ora è non per merito dell’allenatore.
    Vorrei chiudere con la proprietà. Ha sempre avuto il braccino corto e lo ha tutt’ora nell’acquisire veri campioni. Vediamo come si comporterà in avvenire. Una cosa è certa: non ha mai difeso la squadra negli anni bui della cosiddetta calciopoli e mi meraviglierei se facesse ora la voce “grossa” per i recenti arbitraggi in Champions. Non sono certo le due brevissime frasi di Marotta che possono bastare.
    Allegri ha detto, con certo sorriso sulle labbra, che anche il risultato è servito per far crescere la squadra in campo internazionale. Se passare da una finale a non qualificarsi nemmeno ai quarti è una crescita, allora diamo un’altro premio a questo bravo allenatore.
    Spero, poi, che Evra’ venga escluso, almeno per un paio di gare, dal giocare solo per fargli capire la stupidità della sua giocata di ieri. Un giocatore solo mediocre può fare un’azione scriteriata simile a due minuti dalla fine della partita.

  2. Capolavoro tattico di Allegri che imbriglia il Bayern e riesce anche a mandare la squadra in gol
    e creare azioni da gol a raffica……Alla fine in 2/3 occasioni importanti purtroppo non riusciamo a segnare il terzo gol……
    Giustamente Marotta deve farsi sentire…..ci manca e un gol annulato e dal 2-0 in avanti è tutto un cartellino giallo finiamo con 5 ammoniti ( per comportamento non regolamentare) che non hanno nemmeno fatto fallo….Kedira a palla inattiva inciampa su lewandosky facendolo cadere e viene ammonito ,Lichstainer si oppone alla reazione di Vidal su Cuadrado e viene ammonito , Cuadrado non passa la palla per la rimessa e viene ammonito ,ammoniti pure Sturaro e Pereyra senza aver commesso fallo …..mentre invece per esempio alla fine la vistosa trattenuta sù Pogba al limite dell’area del Bayern non viene fischiato e da lì riparte Coman che segnail 4-2.

    Detto questo penso che la sostituzione di Kedira troppo importante in fase di contenimento abbia dato il via alla rimonta tedesca…….però Allegri dal canto suo andando verso fine gara non poteva fare altro che togliere dal campo qualche giocatore stanco e ammonito

    Dispiace ma di certo non per demerito nostro ,

    forza Juve

  3. Si leggono ovunque lodi per il nostro allenatore. Io non sono daccordo. Per 60 minuti Allegri ha mostrato di aver capito la lezione dell’andata: i bavaresi vanno attaccati perchè dietro sono scarsi (a livello di una Samp e di un Chievo). Poi, dal 60°, sul 2-0, si è abbassato peggio che all’andata ed i tedeschi si sa che, in mezzora ti possono fare tanti gol.
    La sostituzione naturale per Morata era Zaza, in modo da sfruttare la sua velocità in contropiede. Mica stavano buttando le palle alte in area che richiedevano la presenza di una torre.
    Sturaro è molto sopravvalutato, molto bene il gol dell’andata, ma a centrocampo non è un giocatore per questi livelli.
    Con Chiellini qualche gol in meno lo avremo preso….
    Molto amareggiato……5 anni di dominio in Italia e nemmeno la coppa del nonno in Europa.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi