Avv. Di Cintio: "Calciopoli? Le prove valide sono solo quelle emerse nel processo di Napoli. E l'accusa ne ha fornite ben poche..." | JMania

Avv. Di Cintio: “Calciopoli? Le prove valide sono solo quelle emerse nel processo di Napoli. E l’accusa ne ha fornite ben poche…”

Avv. Di Cintio: “Calciopoli? Le prove valide sono solo quelle emerse nel processo di Napoli. E l’accusa ne ha fornite ben poche…”

L’Avv. Di Cintio, iscritto al Foro di Bergamo, che ha collaborato sino al 2009 con l’Università di Bergamo alla Cattedra di Diritto Privato e quella di Procedura Penale e che si occupa attualmente di diritto ed economia dello sport, ha inviato una lettera ai lettori di ‘TMW’ nella quale commenta quanto emerso sin qui al …

L’Avv. Di Cintio, iscritto al Foro di Bergamo, che ha collaborato sino al 2009 con l’Università di Bergamo alla Cattedra di Diritto Privato e quella di Procedura Penale e che si occupa attualmente di diritto ed economia dello sport, ha inviato una lettera ai lettori di ‘TMW’ nella quale commenta quanto emerso sin qui al processo di Napoli, che in attesa della sentenza in arrivo nelle prossime settimane, pare essere indirizzato bene per le difese degli imputati. Ecco uno stralcio della lettera…

Il mio giudizio si baserà esclusivamente su dati di fatto. La prova della colpevolezza, infatti, si forma in dibattimento e l’imputato è innocente sino a che una sentenza emessa da un Tribunale non divenga definitiva.
Altro dogma che il lettore deve tenere ben presente è che il seguente: il sistema processuale penale Italiano è ispirato al principio “accusatorio” per cui è chi indaga che deve provare la responsabilità penale dell’imputato e non viceversa (almeno teoricamente poiché oggi il buon difensore deve andare oltre questo principio).
Detto questo ritengo necessario fare una premessa e, in prima battuta, analizzare quanto accaduto presso la Corte d’Appello di Roma (processo sempre a carico dell’ex dg juventino) ove l’accusa, in primo grado, aveva tratto a giudizio l’imputato Moggi anche per associazione a delinquere finalizzata al compimento di frodi sportive oltre che per violenza privata ed altri reati.
In primo grado cadde l’imputazione di cui all’art. 416 cp ( associazione a delinquere) e l’ex DG bianconero venne condannato solo per violenza privata.
In quel caso, pertanto, la tesi della Procura della Repubblica Romana non trovò avallo nei Giudicanti che ritennero inconsistente il materiale probatorio raccolto e, conseguentemente, pronunciarono sentenza di assoluzione per il reato associativo e di condanna a 18 mesi di reclusione per violenza privata.
Infatti, la Pubblica Accusa non fu in grado di fornire la prova della colpevolezza dell’imputato con riferimento al capo di imputazione più grave ( l’associazione a delinquere) che avrebbe potuto generare condanne ben più consistenti di quelle inflitte in primo grado.
Con riferimento a suddetto procedimento, in ultima analisi, è necessario altresì ricordare ai lettori che si è già celebrato anche giudizio di appello ove è stata confermata l’insussistenza dell’ipotesi associativa a carico dell’ex DG della Juve ed, al contempo, è stata ridotta la pena a suo carico ad un anno di reclusione (in primo grado la condanna era stata ad un anno e sei mesi).
Vero che la giustizia è lenta ma è altrettanto vero che, dopo l’assoluzione in primo grado per l’accusa di cui al 416 cp, ovvero l’associazione a delinquere, il castello accusatorio costruito dalla Procura della Repubblica Romana ha cominciato a sgretolarsi mostrando una serie di inaspettate debolezze.
Quanto al processo di Napoli, invece, si è aspettato per un anno il colpo di scena di un teste in grado di dare una svolta a questo giudizio ma nessuno dei testi d’accusa ha rilasciato dichiarazioni pregnanti nei confronti degli imputati che, a mio parere, si trovano, per il momento, in una situazione di favore processuale salvo colpi di scena.
Al contrario la difesa dell’imputato ha individuato alcune telefonate nei mesi passati che potrebbero esser determinanti ai fini del presente procedimentoé[…].
Quanto alla giustizia sportiva credo che, ove dovessero intervenire altre assoluzioni, dovrà necessariamente ripercorre, con maggiore cautela, tutta la vicenda che, nel 2006, è stata trattata in modo sommario per favorire la celerità di processi che avrebbero necessitato, invece, di maggiore attenzione e cura.
Dura lex sed lex dicevano i latini.

6 commenti

  1. inter, figc, gazzetta vergogne etiche e sportive.
    auricchio, narducci, baldini e nucini vergogne umane e professionali.

    vi accompagneremo alla tomba (mediatica)

  2. Se Moggi verrà assolto ci sarà da ridere e piangere per molti…Tuttavia ho delle domande a cui credo mai nessuno potrà rispondere:perchè la passata dirigenza e soprattutto la persona di John Elkann non hanno difeso la Juventus?Perchè Carraro è uscito intonso da questi processi e ora è presidente della Federazione Sci Nautico?Perchè è stata colpita solo la Juventus se era prassi comune da parte di tanti(Milan Inter e altri che non sono usciti per non incorrere in altri problemi giudiziari tipo querele e cose del genere perchè bisogna difendersi non accusare altri non è compito di un imputato)avere questo comportamente disinvolto verso i designatori?
    Un’ ultimo appunto.Sono un tifoso juventino da quando avevo 11 aa(1996),e nel 2006 quando uscirono le intercettazioni sulla Juve rimasi allibito.La condanna che,da tifoso si badi bene,reputavo fosse giusta per tutti coloro che intrattenevano rapporti con gli arbitri e designatori fosse la radiazione sia delle persone che delle società chiamate in causa.Credo anche oggi che la lealtà sportiva conti di più di una squadra una persona o una vittoria qualsiasi.Ma da quando è iniziato questo processo Moggi con la sua difesa ha squarciato il velo che copriva un ambiente del calcio simile a quello in cui il nostro povero paese versa:connivenze,collusioni,scambi di favore,lotte di potere tutto fatto in barba alla più semplici regole non solo dello sport,ma dell'”onesto vivere”..Ed il “bello”/”brutto” è che tutti lo facevano.TUTTI senza distinzione alcuna.Ovviamente tutto ciò di cui la Juve è stata accusata,la famosa cupola,di essere Moggi al capo di un sistema è stato ampiamente dimostrato falso ed infondato e la Juventus e Moggi hanno tutte le ragioni per essere discolpati da tutto ciò di cui sono stati accusati,di pretendere danni economici e morali perchè vittime di una GIUSTIZA SOMMARIA E INGIUSTA.Credo che tutto ciò sia non soltanto doveroso ma GIUSTO.Chiudo con una domanda:se il mondo del calcio non era pulito prima,con comportamenti sicuramente censurabili sotto il profilo dell’etica sportiva(chiamare un designatore non mi pare giusto,per essere chiari è come se un imputato chiamasse il suo giudice),oggi è pulito e migliore di prima?Ed è GIUSTO che sia così adesso?SEMPRE FORZA JUVE.

  3. ho ascoltato tutta la notte i file audio dell’arringa dell’avv. Prioreschi e posso garantirvi che gli ha smontato tutto e se tutto va come deve andare ci sarà da ridere.
    quest’avvocato ha le palle, l’ho ascoltato per 6 ore filate e alla fine era come se l’avessi ascoltato solo per mezz’ora talmente era coinvolgente la sua arringa. in certi punti divertente ma sempre molto pungente, l’avrei ascoltato per una settimana di fila senza accorgermi del tempo passato però cari amici ci andrei piano con gli entusiasmi perchè con la giustizia italiana c’è da aspettarsi di tutto e se non dovesse accadere quello che ci aspettiamo e soprattutto quello che è giusto che accada “assoluzione di Moggi & Co.” allora la giustizia dobbiamo andarcela a prendere noi in strada e nei palazzi. devono pagare tutti per quello che ci hanno fatto questi………….IMBROGLIONI

  4. Ma, vi rendete conto che hanno fatto di tutto per distruggere la Juve.
    Il rammarico di oggi è che la dirigenza non ha saputo difendere la Juve. Moggi, oltre ad essere un grande D.S., sta dimostrando di difendersi, smontando tutto il castello di sabbia costruito attorno a Lui e alla Juve. Grande Moggi !!! Fai bene a denunciare chi ha voluto la tua rovina e quella della Juve.
    Chiedi un risarcimento di 500.000.000 ml € …. perchè sei il numero 1.

  5. significa che hanno voluto distruggere la juve e il grande lucianone.
    denti gialli dovrà pagare e chi lo ha aiutato con lui…..

  6. aspettiamo l’assoluzione a Napoli…

    e poi scateniamo l’inferno…

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi