Andrea Agnelli a sostegno del Giappone: "Una terra a noi cara" | JMania

Andrea Agnelli a sostegno del Giappone: “Una terra a noi cara”

Andrea Agnelli a sostegno del Giappone: “Una terra a noi cara”

Dopo Alessandro Del Piero, anche la Juventus nella persona di Andrea Agnelli si schiera a favore delle popolazioni giapponesi colpite dal terremoto. Nella giornata di ieri si è tenuta a Roma una conferenza, promossa dal Sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri Stefania Craxi, cui sono intervenute molte delle più importanti realtà imprenditoriali del paese tra …

Dopo Alessandro Del Piero, anche la Juventus nella persona di Andrea Agnelli si schiera a favore delle popolazioni giapponesi colpite dal terremoto. Nella giornata di ieri si è tenuta a Roma una conferenza, promossa dal Sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri Stefania Craxi, cui sono intervenute molte delle più importanti realtà imprenditoriali del paese tra cui anche il numero uno di Corso Galileo Ferraris. Durante la conferenza, tenutasi alla Farnesina, è stata promossa la costituzione del Fondo di amicizia e solidarietà verso il popolo giapponese. Ecco il commento di Andrea Agnelli: “La mia presenza qui oggi ha una duplice valenza: professionale, ma anche personale, visto l’impegno di mio padre Umberto, e ringrazio l’onorevole Craxi per averlo ricordato, nello sviluppo delle relazioni di amicizia e di business con il Giappone. Lui ammirava il grande senso di disciplina e del dovere del popolo giapponese, amava la loro organizzazione e compostezza, doti che sono emerse anche in questo frangente così drammatico. Lo sport ha la forza per superare le difficoltà e mi auguro che la Federcalcio possa aderire all’invito di Zaccheroni, commissario tecnico della nazionale giapponese, per organizzare un’amichevole di solidarietà. La Juventus ha conquistato in terra nipponica il tetto del mondo per ben due volte e da parte mia garantisco l’impegno della società che rappresento affinché il mondo del calcio, con la sua straordinaria visibilità, possa aderire in forze all’appello odierno”.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi