Almiron: "Ringrazio Ventura e Del Piero. Se la Juve mi richiama, sono pronto!" | JMania

Almiron: “Ringrazio Ventura e Del Piero. Se la Juve mi richiama, sono pronto!”

Si è ripreso la sua Italia, quella della sana provincia calcistica, che regala affetto ed emozioni. Bruciatosi al fuoco della Juventus e poi rimbalzato tra le esperienze al Monaco e alla Fiorentina, Sergio Almiron mai si era rassegnato, non avrebbe abbandonato da sconfitto il palcoscenico scelto quando aveva appena 20 anni. Per il centrocampista argentino, …

4885718Si è ripreso la sua Italia, quella della sana provincia calcistica, che regala affetto ed emozioni. Bruciatosi al fuoco della Juventus e poi rimbalzato tra le esperienze al Monaco e alla Fiorentina, Sergio Almiron mai si era rassegnato, non avrebbe abbandonato da sconfitto il palcoscenico scelto quando aveva appena 20 anni. Per il centrocampista argentino, è Bari la nuova destinazione paradiso. Qui è rinato quel protagonista che, a Udine e soprattutto a Empoli, incantava con colpi geniali. «Sono tornato ai livelli di Empoli, dove, grazie al tecnico Somma, mi sono espresso al meglio per tre stagioni — dice Almiron, 29 anni in questi giorni tornato con la famiglia in patria, a Rosario —. Quando avverto la fiducia dell’ambiente, mi trasformo. Era successo a Udine ed Empoli, così ora a Bari. Qui società, compagni e tifosi mi fanno sentire importante. E soprattutto ho incrociato di nuovo Ventura, vero maestro di calcio. Ho ricominciato a godere pure negli allenamenti. A Bari sono rinato».

Se ne è accorta pure la Juventus, contro la quale ha vinto e segnato.

«Volevo dimostrare le mie qualità, dopo aver perso l’opportunità di conquistare un posto nella Juventus. Non parliamo, però, di vendetta, tant’è che non ho gioito e ho anche chiesto scusa a Ferrara. Con me si è comportato in modo esemplare: la scorsa estate, Ciro è stato correttissimo, comunicandomi che non rientravo nei suoi programmi».

Dei suoi ex compagni bianconeri, chi le ha fatto i complimenti?

«Al San Nicola Del Piero si è congratulato con me. Alex è il compagno più forte con il quale ho giocato: continuo a sentirmi con lui, mi basta un suo sms per essere gratificato dalla sua amicizia».

Legato alla Juventus sino al 2011, è in prestito al Bari. Lo sa che il club di Matarrese sta cercando di acquistarla a titolo
definitivo?

«Sarei felice di proseguire l’avventura nel Bari. Se Matarrese e Perinetti mi proporranno un contratto pluriennale, valuterò con entusiasmo l’offerta. Il Bari in Europa? Salviamoci, poi sogneremo».

E se, invece, la Juventus le concedesse un’altra chance?
«Sono vincolato alla Juventus sino al giugno 2011. Se mi richiamasse a Torino, tornerei a testa alta e più sicuro dei miei mezzi. Nella breve parentesi nella Juventus, anch’io ho commesso errori: ho sbagliato amollare, a un certo punto mi sono quasi arreso».

C’è unallenatore che l’ha penalizzata nella sua esperienza italiana?
«Perché dovrei fare polemica? Qualcuno saprà se mi ha aiutato o meno. Certo, Ventura mi ha ricaricato, affidandomi un  ruolo importante nel suo progetto. E’ un piacere far frullare la palla, come ripete spesso l’allenatore. E’ cambiato dai tempi in cui eravamo nell’Udinese: ora cerca più il dialogo con i giocatori. Impartisce lezioni straordinarie: anche contro le grandi il Bari impone il suo gioco».

Bocciato da Juventus, solo 9 presenze, e Fiorentina, appena 11 gettoni, ha pensato di lasciare l’Italia?
«Mai. Qui c’è il campionato più bello e prestigioso delmondo; vorrei chiudere la carriera in Italia. Con mia moglie
Alexandra e i tre figli, Flor Celeste, Kilor e Rosario, siamo ormai inseriti benissimo. Anche nei momenti difficili, ho puntato sul mio riscatto. Sono pronto a scommettere che, grazie al Bari, avrò un futuro migliore: sì, faccio ancora in tempo a meritarmi un’altra chiamata da un grande club».
(Intervista de La Gazzetta dello Sport)

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi