Allenare con una pistola puntata alla schiena | JMania

Allenare con una pistola puntata alla schiena

Allenare con una pistola puntata alla schiena

(Di Alessandro Magno) Cominciamo dalla fine . Mamma mia, menomale che si è vinto! Qualcuno dirà che non c’è nulla di strano a sperare che la propria squadra vinca e che è normale essere contenti della vittoria contro la Fiorentina, ma io lo sono di più questa volta e per un motivo preciso. Intanto vi …

(Di Alessandro Magno)
Cominciamo dalla fine . Mamma mia, menomale che si è vinto!
Qualcuno dirà che non c’è nulla di strano a sperare che la propria squadra vinca e che è normale essere contenti della vittoria contro la Fiorentina, ma io lo sono di più questa volta e per un motivo preciso. Intanto vi dico che ero allo stadio e ho visto un gran primo tempo dove però si è sprecato veramente troppo, tanto che anche io come tutti temevo di prendere il gol appena avessimo avuto un calo di tensione,  cosa che puntualmente è avvenuta . Anche io ho visto però che la squadra poi si sia rimboccata le maniche e si sia andata a cercare un nuovo vantaggio meritatissimo. Infine, come tutti ho temuto in una nuova beffa nel finale su mischia o “gollonzo” che dir si voglia, cosa che fortunatamente non è accaduto. Ma veniamo al dunque: negli ultimi minuti della partita a una cosa pensavo costantemente: “speriamo che ‘sti viola non pareggiano se no povero Conte, al minimo gli rimprovereranno del perché non è entrato Del Piero”. Torniamo a due giorni prima.
Fortunatamente contro il Genoa si era appena giocato e cosi il tempo trascorso fra le due partite è stato breve,  ma vi assicuro che  è stato molto intenso. Ho passato due giorni  a discutere con amici sul perché Del Piero avesse giocato solo sette minuti, sul fatto che Conte non capisce una mazza, sul fatto che molti giocatori non siano da Juve, sul perché non abbiamo preso Capello. Amici che volevano buttare l’abbonamento, che mi han ringraziato perché non siamo andati a vedere Juve-Genoa e altre cose  cosi…
Non una critica sul come mai la Juve avesse mollato in quei dieci minuti finali col Genoa, ma una specie di attacco collettivo di panico del tifo, o comunque di quelli che conosco io. Altra cosa che mi dà ampiamente fastidio è il fare per ognuno dei nostri giocatori il gioco dei figli e dei  figliastri. Allora se mi piace Krasic e non gioca tutti gli altri fan schifo, oppure se non c’è Del Piero almeno una mezzoretta la partita non ne vale la pena di seguirla. Chiellini se sbaglia è scarso sempre, pure quando salva un gol, così anche per Storari ecc…
La cosa spiacevole è che questo l’ho riscontrato anche allo stadio. La bomboniera che avevo lasciato in Juve- Bologna, in Juve-Fiorentina non era propriamente la stessa cosa. Non mi riferisco alla curva, encomiabile anche questa volta nello zittire il tifo viola, ma parlo di tutto il resto dello stadio (io ero in tribuna laterale est). Qui non si tratta di cantare delle canzoni che magari son un po’ lunghe e coreografiche, che magari conoscono solo gli Ultras, ma del semplice partecipare a un “chi non salta fiorentino è…”. Ragazzi, se non facciamo nemmeno questo statevene a casa, non è che qualcuno è venuto allo stadio pensando di essere a teatro? Che poi gli stessi che non saltellano, la voce per insultare Bonucci o Chiellini preventivamente, magari per un controllo un poco sporco la trovano.
In campo vanno undici maglie bianconere. Che giochi Tizio oppure Caio, dobbiamo incoraggiarli dal primo all’ultimo minuto. Abbiamo lo stadio “all’inglese” ma il tifo “all’inglese” mi pare si stia ammosciando un poco. E poi soprattutto dove sta il motivo? Perché si è pareggiato troppo? E non è che si può pensare che Antonio Conte sia il Messia sceso dal cielo che avrebbe preso la Juve e avrebbe fatto una cavalcata trionfale dalla prima all’ultima giornata fino allo scudetto. Un poco più di stabilità emotiva a un po’ di tifosi non guasterebbe.
Capisco i diversi anni di sofferenza a cui non eravamo abituati, li ho vissuti anche io, ma il lavoro del tecnico fino ad ora mi pare abbastanza soddisfacente. Magari anche migliorabile perché no, ma sicuramente positivo. Se non sbaglio siamo gli unici a non avere perso, siamo primi e comunque sempre fra i primi, abbiamo quasi sempre messo sotto tutte le squadre che hanno giocato contro di noi sul piano del gioco e del ritmo, abbiamo mostrato in alcuni frangenti un gioco che non si vedeva da tempo, fatto di fraseggi, non buttato via la palla, riconquistato la medesima con un bel pressing a tutto campo.
Eccetto dieci minuti contro Genoa.
Non penso che se fossero arrivati Capello o Lippi in otto giornate avrebbero potuto fare tanto meglio, un paio di punti in più un paio in meno, ma nulla più. Nessuna ha la bacchetta magica.
Questa Juve lo so anche io che non è fortissima e manca un poco di qualità, ma se ci mettiamo anche noi a remare contro non la aiutiamo per niente e costringiamo il nostro tecnico ad allenare sempre sotto esame, con una pistola puntata alla schiena pronta a sparare al minimo passo falso. Già siamo sotto assedio da tutte le parti, dallo stadio ai processi per Farsopoli, gli scudetti, gli arbitri ( in otto partite nemmeno un rigore, né un’espulsione a favore), ci mettiamo anche noi a tenerli sotto assedio, ci facciamo solo del male.
Ora si va a Milano, non è ne la partita della vita, né quella che salva una stagione. Non me ne frega niente di queste cavolate. Questa è roba per ‘’loro’’, per noi son solo tre punti. Poi i conti si fanno alla fine . Conte ha detto che il primo obbiettivo da raggiungere è tornare ad essere “Juve”. Diamogli una mano!

[youtube width=”540″ height=”370″]http://www.youtube.com/watch?v=WhfwBDtIbM4[/youtube]

17 commenti

  1. @Alessandro anche a me danno molto fastidio questi isterismi e sono contento che ci sia qualcuno tra NOI che lo faccia notare.Credo comunque che bisogna puntare,per rintuzzare un pò questo atteggiamento,che tu,vista la tua frequentazione dello stadio e quindi anche dell’umore juventino,definisci maggioritario,nel ricordare che potrebbe andare veramente tutto a scatafascio.Considerando inoltre la situazione economica in cui versano le casse societarie,un’altra stagione fallimentare preannuncerebbe un lungo periodo di anonimato se non addirittura peggio!Quindi CARI AMICI BIANCONERI fiducia fiducia fiducia a Conte,ai giocatori e alla società e vedrete che saremo ripagati!NON FACCIAMOCI DEL MALE DA SOLI!

    ps:incrociamo le dita per domani sera(non aggiungo altro!) e FORZA JUVE SEMPRE!

  2. arpharazon grazie mille sono io che ringrazio voi per il minuto che perdete a leggere i miei scritti. Come ho gia’ detto anche per mino quando poi si fanno delle disamine come le vostre e’ molto bello parlare di calcio, si puo esser anche non daccordo ma almeno si stimola la discussione, purtroppo son dovuto tornare a ripetermi su questi argomenti perche’ noto come la maggioranza dei tifosi sia monopensiero. si vince “tutti forti” si pareggia “tutti scarsi” ……questo mi spiace. Finche si e’ “cretini” diciamo in proprio mi va pure bene ‘ se li conosco li evito, ma se poi diventa un umore collettivo che mi va a remare contro la squadra questo mi da proprio fastidio.
    Non ne abbiamo mai avuti di questi isterisimi era roba da interisti eh eh. lo sfascisimo a cui ti riferisci proprio mi da noia.
    concordo poi molto su quanto hai scritto anche se resto molto prudente sul fatto che alla lunga potremmo lottare per vincere lo scudetto.
    Devo dire che non vedo ancora una juve cosi matura, se no concretizzerebbe di piu e subbirebbe meno ma il fatto che si puo migliorare molto e la debolezza delle altre mi fa sperare di poter giocare un ottimo campionato e magari andare in champions
    Che non mi sembrerebbe male per quest’anno.

  3. @Alessandro Magno pienamente d’accordo con te(non è la prima volta!) e come sempre bello leggere i tuoi articoli.Purtroppo devo constatare che tali argomentazioni sono state già affrontate da te in precedenti articoli,sintomo di una situazione,tra NOI BIANCONERI,che continua a perdurare.C’è infatti troppo pessimismo,a mio giudizio,nella tifoseria juventina acuito da una virulenta e perniciosa pedanteria nel sottolineare ogni minimo errore,ogni sbavatura;di contro mancano soddisfazione e godimento per una squadra che finalmente lotta,che ha un’anima,che gioca a calcio piuttosto che fare barricate come fanno altri che,in cambio,ricevono elogi sperticati,che ha un nocchiero, piaccia o non piaccia,BIANCONERO come NOI,che è prima e solitaria in classifica cosa che non accadeva dal funestissimo e farsopoliano 2006.Prevale in effetti un integralismo sfascista,figlio di passate e magre annate dunque anche comprensibile,confuso,per risentimento,con il diritto di critica.Credo che ci servirebbero maggiore equilibrio ed educazione sportiva nel considerare il gioco del calcio un divertissement,una distrazione,un intrattenimento capace anche di fornire emozioni forti,ma nulla più.Purtoppo il calcio(parlo in generale)è affetto ormai da tempo da quest’annoso,e forse indebellabile, errore di valutazione culturale:come per la religione o la politica,ognuno ha la sua fede,ognuno ha la sua verità,quella è e quella deve essere.Mi voglio quindi allontanare da queste diatribe inconciliabili tra tifosi e,portando la discussione su un piano pratico piuttosto che teorico,l’obiettivo della mia riflessione è sottolineare quanto sia malsano e pericoloso,in termini meramente sportivi ovviamente,continuare ad attizzare il fuoco della polemica interna che crea,in definitiva,un clima di tensione spropositato e sproporzionato alla situazione attuale della Juventus,e che,alla lunga ,potrebbe sfociare nel disastro sportivo(sempre dietro l’angolo!)che provvederà ad annullare ogni fazione.Ricordo dunque a tutti NOI BIANCONERI,che poi sarà il dispiacere ad accomunarCI!In ogni caso spero che la Juventus possa provvedere a suon di vittorie(da agosto sostengo che si può lottare per lo scudetto fino alla fine!)a scacciare i fantasmi del passato e i mugugni del presente,per la Juventus e per NOI BIANCONERI,che di atrabile ne abbiamo ingoiata fin troppa ormai!SEMPRE FORZA JUVE!

  4. grazie simba effettivamente e’ difficile reperire i biglietti. le curve son praticamente tutti abbonati e le tribune costicchiano . Se si va in due adulti e un ridotto e’ facile spendere 100 euro per una partita. Devo dire che pero’ lo stadio e’ molto molto bello si vede benissimo e se il tifo come mi auguro , dovesse essere sempre come quello che ho visto a juve bologna e’ una cosa da vedere. Li mi sembrava davvero di stare in un arena. Alla squadra io ho poco da rimproverare fino ad oggi se non alcuno errori nei singoli sia davanti che in difesa che a volte ci son costati dei punti. Roba suL quale conte giustamente deve lavorare, pero’ e’ giusto anche sottolineare che nessuno in 8 partite ci ha messo sotto. Addirittura in juve fiorentina si e’ fatto un primo tempo stile barcellona con percentuali bulgare di possesso palla e dove li abbiamo presi letteralmente a pallonate. Cosa che ha riconosciuto anche mihajlovic

  5. Grande Alessandro Magno questo pezzo dovrebberlo leggere alcuni Tifosi Che vanno allo stadio e Che forse non si rendono conto Della fortuna Che hanno di entrare nel COLOSSEUM STADIUM a vedere I nostri gladiatori…io non ci sono ancora riuscito nonostante sia lontano da me 500m.. A voi Che entrate Sentitevi fortunati e sentitevi parte della squadra,perche non abbiamo Amici

  6. @Aleassandro Magno condivido ogni virgola dell’articolo che hai scritto.Purtroppo ricordo che ha già dovuto esprimere tali argomentazioni in precedenti articoli.C’è un’aria di pessimismo tra NOI BIANCONERI,una virulenta e perniciosa pedanteria nel sottolineare ogni ogni errore,ogni sbavatura,non c’è soddisfazione e gusto,nè tantomeno godimento,per una squadra che finalmente lotta,che ha un’anima,che gioca a calcio da squadra senza fare barricate al contrario d’altri che in cambio ricevono sperticati elogi,che ha come nocchiero,paccia o non piaccia,un BIANCONERO come NOI,che è prima e solitaria in classifica,cosa che non accadeva dal funestissimo anno del Signore 2006.Nonostante tutto ciò prevale un integralismo sfascista confuso per diritto di critica.Purtroppo credo che sia un male indebellabile dal calcio:come per la religione(il calcio lo è forse anche di più!),ognuno ha la sua fede,ognuno la sua verità e non può essere che quella e nessun’altra.Servirebbero educazione sportiva ed un pò d’equilibrio nel considerare il calcio quello che realmente è:un divertissement,una sana distrazione,un piacere che può dare anche emozioni forti e nulla di più.Servirebbe fiducia per una squadra che,fino adesso,ha dato più soddisfazioni che dolori,piuttosto che la smania di darsi la zappa sui piedi.Servirebbero appunto…spero comunque che le vittorie di questa squadra(da agosto sostengo che la Juve può lottare per lo scudetto fino alla fine)prendano a calci i fantasmi del passato e i mugugni del presente,per il resto preferisco ormai desistire da queste diatribe inconciliabili.Ricordo solo che il disastro è sempre dietro l’angolo,e nel caso succeda,in questo caso non ci saranno più fazioni e il dispiacere riguarderà tutti NOI BIANCONERI!

  7. ragazzi scusate alcuni errori di battitura ma spesso commento da cellulare 😉

  8. mino come sempre i tuoi commenti stimolano la discussione . Anche io non amo ti devo dire l’atteggiamento da invasato di conte ma devo dire che uno è come è preferisco che isa cosi pittosto che finga di esser qualcun altro. Su krasic davvero non so cosa gli si possa rimproverare se non piuttosto di averci insistito tanto e averlo sottoposto contro il Genoa a fischi preventivi di cui parlo nell’articolo. Adesso Conte lo ha tolto dalla mischia ma in conferenza stampa ha sempre parlato bene di Milos e di un ragazzo su cui conta e cercherà di rexuperare cosi come ha sempre difeso Chillini. Mi pare stia cercando di far quadrato intorno ai suoi giocatori , daltronde non potete pretendere che giochi sempre in 10 per insistere su Krasic, il serbo deve fare pure lui qualcosa di suo per darsi una mossa. Allena anchealtri 2o ragazzi .
    Del Pietr grazie a te , io cerco sempre di rispondere a chi commenta i miei articoli anche aquelli che a volte non son daccordo con me mi piace chiacchierare delle ”cose nostre” 😉 te lo volevo dire già oggi mam i è sfuggito dammi pure del tu che non mi piace il lei.
    bennuz grazie a te dei complimenti ……….non vedo l’ora dei bagni di piazza ma sono scaramantico e per ora incorcio le dita 😉

  9. Caro Alessandro Magno è un piacere leggere un articolo e non poter che approvare in pieno dalla prima all’ ultima parola, non tanto per il singolo periodo o situazione raccontata ma per lo spirito che lo anima.
    Credo che le ultime stagioni abbiano lasciato un po’ di risentimento e diffidenza nei cuori di molti tifosi bianconeri e che come succede ad un amante tradito tendano a volte a cercare un buon motivo per sfogare il risentimento per l’amata piuttosto che una sana pacificazione.
    Forse per riconciliarci tutti dovremo aspettare i primi bagni di folla in piazza , le macchine con la bandiera della Juventus che strombazzano da nord a sud della penisola ed una terza stella cucita sulle maglie di casa nostra.
    Nel Frattempo io continuo a cantare “Ovunque” anche se sono a casa in piedi sul divano ed a rischiare querele perchè i vicini interisti non sopportano le mie esultanze esagerate.

  10. Ringrazio Al. Magno non solo per l’ottimo ed equilibrato articolo, ma soprattutto per l’attenzione dimostrata nei commenti dei lettori (cosa che non viene quasi mai presa in considerazione da altri articolisti se non per es. Antonio Corsa) dimostrando rispetto per chi legge il loro lavoro.
    Grazie

  11. La crisi che sta attraversando questo Paese, non risparmia nemmeno la tifoseria, tantomeno quella delusa da anni di vacche magre, come quella juventina. Ma sopratutto è confusa ed incerta di fronte a segnali, incoraggianti, ma ancora contraddittori…partite convincenti, come quella contro il Milan, seguite da prestazioni non esaltanti che a volte ricordano il recente passato. Lo stesso atteggiamento
    di Conte, frenetico e nervoso, più del normale, la sensazione che da di mancanza di coraggio ma sopratutto di fiducia, quell’atteggiarsi alla brutta copia di Mourigno, oltre che discutibile, crea un inevitabile disagio.
    Dovrà passare un po di tempo prima che si reinstauri quel clima che una campagna di odio e di denigrazione, ha fortemente minato. I tifosi hanno le loro, ma di colpe da farsi perdonare, a me sembra ne abbia di più una certa dirigenza, e la prospettata liquidazione di una brava persona, come Krazic, accomunato ad altri personaggi di diversa immagine, non aiuta a coltivare quell’attaccamento alla squadra che un tempo ogni società ricercava con priorità. Se non riesce a collimare con i desiderata di Conte, certamente si dovrà intervenire, in vari modi, per cercare di recuperare un giocatore che qualche cosa ha mostrato di saper fare e dare…Parlare già di dismetterlo, mi sembra francamente prematuro…. Occhio…di errori ne sono stati commessi, troppi e troppo grossi….

  12. buon giorno a tutti.
    sicano nemmeno io sono un fans accanito del tifare in curva il ”saltellare’ è unesempio ma anche solo il gridare ”juve,juve” tutti insieme invece che solo la curva sai fa la differenza . lo stadio è 4 volte maggiore della curva . io ho scritto qui su juvemania un pezzo dopo juve bologna che descrivevo le sensazioni provate a stare dentro questa bolgia credimi è stata un esperienza commovente ed emozionanate questo mi piacerebbe fosse semprel o stadio nostro spero che conte coninui a insistere nel richiederlo prima che finisca come il delle alpi.
    del piter blast il processo non lo guardo ma il fatto che dopo un pari l’80% si dichiarasse a sfavore di conte la dice lunga . e pensa se si perdfeva che in quei 10 minuti poteca assolutamente accadere. Molti non mettono in conto che c’è anche una parte della partita che è mossa dal caso. Nel calcio capita attacchi per 90 minuti e non segni e gli altri in un azione ti puniscono, ma il giudizio complessivo comunque per conto mio deve esser sempre piu sereno.
    il video che ho messo lo volevo doppiare ma non avevo tempo ma con un po di fantasia pensando a juve invece che siena rende bene l’idea.
    cosimo non so se dobbiamo ritornare ad esser tifosi da juve o forselo dobbiamo diventare proprio una volta per tutte , siam stati sempredei tifosi viziati, abituati troppo bene ,ma avevamo squadre che ce lo consentivano. sicuramente se voglaimo bene alla juve dobbiamo fare la nostra parte per bene

  13. Cosimo_fino alla fine

    <>

    Forse anche per il tifo juventino vale quanto detto. Il primo obiettivo che dovremmo porci è, amche per noi, tornare ad essere da Juve, il che equivale a dire tornare ad essere di gran lunga la migliore tifoseria (intesa in ogni sua parte) d’Italia. Forza Juve

  14. DelPiter,il proCESSO di biscardi è spazzatura totale,e considera che ai televoti possono partecipare anche tifosi di altre squadre.Detto questo,la cosa più ripugnante di tutte è vedere che tifosi della tua squadra non fanno altro che criticare e vomitare cattiverie giusto per il gusto di farlo.Nel caso in cui questi ragazzi e questo allenatore dovessero ottenere un qualche risultato,vedrai come saranno pronti a salire sul carro dei vincitori,e magari diranno che le loro critiche erano persino costruttive.CONTE uno di noi!

  15. Approvo interamente quello che Lei ha scritto; in Italia manca la cultura del tifo (quello che ti permette di andare allo stadio per far festa), per gioire con la tua squadra per sostenere sempre e comunque i tuoi beniamini durante la gara e a volte anche piangere con essa (sempre a fine partita mai durante), e per gridare più dei tifosi avversari la propria appartenenza senza mai offenderli.
    Guardando a tratti il Processo di Biscardi Lunedì 24/10 dopo il 2-2 con il Genoa ad un sondaggio se Conte fosse o no un allenatore da Juve mi sono sorpreso che alla fine l’80% dei sondaggi avesse bocciato Conte; se l’avessero fatto dopo la vittoria sulla Fiorentina sarebbe stato esattamente l’opposto (e se la Juve vince a Milano sabato 27/10 come verrà giudicato Conte che già dopo la vittoria col Milan dai più era considerato colui che più aveva innovato e ripristinato lo spirito Juve).
    Qui sta la mancanza di maturità del tifo in Italia, certamente veicolata da trasmissioni come il processo di Biscardi od altro (basta guardare i personaggi che vi partecipano come il dr Taormina, Elio Corno, Solaroli ed altri che istigano sicuramente la discussione allo scontro estremo, al chi grida di più ed alla fine questo loro modo di comportarsi diventa motivo di imitazione anche per i tifosi.
    Conte ha fatto molto e può fare ancora molto ma soprattutto ha ridato alla Juve dignità, un gioco, determinazione, appartenenza, entusiasmo, credibilità, rispetto.
    Mai avevo visto mettere sotto il Milan con il gioco come ha fatto la Juve, o come il primo tempo con la Fiorentina, e questi sono solo segnali di quello che potremo diventare se tutti facciamo la nostra parte compreso noi tifosi che dobbiamo sostenerla la Juve, soprattutto nei momenti di difficoltà (che ci saranno) perchè tutti sono bravi a sostenere la propria squadra quando le cose vanno bene ma i veri tifosi si distinguono sulle tribune soprattutto quando le cose non girano per il verso giusto.
    Abbiamo ancora molto da imparare ma, noi che siamo stati primi in quasi tutto (meno le C.Campioni e C.Intercontinentale) con la nostra nuova casa possiamo essere i primi a creare una nuova cultura del tifo (più a sostegno che contro) e dare una vera lezione di sportività di civiltà e di vita.
    Sursum Corda

  16. Eh già,non mi dire!

  17. finalmente quello che volevo sentire dire, sembra la trascrizione del mio pensiero, unica cosa che magari dissento un po’, purtroppo abito lontano da Torino, non posso andare allo stadio a vedere la Juve la seguo in TV, su sky purtroppo ma mi piace la qualità video, ma le volte che sono stato allo stadio magari non SALTAVO, ma ho sempre tifato pro Juve mai contestato, incazzato ma sempre a tifare e poi a mente fredda in modo il più possibile obiettivo per un tifoso fatto le disamine della partita!!! Durante la partita mi isolo e guardo la partita…sono anarchico nel tifo 🙂

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi