Allegri: "Pogba domani a Vinovo, chi gioca contro il West Ham"

Allegri: “Pogba domani a Vinovo, ecco chi gioca contro il West Ham” (Video)

Allegri: “Pogba domani a Vinovo, ecco chi gioca contro il West Ham” (Video)

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, ha parlato oggi in conferenza stampa alla vigilia dell’amichevole di Londra contro il West Ham

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, ha parlato oggi in conferenza stampa alla vigilia dell’amichevole di Londra contro il West Ham. Dopo la tournée in Australia e Hong Kong, sarà il primo test nel quale il tecnico toscano avrà a disposizione quasi tutto il gruppo.

“Avremo di fronte una squadra che ha giocato il preliminare di Europa League, che sicuramente è davanti a noi nella condizione atletica. Verranno via tutti, eccetto Lichtsteiner che stamattina ha avuto un problema alla schiena, quindi si è fermato e abbiamo preferito lasciarlo qui a recuperare e a lavorare”.

Per anticipare tutte le domande dei giornalisti presenti in sala, Allegri anticipa poi la formazione che scenderà in campo dall’inizio contro i londinesi.

“Domani giocheremo a quattro. Dani Alves, Benatia, Rugani, Alex Sandro; Pjanic, Lemina, Asamoah; Pereyra; Dybala, Mandzukic. In porta gioca Buffon, faranno un tempo per uno con Neto”.

A chi gli chiede se abbia a disposizione la squadra più forte mai allenata, il tecnico bianconero risponde così.

“Sono pochi giorni che lavoriamo insieme – continua – e tra l’altro i giorni sono stati spezzettati perché abbiamo giocatori che è un mese che lavorano e giocatori che lavorano da dieci giorni. Abbiamo fatto alcuni allenamenti tutti assieme, alcuni ancora divisi. Il valore della squadra a livello tecnico si è notevolmente alzato. Questo non vuol dire che abbiamo lo Scudetto in tasca, abbiamo la finale di Champions, assolutamente no. Troppe volte, tutti gli anni, a luglio tutti vincono i campionati. Alla fine noi dobbiamo avere la consapevolezza di essere una squadra forte, ma soprattutto dobbiamo avere l’umiltà che per vincere il campionato, soprattutto per arrivare a marzo dentro le competizioni e lottare per la vittoria in tutte e tre le competizioni, bisogna essere coscienti di questo e avere l’umiltà per poter far questo, perché nessuno ci regalerà niente. Troveremo soprattutto delle squadre agguerrite che cercheranno di capovolgere quello che è ad ora, la Juventus favorita per lo Scudetto. Ora, ripeto, tante squadre vincono gli Scudetti, poi gli Scudetti però si vincono a maggio… quest’anno il 31 di maggio se non sbaglio”.

Allegri, Higuain e il cambio di modulo

I tifosi non vedono l’ora di ammirare in campo Higuain con la maglia bianconera. Domani subentrerà con ogni probabilità nella ripresa.

“Lo vedremo in campo per qualche minuto? Per più di qualche minuto. Le impressioni su Higuain, non solo su Higuain, la Juventus ha fatto un ottimo mercato perché sono arrivati cinque giocatori nuovi e di grande valore, che hanno aumentato il livello tecnico di questa squadra, ma inserire cinque giocatori non è mai semplice: uno perché ci sono caratteristiche ben diverse da quelli che avevamo; due per la conoscenza tra di loro, quindi ci vuole un po’ di tempo; quest’anno è normale che bisogna essere più veloci perchè l’anno scorso ci abbiamo messo dieci partite, anche se ad agosto avevamo vinto la Supercoppa”.

In questi giorni si è parlato tanto di possibili nuovi moduli per la Juventus. Domani si parte con il 4-3-1-2, ma non sono escluse altre soluzioni. Ovviamente, i giocatori che sono arrivati danno più soluzioni ad Allegri, che non può che essere felice.

“Sono giocatori che… Dani Alves è in coppia con Lichtsteiner, che si giochi a tre o a quattro; Pjanic è un giocatore che può giocare davanti alla difesa, da mezzala, anche se ritengo che il suo ruolo più giusto sia quello davanti alla difesa, anche perché è un giocatore che deve stare sempre dentro il gioco. Pjaca è un ragazzo giovane che ha grandissime qualità, può giocare da esterno e può giocare da trequartista; Benatia lo conoscete perché ha giocato molto nel campionato italiano; Higuain capocannoniere dell’ultimo campionato, quindi è un giocatore che insieme a Mandzukic, Dybala, Zaza e allo stesso Pjaca completa un reparto d’attacco molto forte”.

Quanto alla questione Pogba, il tecnico dei campioni d’Italia liquida la questione molto facilmente:

“Giustamente Mourinho dice che non parla di Pogba perché è un giocatore della Juventus, io infatti Pogba l’ho convocato insieme a Evra per domani sera, quindi lunedì ha allenamento qui a Vinovo. Parlare di eventuali sostituti di Pogba al momento non ha senso, perché al momento Pogba è un giocatore della Juventus”.

Con gli acquisti effettuati questa estate, al netto della possibile cessione di Pogba, i tifosi si attendono una Juve assoluta protagonista in Europa…

“Come ho detto spesso – sottolinea ancora Allegri – , dalla prima volta che sono arrivato alla Juventus e ho parlato di Champions, la Champions è una competizione a sé, è normale che più alzi il livello tecnico della squadra, più aumentano le probabilità di poter lottare per la Champions. La Champions si decide a marzo e a marzo bisogna arrivarci nelle condizioni ideali sia a livello fisico che a livello mentale. Soprattutto ci vuole anche un po’ di buona sorte, perché se il giorno prima ti si ammalano quattro di influenza, è normale che hai quattro giocatori in meno per la Champions. Quando giochi un’andata e un ritorno in Champions, non hai la possibilità di rifarti, quindi gli episodi diventano decisivi. La Juventus ha sempre avuto l’obbligo di puntare al massimo, perché ognuno di noi deve avere l’ambizione di alzare l’asticella e arrivare al massimo obiettivo. Infatti, non più tardi di un anno e mezzo fa, la Juventus ha giocato una finale di Champions”.

Quanto a Marchisio, infine, il tecnico smentisce le voci di un rientro ritardato addirittura a dicembre-gennaio.

“Il recupero di Marchisio sta procedendo bene. Ha cominciato a correre, ha toccato la palla. Io credo che al momento sia stimato intorno a ottobre. Che poi tra l’inizio di ottobre e la fine di ottobre, c’è una differenza di 30 giorni, quindi mettiamo metà ottobre”.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi