Interviste Primo Piano Video

Allegri: “Juventus-Palermo da vincere e basta”

allegri juventus-palermo
Scritto da Redazione JM

Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Palermo-Juventus, anticipo della 25.a giornata di Serie A 2016-2017

Massimiliano Allegri in conferenza stampa alla vigilia di Juventus-Palermo: il tecnico bianconero ha subito chiarito che la squadra ha la testa solo al match di venerdì sera. Ci sarà tutto il tempo per pensare al Porto e all’andata degli ottavi di Champions League. Turn over sì, dunque, ma moderato perché il campionato rimane il principale obiettivo dei campioni d’Italia:

“Per la formazione – le parole riportate da ‘Sportmediaset’ – domani c’è una partita di vincere. Il Palermo da quando è arrivato Lopez sta andando bene non concede spazi. A meno 14 non si può scherzare”.

Quanto agli undici che andranno in campo dal primo minuto, Allegri chiarisce che Pjanic ha smaltito la botta di Cagliari.

“Sta bene, e il dottore non mi ha chiamato. Difesa? Rugani, Bonucci e Benatia stanno bene, e Bonucci ha bisogno di giocare. Per Leo 300 in serie A traguardo importante. Uno tra Benatia e Rugani giocherà. Marchisio? Deve crescere e lo troveremo in ottime condzioni tra un mese. Khedira si adegua alla velocità della partita. Dani Alves ha questi mesi per integrarsi. Per lui il Palermo è un test importante. Per sostituire Mandzukic o Sturaro o Pjaca, ma lui deve capire che deve anche sacrificarsi. Pjaca deve capire che deve pedalare. Deve determinare sul piano tecnico, ma deve fare tutte e due le fasi, e fare fatica”.

Allegri e i risultati di Champions

Tra sorprese e conferme, ecco il parere di Allegri sui primi ottavi di finale di Champions League:

“Il Paris Saint Germain mi ha stupito. Il Napoli mi ha stupito. C’è da fare i complimenti, secondo me hanno fatto una buona partita. Il Real ha giocatori di livello altissimo. Basta vedere cosa ha fatto Modric. Noi bisogna essere all’altezza a livello mentale del Bayern e del Real. Il Bayern è duro da battere, hanno carattere. Dobbiamo spingere molto e aumentare la qualità del gioco. Noi tra le favorite? Abbiamo cambiato sistema di gioco e abbiamo il dovere di lavorare per passare il turno. Porto pericoloso e non è un ottavo da sottovalutare”.

Quanto al record di vittorie, 75 su 100 panchine, il tecnico toscano ricorda come alla fine contino i trofei…

“Sono più contento se centriamo obiettivi. Numero di punti lascia il tempo che trova. Sesto scudetto sarebbe leggenda”, conclude.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi