Allegri | Atalanta Juventus | Conferenza stampa | Video

Allegri: “Inter sconfitta salutare” (Video)

Allegri: “Inter sconfitta salutare” (Video)

Massimiliano Allegri ha parlato oggi in conferenza stampa alla vigilia di Atalanta Juventus, match valido per la 28.a giornata di Serie A

Massimiliano Allegri ha parlato oggi in conferenza stampa alla vigilia di Atalanta Juventus, match valido per la 28.a giornata di Serie A. Messa alle spalle la semifinale di ritorno di Coppa Italia contro l’Inter, i campioni d’Italia devono stare molto attenti ai nerazzurri di Edy Reja, che venderanno sicuramente cara la pelle:

“La sconfitta di mercoledì è stata salutare dal punto di vista mentale – esordisce Allegri – . Venivamo da 21 match senza perdere ed è stata indolore, perché abbiamo centrato la finale. Con l’Atalnta sarà diverso, sarà una gara complicata. In casa la Dea gioca sempre bene. Abbiamo solo un risultato a disposizione: vincere”

In vista di domani, Allegri fa il punto sulle condizioni di Sturaro, Marchisio e Chiellini:

“Sturaro ha un problema all’alluce che non gli consente di indossare le scarpe. Marchisio sta bene. Chiellini sta recuperando, vedremo se sarà disponibile per il Sassuolo, ma sarà difficile. Il reparto d’attacco non è una corsa a ostacoli, dove uno sorpassa l’altro. Zaza, Dybala, Mandzukic e Morata sono importanti tutti e quattro e i loro gol ci porteranno a vincere lo scudetto. Pereyra? Non l’ho tenuto a riposo con l’Inter, è stato l’andamento del match. La partita si è incanalata in un modo e non ho avuto la possibilità di farlo entrare. Comunque sta bene. La vittoria con la Roma è fondamentale, perché ci consente di essere a 5 punti con una partita in meno. Ma non mi sorprende il loro filotto. E’ una squadra di qualità. E’ ancora una delle candidate al titolo perché potenzialmente può arrivare a 86 punti con lo scontro diretto Roma-Napoli, quindi più o meno la quota Scudetto è a 87”.

Massimiliano Allegri

Allegri: “Mese complicato, ma non sono preoccupato”

Insomma, in questo mese la Juve si gioca tutto, dal campionato alla Champions contro il Bayern Monaco:

“Non sono preoccupato. Mancano ancora 11 partite. Noi dobbiamo vincere con l’Atalanta e non sarà semplice. Abbiamo 3 punti di vantaggio e dovremo essere bravi a tenere questo distacco o ad aumentarlo. Difesa a tre o a quattro? Devo ancora decidere. Per quanto riguarda la prestazione di mercoledì di Rugani, posso dire che ha fatto un buon primo tempo, poi tutta la squadra non ha fatto bene. E’ giovane e ci sono grandi aspettative per un ragazzo che ora ha 22 anni e davanti ha 4 giocatori fortissimi. Non basta una prestazione non all’altezza per bocciarlo. Sono convinto che diventerà un giocatore importante per il futuro della Juventus”.

Contro l’Inter, al di là di assenze ed errori, la Juventus non è parsa nemmeno in condizione:

“Mercoledì ci siamo allenati. Abbiamo fatto 120 minuti e ne abbiamo fatti di chilometri. Noi stiamo bene come il Napoli e la Roma, ma dobbiamo pensare a noi stessi. Se vinciamo con l’Atalanta, sicuramente restiamo a +3 dal Napoli con una partita in meno da affrontare. Io sottovalutato in Italia? Non mi sono mai sentito sottovalutato. Sono in un grande club e ho un contratto con la Juventus ancora per un anno. Prima volevate farmi imparare l’inglese, poi lo spagnolo. E’ difficile imparare due lingue in due mesi – conclude – , al massimo si può migliorare l’italiano…”

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi