Al Ittihad vs Juventus: 2-2 | JMania

Al Ittihad vs Juventus: 2-2

Festa doveva essere e festa è stata. A Jeddah, la Juventus si prende un doppio bagno di calore, quello climatico (visti i quasi 30 gradi, rispetto all’inverno torinese) ma soprattutto quello del pubblico saudita che gremisce lo stadio Prince Abdullah Alfaisal. L’ultima uscita del 2009 bianconero – e la prima di Roberto Bettega dopo il …

giovincoFesta doveva essere e festa è stata. A Jeddah, la Juventus si prende un doppio bagno di calore, quello climatico (visti i quasi 30 gradi, rispetto all’inverno torinese) ma soprattutto quello del pubblico saudita che gremisce lo stadio Prince Abdullah Alfaisal.
L’ultima uscita del 2009 bianconero – e la prima di Roberto Bettega dopo il ritorno alla Juve – si chiude con un pareggio per 2-2. Succede tutto nel primo tempo.  Vantaggio dei padroni di casa con Khariri. Risultato ribaltato dai gol di Giovinco e Poulsen, entrambi propiziati da Del Piero. Prima dell’intervallo il pari definitivo di Aissa. Nella ripresa il risultato non cambia nonostante le tante occasioni create da Amauri, Giovinco e Tiago.
Al di là del risultato, Ferrara porta a casa indicazioni utili per il futuro. Soprattutto i minuti messi nelle gambe dopo l’inattività. Note negative sono invece le uscite anzitempo di Molinaro e del giovane Marrone.
Per l’ultima dell’anno, sebbene non ufficiale, Ciro Ferrara manda in campo una squadra altamente competitiva. Senza Buffon, Chiellini, Zebina, Caceres, Salihamidzic, Camoranesi, Felipe Melo, Diego e Iaquinta rimasti a Vinovo e Sissoko già in ritiro con il Mali per la Coppa d’Africa, la Juve si schiera con un 4-4-2: Manninger in porta, difesa con Grygera, Legrottaglie, Ariaudo e Molinaro, Giovinco, Poulsen, Marchisio e De Ceglie a centrocampo, Del Piero e Trezeguet di punta.


La Juve a Jeddah è sinonimo di festa. Lo stadio Prince Abdullah Alfaisal è tutto esaurito per vedere all’opera i bianconeri. Ma c’è altro da celebrare: il saluto al calcio di Hamzah Idris, un idolo del pubblico saudita. Per lui è pronta una cerimonia che fa slittare di mezz’ora l’inizio del match. Festa che continua anche in campo, tanto che i padroni di casa riescono a trovare il vantaggio all’11’ con un tiro da fuori di Khariri che sorprende Manninger.
La squadra di Ferrara reagisce al meglio. Giovinco, schierato nell’insolita posizione di esterno destro di centrocampo, trova modo di diventare protagonista segnando il pareggio al 17’ su grande assist di Del Piero.
Nell’Al Ittihad è un cambio continuo, con giocatori che entrano ed escono. Tutti vogliono partecipare all’evento e i bianconeri non ci stanno a fare da comprimari. Del Piero è in palla e mette continuamente i compagni i condizione di poter colpire. Come al 33’, quando una sua pennellata è sfruttata al meglio da Poulsen che insacca di testa. Dieci minuti dopo, ancora tocco del capitano per Trezeguet che mette alto.
Ferrara perde Molinaro, uscito dopo una botta e sostituito da Grosso, e prima del riposo deve assistere al pareggio saudita. Merito di una grande azione corale con la sponda di tacco di Idris e il gol di Aissa, giocatore prestato per l’occasione alla squadra di mister Calderon. All’intervallo è un 2-2 che insacca con un tiro che si infila dopo aver colpito il palo.
Ripresa. I cambi questa volta sono bianconeri. Entrano Chimenti, Cannavaro, Tiago e Amauri. Il brasiliano entra subito in partita e sul cross di Giovinco ci prova di testa ma la sua conclusione viene deviata in angolo. Più pericolosa ancora quella del 15’: l’attaccante si presenta solo in area ma batte sul portiere in uscita.
Giovinco ha ancora tanta voglia e un attimo dopo si merita gli applausi per un tiro al volo parato a terra. Seba apprezzabile anche come uomo d’assist: cross da destra e colpo di tacco in corsa di Tiago che poco non trova un gol da fuoriclasse.
A metà tempo, Ferrara fa rifiatare Marchisio e Del Piero e manda dentro Marrone e Immobile. Pochi minuti dopo arriva il momento di Fausto Rossi al posto di Giovinco, uno dei migliori. A completare il giro dei cambi ci pensa l’ultimo Primavera, il difensore Alcibiade che prende il posto di Grygera.
Con tanti ragazzi che hanno voglia di mettersi in luce, la Juventus ci prova fino alla fine, nonostante debba chiudere in 10 per l’uscita di Marrone a cambi ultimati. Ma il gol partita non arriva e il 2-2 diventa risultato finale, per la gioia dei tifosi sauditi che gremiscono lo stadio di Jeddah.
(Credits: Juventus.com)

4 commenti

  1. Mamma mia. Ho visto un Manninger da brividi. Sono preoccupato.

  2. Sono partite senza testo…i nostri toglievano la gamba spesso e volentieri.Ottimo Giovinco in versione Camoranesi….

  3. finalmente un grande TIAGO

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi