Agnelli "Nel cuore trenta scudetti ma ufficialmente 28" | JMania

Agnelli “Nel cuore trenta scudetti ma ufficialmente 28”

Agnelli “Nel cuore trenta scudetti ma ufficialmente 28”

“Per i documenti ufficiali è il 28esimo. Ma per ogni singolo juventino nel mondo è il 30esimo. È una questione molto delicata. Noi viviamo con i sentimenti, quando dico che uno dei privilegi nel gestire la Juventus sta nel fatto che si gestiscono anche i sogni e le emozioni della gente. Nelle nostre emozioni e …

“Per i documenti ufficiali è il 28esimo. Ma per ogni singolo juventino nel mondo è il 30esimo. È una questione molto delicata. Noi viviamo con i sentimenti, quando dico che uno dei privilegi nel gestire la Juventus sta nel fatto che si gestiscono anche i sogni e le emozioni della gente. Nelle nostre emozioni e nei nostri sentimenti ne abbiamo 30”. Il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha rilasciato un’intervista alla prestigiosa CNN, nel corso della quale il numero uno bianconero ha trattato numerosi argomenti. Non ultimo, il prossimo assalto alla Champions League:Noi siamo la Juventus e come tutti i club prestigiosi dobbiamo puntare sin da subito a tutti i trofei per cui siamo in corsa. E ovviamente il mio discorso riguarda anche la Champions League. La Juve deve arrivare in primavera, momento in cui si decidono le sorti di ogni competizione, con la possibilità concreta di vincerle tutte. Dobbiamo provarci sin dalla prossima stagione, perchè per questo genere di cose non è mai troppo presto”, ha spiegato Agnelli.

Impossibile, poi, esimersi da una considerazione sull’addio di Del Piero, che venerdì in conferenza stampa parlerà del suo immediato futuro: “Alex rappresenterà a vita la Juventus, come Platini e Boniperti che ho sempre ricordato pensando alla nostra storia in Serie A. Il modo in cui Del Piero ha salutato i nostri colori è stato straordinario. Ha potuto sollevare nel suo stadio il trofeo dei Campioni d’Italia ed è stato omaggiato di una standing ovation di ben quindici minuti. E’una storia incredibile! Noi gli saremo grati in eterno per le gioie che ci ha regalato”.

Fonte: Canalejuve

12 commenti

  1. Era in America, intervistato dalla CNN… sarebbe stato complicato spiegare in due parole questa “pagliacciata all’italiana” col rischio di essere poi (ingiustamente) accusato di smerdare l’Italia davanti agli americani… Ha saggiamente mantenuto un basso profilo.. Infatti il ricorso al Tar e alla corte d’appello di Roma non sono mica stati ritirati?

  2. E da mo che lo dico e che lo scrivo. Tutto è compiuto. Il resto, comprese le presunte recriminazioni piemontesi, sono solo chiacchiere e pittura.

    Saluti..

  3. @Andrea, non dimenticare che siamo stati sbattuti in B, con l’assenso di quella dirigenza e dei legali della JUVE. Capisco che la dirigenza non è quella di allora (mi scuso con A. Agnelli per il confronto), ma questo rilassamento mi preoccupa.
    Sei certo che ci sarà una sentenza che ci ridarà i NOSTRI 2 scudetti?
    Per poterlo sperare, vorrei vedere la nostra dirigenza muoversi e battagliare con più incisività. Lo stile JUVE non basta.
    Riprendersi ciò che è stato rubato, è un diritto e non solo questione di cuore. Se non acceleriamo i tempi, ………. il ferro si fredda e non si potrà più battere.

  4. Quando ci sarà una sentenza che stabilirà la legittimità dei due scudetti revocati allora saranno trenta. Sino ad allora si può solo lottare in sede giudiziaria per portare avanti le proprie ragioni. Ora è una questione legale: il cuore non serve a nulla ed è pure controproducente alla causa.

  5. Mai messa in dubbio la voglia di Agnelli di riavere i due scudetti.

  6. redazione l’intervista di Agnelli era in inghilterra c’è pure su youtube cmq non è ARIA D’ARRESA perchè il ricorso al tar c’è la richiesta del risarcimento danni non è stata ritirata ma per non far brutte figure FUORI DALLE MURA ITALIANE il presidente ha detto queste testuali parole……

  7. Ma è una mia impressione o per una dichiarazione identica Del Piero è stato linciato per settimane?

  8. Secondo me èil preludio al fato che la terza stella ufficiale non cel a fanno mettere come già pensavo io. Stelle stilizzate o nel marchio che potrebbe mettersi quasliasi cretino io spero non se ne mettano piuttosto aspettiamo l’esito dei processi e mettiamo la terza stella quando gli scudi tornano a casa.

  9. Fino a ieri ho lodato Andrea Agnelli per aver contribuito a portare la JUVE alla conquista del 30° scudetto. Oggi devo dire che queste sue dichiarazioni mi lasciano l’amaro in bocca e mi deludono.
    Non voglio ricredermi, pensando bene di A Agnelli, ma credo che se continua così, dovrò farlo.
    Spero di sbagliarmi, ma le sue parole mi suonano come fossero una resa.
    Gli JUVENTINI, quelli veri, sanno di essere stati derubati di due scudetti e non intendono sentirli solo nel cuore; li vogliono riconosciuti ufficialmente e vedere le tre stelle sulla maglia.
    Dare ragione agli incompetenti e ai disonesti, rappresenta la più grossa sconfitta per la JUVE e per tutti gli JUVENTINI.
    Caro Presidente, grazie di tutto ma, IO NON CI STO’.

  10. secondo me c’è un po’ di confusione al riguardo.
    Per l’almanacco, fa bene A.A. a precisarlo, sono 28.
    Per il momento.
    Per noi sono 30.
    Quando saremo riusciti a far valere le nostre ragioni, cosa che Cobollo Giglio et alii non hanno voluto fare, saranno 30 per tutti e non solo per noi.

  11. C’E’ aria di arresa!!!!!!!!!!! A.A SONO……….. TRENTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

  12. Ma cosa sarebbe questa storia dei 30 nel cuore e 28 ufficiali?? No, no, così non và. Gli scudi sono trenta e basta!! Trenta sul campo, sulla maglia, nella storia, nella testa, ovunque, altro che nel cuore. Che sono questi sentimentalismi, cavolaccio. Non abbassiamo la guardia con gli “incompetenti” della FGCI e i loro amichetti delle varie testate e tv milanesi. Bisogna mantenere la linea della fermezza, senza se e senza ma. Ci hanno derubati di due scudi vinti sul campo e mandati in B per far vincere i cartonati in slitudine, non dimentichiamolo. Che nessuno pensi che uno scudetto, anche se estremamente godurioso, o addirittura una Champions vinta contro il Barca, possano mai lenire il senso di ingiustizia che ognuno di noi si porta, questo si, fin dentro il cuore, da almeno sei anni, nessuno. Andrea Agnelli, forse ultimamente sei stato troppo vicino al cugino inetto, non facciamo scherzi!!!!

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi