Interviste Primo Piano Video

Agnelli deferito: “Accuse false, resterò a lungo” [VIDEO]

agnelli deferito conferenza
Scritto da Redazione JM

Andrea Agnelli, presidente della Juventus, è stato deferito dalla Procura della Figc per la nota vicenda dei biglietti agli ultrà: la sua replica

Andrea Agnelli, presidente della Juventus, è stato deferito dalla Procura della Figc per la nota vicenda dei biglietti agli ultrà. Nella notifica del deferimento, riferisce il numero uno del club bianconero, si parla espressamente di contatti con personaggi legati ad ambienti criminali. Eventualità che Agnelli nega seccamente: assieme a lui sarebbero stati deferiti anche l’ex capo del marketing Calvo e il security manager D’Angelo sulla base degli incartamenti ricevuti dalla Procura di Torino, che però non ha mai indagato i dipendenti della Juventus e il suo presidente.

Convocando una conferenza stampa in fretta e furia, Agnelli si è difeso così (trascrizione a cura di ‘Tuttosport’):

“Buongiorno a tutti e grazie di essere qua - esordisce il numero uno della Juventus - . Poco fa mi è stato notificato un deferimento della procura federale. Questa società i suoi dipendenti e il sottoscritto non hanno nulla da nascondere ecco perché sono qua. Nei mesi scorsi i dipendenti della Juventus hanno collaborato con la Procura della Repubblica di Torino come testimoni. Questa veste di testimoni è stata messa sotto controllo con metodi invasivi e meticolosi, comprese intercettazioni telefoniche e anche dopo questa verifica erano testimoni e sono rimasti tali. Ora la procura federale della Figc emette un deferimento nel quale si ipotizza un rapporto di collaborazione con la criminalità organizzata. Il che non è rispondente alla realtà e alla giustizia.

Ricordo che le partite vengono organizzate in stretta collaborazione con le Forze dell’Ordine. Difenderò nelle sedi opportune il buon nome della Juventus che già in passato è stata oggetto di curiosi esperimenti giuridici da parte della giustizia sportiva, ma vi invito ad approfondire con grande attenzione la vicenda e l’inchiesta nella quale sono curiosamente spariti gli accusati mafiosi e sostituiti dai testimoni, colpevoli solo di lavorare per una società il cui nome è famoso. Per ovvi motivi non rispondo nel merito, ma è doveroso. Siate però testimoni e non strumenti per conclusioni pregiudiziali. Come ho già scritto la scorsa settimana non ho mai incontrato boss mafiosi.

A cadenze regolari ho incontrati tutti i tifosi, dai club doc agli ultrà, alla luce del sole e a pieno titolo dei doveri di un presidente. Se taluni di questi personaggi hanno poi assunto vesti diverse non era noto né a me né alla Juventus. Se poi qualcuno di voi vuole dire che gli ultrà non sono stinchi di santo, posso concordare, ma rispetto le leggi dello stato e quei personaggi non avevano restrizioni per assistere alle partite o di alcun tipo. La Juventus collabora con lo Stato ed è stata anche indicata come esempio virtuoso. Credo che fosse doveroso presentarmi qui davanti a voi come lo farò con la commissione Anti Mafia. Quanto al fatto che alcuni hanno ipotizzato di un cambio ai vertici della società, mi spiace deludervi, ma questo management rimarrà ancora a lungo alla guida della Juventus”.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi