Agnelli al Cda: "Paghiamo l'incapacità di rinnovamento degli ultimi 4 anni. Del Piero lascia a fine stagione" | JMania

Agnelli al Cda: “Paghiamo l’incapacità di rinnovamento degli ultimi 4 anni. Del Piero lascia a fine stagione”

Agnelli al Cda: “Paghiamo l’incapacità di rinnovamento degli ultimi 4 anni. Del Piero lascia a fine stagione”

Andrea Agnelli ha gettato le basi per la Juventus del futuro e lo ha fatto aprendo l’odierna Assemblea del soci riuniti a Torino, per deliberare principalmente l’aumento del bilancio, resosi necessario per le gravi perdite dell’esercizio precedente: “La Juventus ha vissuto negli ultimi anni cambiamenti profondi – ha esordito Agnelli – che ne hanno condizionato …

Andrea Agnelli ha gettato le basi per la Juventus del futuro e lo ha fatto aprendo l’odierna Assemblea del soci riuniti a Torino, per deliberare principalmente l’aumento del bilancio, resosi necessario per le gravi perdite dell’esercizio precedente: “La Juventus ha vissuto negli ultimi anni cambiamenti profondi – ha esordito Agnelli – che ne hanno condizionato sia il rendimento sportivo sia i risultati economici. Il bilancio che sottoponiamo alla vostra approvazione è la fotografia cruda di questa realtà: da un lato abbiamo saputo trovare le risorse, le competenze e la volontà per portare a compimento un progetto ambizioso e rivoluzionario per il calcio italiano, come il nuovo stadio, ma dall’altro non abbiamo ancora raggiunto il nostro obiettivo fondamentale, cioè avere la capacita di competere ad alto livello”.
Poi il numero uno di Corso Galieleo Ferraris, ha anticipato l’addio alla Juventus di Del Piero a fines stagione: “Con il nuovo stadio siamo i primi in Italia a raggiungere questo obiettivo e a raggiungere i nostri competitor europei. L’unico legame con il passato resta il nostro capitano Alessandro Del Piero, che ha voluto rimanere un ultimo anno da calciatore della Juventus e a cui dedichiamo tutti un grande applauso”.
Prima, però, il capitano vorrebbe lasciare con un trofeo, anche se la strada è in salita: “Non illudiamo nessuno – puntualizza Agnelli -; la rosa è competitiva ma vogliamo crescere in esperienza. Il bilancio peggiore della nostra storia è dovuto anche a incapacità di rinnovamento della parte sportiva per 4 anni. La nuova organizzazione societaria, il completamento del rinnovamento della prima squadra, il rilancio del settore giovanile, l’ottimizzazione degli investimenti sportivi, l’attività del nuovo stadio, il rafforzamento della capacita di autonoma di generare ricavi e il controllo dei costi di struttura”, ha concluso davanti agli azionisti il Presidente.

[youtube width=”540″ height=”370″]http://www.youtube.com/watch?v=QsJBB3DKDuE[/youtube]

12 commenti

  1. presidente agnelli sei la vergogna di tuo padre e di tuo zio, vergognati!

  2. E invece, al di là delle considerazioni su Del Piero, un grande….l’ultimo vero della Juve, concordo con Andrea Agnelli. Nella vita viene sempre quel momento, e quel momento era maturo già l’anno scorso…Bisogna assolutamente voltare pagina. Se non si vuole avere un grande futuro dietro le spalle si deve doverosamente e dolorosamente cambiare..forse possiamo discutere di opportunità sul momento, ma c’è chi parla a nuora perché suocera intenda….bravo Andrea…

  3. Quella su Del Piero,è stata proprio una dichiarazione fuori luogo,specialmente nei modi e nei tempi.
    Poteva aspettare i prossimi mesi e lasciarlo dire al giocatore.
    Speriamo bene,a volte basta poco per destabilizzare uno spogliatoio e rovinare una stagione

  4. Buona sera cari tifosi juventini, una parte del mio cuore e della mia juventinità oggi è morta.Come si puo dare una notizia cosi in un contesto che non c’entra nulla a colui che ha fatto la storia di un club conosciuto in tutto il mondo e con il maggior numero di tifosi in italia.Caro agnelli ,DEL PIERO non è un trentasettenne normale, è IL CAPITANO E ANCHE SE SEI IL NOSTRO PRESIDENTE NON PUOI PERMETTERTI MINIMAMENTE DI RIVOLGERTI COSì A SUA MAESTà.HA dovuto sudare per dimostrare sempre il suo valore,sempre con umiltà e professionalità a demolito tutti i record suoi e della juve, e ora lo scaricate così.CHE SCHIFO FATE PENA .

  5. Erano tre anni che si pensava al 2012 come l’ultimo anno di Del Piero, quindi è solo stata la conferma a un fatto tutto sommato noto. Peccato che non abbiano mai pensato a questo giorno. Anche la Roma è nella stessa situazione.

  6. Il campo parla chiaro e stato ancora decisivo anche domenica ah quasi 37 anni suonati… andrea agnelli(che ci abbia parlato o no)se la doveva risparmiare !!!!

  7. Il fatto che Del piero lasci a fine stagione non mi sorprende, perchè ritengo che prima o poi bisogna cambiare pagina, anche se questa è stata splendida e irripetibile. Inoltre a mio modo di vedere, negli ultimi tempi Alex teneva più a battere propri record personali, che a fare il bene della squadra. Detto ciò, non sono assolutamente d’accordo con i tempi e i modi usati dal presidente Agnelli, si doveva e poteva fare in modo molto diverso. Le dichiarazioni di oggi rafforzano l’idea in me che la Juve non avrebbe voluto rinnovare il contratto al capitano l’anno scorso, ma l’ha fatto perchè messa spalle al muro dal video della firma in bianco.

  8. Darrell Abbott

    “Quella di Del Piero che lascia da calciatore nel 2012 è una non-notizia: ci mancherebbe altro che si rinnovasse ancora….”….NON CI SONO PAROLE PER COMMENTARE.Saluti.

  9. @Rdazione JM.sicuramente Andrea ed Alex si saranno parlati, però questo annuncio (oggettivamente GLACIALE) non mi è piaciuto, non mi è piaciuto per NIENTE!!!

  10. Posso dire la mia? Ma che ne cessità c’era di dire al Cda che Del Piero a giugno lascia? Boh…

  11. @Enrico
    C’è bisogno di far nomi? oramai li abbiamo impressi a fuoco nella mente!
    Almeno adesso fanno danni altrove.

  12. Enrico Fracassi

    Quando parla di incapacità, Agnelli, sarebbe bene facesse anche nomi e cognomi. O forse non li puo’ fare?
    Quella di Del Piero che lascia da calciatore nel 2012 è una non-notizia: ci mancherebbe altro che si rinnovasse ancora….

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi