Abete sugli arbitraggi: "Clima più sereno, niente più sospetti" | Juvemania

Abete sugli arbitraggi: “Clima più sereno, niente più sospetti”

Abete sugli arbitraggi: “Clima più sereno, niente più sospetti”

Proprio mentre il Milan batte il record di rigori concessi in un solo girone, mentre alla Juventus non viene dato un penalty neanche se il bianconero di turno viene trucidato in area, il presidente della Figc, Giancarlo Abete, intervenuto stamane ai microfoni della trasmissione ‘Radio Anch’Io Sport’, fa il punto della situazone arbitrale dichiarando di …

Proprio mentre il Milan batte il record di rigori concessi in un solo girone, mentre alla Juventus non viene dato un penalty neanche se il bianconero di turno viene trucidato in area, il presidente della Figc, Giancarlo Abete, intervenuto stamane ai microfoni della trasmissione ‘Radio Anch’Io Sport’, fa il punto della situazone arbitrale dichiarando di respirare un nuovo clima, più sereno e privo delle polemiche e dei sospetti del passato:

“Vedo un clima di rispetto e una dimensione di critica sempre forte, ma molto più serena, che comprende le difficoltà dell’arbitro di decidere in pochi secondi, meno collegata alla cultura del sospetto. Mi sembra sia venuta meno la cultura del sospetto che è sempre stata riferimento consuetudinario. Io sono soddisfatto. Arriviamo all’incontro di oggi con lo spirito giusto, c’è un clima di rispetto verso il mondo arbitrale”, ha spiegato il numero uno della Figc nel corso dell’incontro con capitani, allenatori e arbitri.

6 commenti

  1. Chissà se avrò, un giorno, la soddisfazione di vedere processare e condannare coloro i quali hanno fatto del calcio italiano ciò che hanno voluto!! Questi strani individui, esseri ignobili hanno, ancora oggi, la sfacciataggine di mostrarsi e aprire bocca. Con i loro “mezzi”, e con quelli dei loro padroni, si sono creati il fortino (Coni-Figc) che, fino ad oggi, li ha tenuti al sicuro. La storia ci insegna, però, che in passato sono cadute teste di personaggi più “autorevoli” di questi imbroglioni e incompetenti. Prima o poi (spero presto) pagheranno!!!!!

  2. L’ipocrisia di questi personaggi è vomitevole. Costoro sono il peggio del nostro calcio. I veri responsabili dello sfacelo del nostro campionato. Però, a differenza di società, giocatori e tifoso, i vari Ebete, Petruccio e Carrera, rimangono sempre incollati alle loro poltrone, cicciuando alacremente il denaro pubblico dello Stato. Spero nel profondo che quando verrà fatta chiarezza sullo scandalo del 2006, dopo che si mostrerà in tutta la sua gravità il nuovo scandalo di scommessopoli, oltre alle teste dei soliti noti, cadano innanzitutto le loro capocce ben oliate da mamma pubblica amministrazione. Incompetenti per definizione, primo o poi qualcuno di questi soggetti, che comunque dovrebbero tutelare e presiedere al buon funzionamento del sistema, sparisca dalla scena, in modo tale da dare la stura finalmente ad un vero rinnovamento.

  3. Costui ha davvero coscienza di quanto afferma??? Ma legge i commenti degli allenatori? Vede i rigori fasulli assegnati al Milan???!!! Certo, il clima è più pacato perché Mediaset TACE e COPRE gli orrori arbitrali a favore della squadra del proprio Presidente…ah già, trattasi di Berlusconi colui che secondo Auricchio nulla ha a che vedere con Mediaset?! Lasciam perdere, per favore…se in Italia domattina raccomandati ed incapaci si dimettessero non sapremmo dove metterli!

  4. Abete (con auricchio, facchetti, galdi, moratti, nucini, monti, narducci e guidorossi), è un simbolo eterno di vergogna, slealtà e falsità

  5. ahahahah, che rapidi che siete! 😀

  6. Eccerto che non c’è il sospetto, i rigori li date al Milan, mica alla Juve.

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi