Abete, Moratti e Petrucci, tutti contro il ricorso Juve: "Non era il momento" | JMania

Abete, Moratti e Petrucci, tutti contro il ricorso Juve: “Non era il momento”

Abete, Moratti e Petrucci, tutti contro il ricorso Juve: “Non era il momento”

Sono bastati pochi minuti alla Juventus, con il suo ricorso alla Tar contro Figc e Inter, per scatenare un vero e proprio putiferio. Il più duro è stato senza dubbio il presidente federale Giancarlo Abete: “Era preannunciato che ci sarebbe stata una iniziativa della Juventus sul versante risarcitorio, ma probabilmente questo non era il giorno …

Sono bastati pochi minuti alla Juventus, con il suo ricorso alla Tar contro Figc e Inter, per scatenare un vero e proprio putiferio. Il più duro è stato senza dubbio il presidente federale Giancarlo Abete: “Era preannunciato che ci sarebbe stata una iniziativa della Juventus sul versante risarcitorio, ma probabilmente questo non era il giorno giusto per presentarla, si poteva anche attendere un altro giorno. Però, ciò posto, ovviamente, è una situazione in corso e quindi cercheremo di portarla avanti tranquillamente. La Federazione ha avuto lo stile di non commentare la sentenza di Napoli, anche in attesa delle motivazioni, e manterrà questo tipo di stile e questa coerenza che c’è sempre stata e intende mantenere”, ha dichiarato il numero uno della Figc a margine del Premio Facchetti.
Nel corso della stessa premiazione, alla quale ha partecipato anche il Presidente Uefa Platini, non ha lesinato una stilettata al club bianconero anche il presidente dell’Inter Massimo Moratti: “Il ricorso presentato proprio oggi? In una giornata come oggi non credo che il cattivo gusto arrivi fino a quel punto…”.
A fare da eco, anche il presidente del Coni Petrucci, che sempre a margine del Premio Facchetti ha rilasciato le seguenti parole: ”Oggi ci sono piu’ avvocati che presidenti e calciatori. La Figc e’ ben diretta e deve fare rispettare le regole, che i presidenti conoscono: non basta dire che investono i loro soldi e quindi possono decidere da soli”.
La Juventus ha deciso di dichiarare guerra al sistema, la battaglia è appena incominciata e gli schieramenti, da quello che si apprende da queste dichiarazioni, sono ben delineati.

10 commenti

  1. dobbiamo mandarli in bancarotta… prescritti & conniventi vari…

  2. Ci vuole proprio una bella faccia tosta per permettersi di voler dare lezione di stile a chi ha sempre dimostrato che, a differenza loro, di stile ne ha da vendere. Il Presedente Agnelli, farebbe bene ad ignorarli e continuare la lotta contro questi esseri striscianti.

  3. Stefano - Uliveto Terme Pisa

    Come fanno queste persone a parlare di rispetto quando, permettono i tifosi intertristi e violacei di offendere con striscioni e canzoni i nostri 39 tifosi morti in quella maledetta finale ….. a me degli interisti non me ne frega niente e dopo quello che è emerso tra Telecon e Calciopoli sono ancora più insensibile!!!!! spero di festeggiare nuovamente al ristorante il prossimo intertriste

  4. E quel grand’uomo di Carraro? Perchè nessuno ne parla più? Da chi ricevette l’input di favorire Moratti? …forse da Moratti stesso? Sherlock Holmes

  5. Giorno più consono non si sarebbe potuto trovare. ‘Sto premio alla correttezza dovrebbe cambiare simbolo: Facchetti ormai è giustamente sputtanato.

  6. beh, ma così il postino ha fatto un viaggio solo! vuoi mettere che risparmio!

  7. Vecchia Viareggio

    Se il premio Facchetti è intitolato alla correttezza nello sport siamo proprio messi bene,
    premio intitolato, piaccia o non piaccia, ad uno che è stato riconosciuto da Palazzi (e non dalla Juventus) che ha violato l’art.6 ILLECITO SPORTIVO
    è come intitolare il premio Nobel a Toto’ Riina
    Rispetto per l’unomo Facchetti, sia chiaro, ma non l’ho fatto io un premio Correttezza ad uno che ha fatto Illecito sportivo, Prescritto ma sempre ILLECITO!

  8. Bravi. E’ e deve essere una guerra al sistema. Forse ne usciremo sconfiti, non lo so, ma intanto cominciassero a tirare soldi per gli avvocati. Guerra totale contro la figc e l’atalanta milanese. Questi lo stile lo invocano solo per gli altri. Che il loro di stile … STI PRESCRITTI! Bello stile quello.

  9. Sono d’accordo non esiste giorno migliore di questo. Rispetto per il morto d’accordo, ma bando ai falsi moralismi. La juve è stata distrutta in meno di tre mesi senza rispetto e dimenticando ciò che ha sempre rappresentato per l’Italia. Per liberarsi di Moggi e di Giraudo, che stavano dimostrando, come si fa veramente business nel calcio non hanno avuto scrupoli ed ora pretendono rispetto non si sa per che cosa. per il premio Facchetti? e che cos’è? ha sbagliato pure Platini a ritirarlo e non capisco perchè lo abbia fatto. Non pensavo fosse così soggiogato al potere da prestarsi alla sviolinata putrida del Ratto.
    Io sono con agnelli e sbaglia pure Moggi a pensare che abbiano esultato contro di lui. la juve ha esultato perchè in questo modo può andare avanti per la propria strada rivendicando i propri diritti anche economici(è una società alla stregua di qualsiasi impresa a scopo di lucro). E’ stato dimostrato che la Juve non c’entrava niente con quel sistema i Giudici lo hanno evidenziato. Resta fermo il fatto che distruggere Moggi è un abbaglio clamoroso dovevano colpire il sistema fare la pulizia che non c’è stata perchè il calcio oggi è sempre più sporco perchè sono rimasti in auge i veri rappresentatnti della cupola. In questo la sentenza (ampiamente pilotata) va totalmete rivista. Se condanni Moggi devi condannare tutti quelli che hanno agito come lui spinti dalla federazione che è dimostrato che sosteneva certi tipi di rapporti con la classe arbitrale, basti pensare che le società prevedevano figure (Meani) identificate ufficialmente come addette ai rapporti con gli arbitri. E’ tutto una buffonata.
    FOOOOOORZAAAAAAAAAAAAAAAAA JUVEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

  10. Capitan Haddock

    Perché non era il giorno giusto? Anzi, con tutti i ladroni riuniti per il premio intitolato ad uno di loro, quale giorno migliore?

Commenta

Questo sito utilizza cookies di terze parti. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi